Home / Moda / L’uomo ha da puzzà. Tendenze e falsi miti sul mondo maschile

L’uomo ha da puzzà. Tendenze e falsi miti sul mondo maschile

johnny deppHanno milioni di fan, sono seguiti in tutto il mondo, hanno fior fiori di stylist e make up artist.. ma venire da marte o da Venere nel mondo delle celeb fa una grande differenza.

Se sei una donna prima di esporti al pubblico ludibrio ti devi sottoporre a trattamenti di bellezza che neanche la regina cattiva di biancaneve: dalle mutande contenitive ai corsetti da apnea, dalle sanguisughe alle maschere al caviale, sai di dover essere perfettamente elegante o perfettamente stravagante ingabbiata in impalcature da circo perchè ogni tuo pelo o centimentro di ricrescita sarà messo sotto la lente d’ingrandimento.

Se sei un uomo è tutta un altra storia, più sei sfatto più sei cool. Johnny Depp fa scuola. Capello lungo possibilmente (finto) lurido  jeans e maglietta ma anche pantofole sotto lo smoking. A volte ti viene il dubbio che si facciano disegnare le occhiaie dal truccatore.. Questa è l’assurdità. Anche lì è tutto studiato, nulla è lasciato al caso. La maglietta sdrucita magari è di Armani..gli occhiali da sole apparentemente raiban aviator da plebeo che portava Brad Pitt a Cannes hanno un prezzo superiore a 1200 euro…

justin timberlakeE allora perchè tutto questo? perchè questa finta ostentazione di non curanza? ..ma perchè sanno che sotto la lente d’ingrandimento ci stanno pure loro. E se sei un uomo e ami lo shopping ti marchiano come gay, se ti depili pure, per non parlare di cosa possono pensare di te se fai pilates,  se hai il ciuffo phonato, se sai cos’è una pochette, se invece di infradiciarti virilmente sotto un acquazzone tiri fuori l’ombrellino.. Gli stilisti? tutti gay. I parrucchieri? pure. Attento a riconoscere la marca dell’abito di una signora. Il maschio da manuale “ha da puzzà”. Ma oggi non è più cosi, l’odore del sudore ( quello del giardiniere sexi tutto sudato dei film per capirci) è stato sostituito da raffinatissime eau de toilette all’ aroma di “terra e muschio”. Ora capisco che a vedere Zac Efron con le sopracciglia depilate e il lucidalabbra il dubbio ti viene, capisco che a te pimpante vent’enne malamente mollata da George Clooney un pò ti rode e capisco che fare coming out al posto degli altri sembra essere diventata una mania..ma rassegnati, molti uomini di oggi sono attenti a quello che indossano, fanno le prove di look prima di uscire e certe volte la piega dei loro capelli è migliore della tua. Ma non necessariamente sono gay. E un uomo con le mutande con i power ranger altezza ascellare e pantaloni al ginocchio che sfidano la forza di gravità non te lo fili nemmeno per caso. Vestiti bene e noteranno la persona vestiti male e noteranno il vestito. Vale per tutti ( mentre “vestiti di bistecche perchè cosi tutti parleranno di te” vale solo per Lady Gaga).

george clooneyAltro che parità fra i sessi.( che poi..quali sessi?! )Mentre eravamo impegnate a guadagnare i pantaloni, non ci siamo accorte che gli uomini stavano iniziando ad esplorare ciò che ci lasciavamo alle spalle. Ed ecco gli uomini cuochi, gli uomini dall’estetista  e gli uomini al passo con la moda. Il nuovo volto della campagna pubblicitaria di Chanel N. 5 è un uomo. Ci aspettavamo Angelina Jolie e invece sarà Brad Pitt il nuovo testimonial del profumo più famoso della storia, reso celebre dalla celeberrima frase pronunciata dalla diva senza tempo Marylin Monroe che dichiarò di non andare mai a letto senza due gocce di Chanel N. 5. Sinonimo di fascino e seduzione, l’essenza di quella bottiglietta è diventata nota in tutto il mondo, rappresentata di volta in volta dalla donne più belle del mondo: da Catherine Deneuve a Audrey Tautou, passando per Carole Bouquet, Nicole Kidman, Keira Knightley. Dopo circa 90 anni tuttavia, dal prossimo anno non sarà più una bellezza femminile a rappresentare il profumo. Qualcosa è cambiato…
2012: Justin Bieber vince i Fashion Fragrance Awards con il suo profumo da donna Someday e si piazza al terzo posto delle 100 star più influenti secondo Forbes..la fine del mondo è veramente vicina.

About Maria Teresa Squillaci

Maria Teresa Squillaci
Caporedattore Moda&Costume. Giornalista. Ho lavorato a La Stampa, Rai News24 e Sky Tg24. Nata a Roma, ho vissuto a Madrid dove lavoravo come ufficio stampa e social media manager. Scrivo di tutto quello che mi capita, dalla politica, alle sfilate, ai bigliettini di auguri, ma la cosa più difficile che ho fatto è stata scrivere questa auto-biografia. Twitter: @MTSquillaci

Check Also

Cambio di stagione, i 4 must have Autunno Inverno

Siamo a novembre eppure ci troviamo ancora nella situazione in cui una persona con il ...