Home / Architettura / After the Games #2

After the Games #2


[Continua da qui]
Mutatis mutandis, oggi la Guerra austro-turca non sembra essersi interrotta, solo trasformata in una ridicola battaglia a colpi di vignette satiriche ed attentati kamikaze. Ma di certo questa non si può ritenere la causa della nuova strategia improntata sull’austerity in tema di stadi. Infatti il grande nemico di oggi -mi chiedo se un domani non lo benediremo come quando si esce da una salubre doccia gelida- è la CRISI. Come si può pensare di investire in un complesso di infrastrutture sportive con i tempi che corrono .. esatto! Avete capito bene, punto primo non pensate di collocare i vostri soldini nel vecchio stivale, o quantomeno NO nella città di Roma. Bastano pochi esempi presi in ordine sparso: l’orribile ampliamento del “centrale del tennis” (non dimenticando MAI lo stato in cui versa la vicina Casa della Scherma), la “Città dello sport” di Tor Vergata, opera di Santiago Calatrava, progettata per i mondiali di nuoto del 2009 ed ancora ferma allo stato di cantiere, cantiere per altro bloccato e che continua a gravare sul bilancio per la sua messa in sicurezza e per il deterioramento dei materiali. Le infelici vicende del meraviglioso Flaminio, ad oggi uno degli stadi più belli d’Europa, completamente dimenticato dalle grandi società sportive romane. Per non parlare della balbettante quanto ridicola candidatura per l’Olimpiade 2020, dove, rendiamoci conto, la suddetta cittadella di Tor Vergata, progetto 2005 amministrazione Veltroni, sarebbe dovuta rientrare in gioco per un evento previsto quindici anni dopo.
Evidentemente l’Europa avanza su altri binari mentre il nostro carrozzone segue a stento nelle retrovie. Ed ecco che la lezione arriva proprio da quel paese che in Europa ci ha messo sempre e solo un piede. Londra 2012 è stata per l’intero Regno Unito un’esibizione di qualità, efficienza ed organizzazione che oggi pochi stati al mondo potrebbero eguagliare. Passata la sbornia olimpica e le numerose congratulazioni nei confronti del governo di “Sua Maestà” possiamo limitarci ad una breve analisi delle infrastrutture.  Il primo elogio, e qui chi mi conosce apprezzerà lo sforzo, è per lo studio di Zaha Hadid, capace di impacchettare dignitosamente il nuovo Aquatics Centre con delle tribune laterali provvisorie montate per l’intera durata dei giochi. Certo lo studio co-diretto da Patrick Schumacher avrà visto frustrata la propria fluida poetica, metaforicamente ideale per uno stadio del nuoto (pregevolissimo il complesso di trampolini), con le due tribune aggiuntive così rigorose e fuori scala, ma credo che sia stato proprio questo rigore imposto che ha dato all’opera una certa severità, fin d’ora sconosciuta nei lavori dell’architetto anglo-irachena. Con il velodromo, lo studio Hopkins Architects ha risposto concependo un’opera impeccabile capace di attirare gli onori dalla critica: “Style and styling quickly dates. But the understated product of synthesis trascends fashion and satisfies in the long term”[1].
Ma a mio modo di vedere il vero capolavoro di Londra 2012, fiore all’occhiello anche dal punto di vista strategico di questi “austerity Games”, è stato l’Olympic Stadium by Populous. In tema di stadi ed impianti sportivi per presentare questo studio si farebbe prima ad elencare i bandi che non ha vinto, soprattutto nella sua storia recente. Egemone assoluto della scena mondiale, Populous ha eseguito, tra gli altri, i lavori per Wembley (2007), la Soccer City di Johannesburg (2009) per i passati mondiali di calcio, e si appresta ad eseguire lo stadio per le Olimpiadi Invernali di Sochi del 2014 e la Arenas das Dunas, presso Natal in Brasile, per la prossima Coppa del mondo FIFA 2014. Il mio interesse nei loro confronti nasce nel 2011 quando ebbi la fortuna di assistere alla finale di Europa League tra Porto e Braga nell’ Aviva Stadium di Dublino appena ultimato da Populous. Probabilmente lo stadio più interessante degli ultimi dieci anni.
Per Londra non potevano che confermare tutto questo con una performance di un’intelligenza rara. Una struttura capace di ottenere una capienza pari a 80.000 posti a sedere durante i Giochi e di ridursi a manifestazione ultimata in un impianto di 25.000 posti. Una sostenibilità made in Britain, resa manifesta con pragmaticità ed eleganza.
Senza fronzoli e campanilismi, speriamo che Roma impari da Londra come si pianifica un’ Olimpiade .. visto che nel 60, in fondo non troppi anni fa, la storia la scrivevamo noi. 
Jacopo Costanzo


[1] Peter Buchanan, “STYLE VS SYNTHESIS”, AR, 1386, (August 2012), pp.49.

About Jacopo Costanzo

Jacopo Costanzo
Cofondatore di Polinice e del Warehouse of Architecture and Research - warehousearchitecture.org - Laureato a La Sapienza di Roma, lavoro presso lo studio MA a New York - ma.com -

Check Also

Herzog & de Meuron a Long Island

Herzog & de Meuron: una declinazione personalissima di ducks and decorated sheds.