Home / Filosofia / Angoscia!

Angoscia!

“Angoscia” deriva dal latino “angustia”. Ha la stessa radice di “angusto” e del verbo – sempre latino – “angere”. 
“Angere” vuol dire stringere, costringere, soffocare. Prova “angoscia” chi si sente soffocare, oppresso da un problema che non è in grado di focalizzare. Qui sta la grande differenza tra la paura e l’angoscia. La paura è sempre paura di qualcosa. Si ha paura di un esame, di ingrassare, di morire, di incontrare una persona poco gradita.  La paura inquadra la propria causa nitidamente e scompare quando il problema viene soppresso.
Nel caso dell’angoscia, non si può dire lo stesso. Il soggetto angosciato è irrequieto, o meglio, in-quieto: non conosce pace ma non gli è ben chiaro il perché. Di base verrebbe da dire che l’angoscia sia un tipo di paura priva di oggetto. In realtà una simile definizione è approssimativa. L’angoscia è paura di niente. Non è forse la stessa cosa? No. Il niente è qualcosa. Come lo zero è un numero, anche il niente è un ente. È un non-ente.
Detto ciò, possiamo provare a dare una definizione più precisa: l’angoscia è un sentimento di disagio nei confronti di un oggetto molto particolare, il niente.

Mi chiederete: «Ma con la crisi che c’è, con tutti i casini che c’abbiamo, come caspita ti è saltato in mente di scrivere proprio di “angoscia”? Non potevi continuare con quei tuoi – pallosissimi ma tanto rassicuranti – pistolotti sulla filosofia del linguaggio?».

L’obiezione è fondata.
Eppure, l’articolo di oggi era una necessaria premessa per trattare un tema che mi è molto caro, quello del niente, appunto, e di come Martin Heidegger lo affronti in «Che cos’è metafisica». Arrivederci a mercoledì prossimo.

Giulio Valerio Sansone

About Giulio Valerio Sansone

Giulio Valerio Sansone
Triennale in Filosofia a Roma, studente di Economia dell'Innovazione a Milano. Orgogliosamente parte della ciurma di Polinice dai suoi gloriosi albori. Vi fracassa le scatole un mercoledì ogni quattro.

Check Also

Marcuse 2.0

Marcuse parlava di «Uomo ad una dimensione». Oggi ha ancora senso? Forse no.