Home / Moda / Da Londra a New York, un Natale da fiaba con le principesse Disney
Cenerentola - Versace

Da Londra a New York, un Natale da fiaba con le principesse Disney

Cenerentola - Versace
Cenerentola – Versace

Harrods, Londra. Il Natale si tinge di fiaba e di fantasia con dieci principesse Disney a rendere uniche le vetrine del multibrand store di Knightsbridge. C’è Cenerentola, con le immancabili scarpette di cristallo, vestita da Versace. E poi c’è Biancaneve, fasciata in un abito di seta ricamato, firmato da Oscar de la Renta. Accanto a loro anche Aurora, La Bella addormentata nel bosco, vestita da Elie Saab, Mulan da Missoni, Jasmin di Aladdin da Escada, Raperonzolo da Jenny Packham e Tiana, protagonista de La Principessa e il Ranocchio da Ralph&Russo.

Barneys, New York. La campagna natalizia si intitola “Electric Holidays” e segue il successo della Lady Gaga Christmas Grotto del 2011. Per l’occasione i personaggi Disney si trasformano in modelle e modelli per le grandi maison e “trasportano” i grandi nomi della moda (come Franca Sozzani, direttore di Vogue Italia, Sarah Jessica Parker o Suzy Menkes) a “visitare” il mondo dei cartoons. E così Minnie veste Lanvin, Paperina Dolce&Gabbana e Pippo diventa modello per Balmain.

Cenerentola contro Minnie, Cartoni Animati contro Fumetti, Londra contro New York. Mondi e scuole di

Paperina - Dolce&Gabbana
Paperina – Dolce&Gabbana
Minnie - Lanvin
Minnie – Lanvin

pensiero che per Natale si confrontano sul terreno della moda. Avrebbero potuto avere chiunque, dalle stelle della moda a quelle del mondo dello spettacolo, ma sia a Knightsbridge che sulla 5th Avenue hanno puntato sulle uniche celebrieties che uniscono grandi e bambini. Tutti li conoscono, tutti li hanno conosciuti, sia che li abbiamo visti in videocassetta che in dvd o in 3D. I cartoni della Disney e la moda sono tra i più potenti creatori di tendenze nella storia.Ci hanno cresciuto con il mito dei vestiti con le sottogonne, dei corpetti e delle maniche a sbuffo, ti hanno insegnato che puoi lottare contro i draghi e sconfiggere il male, senza mai farti cadere la corona dalla testa e con l’ abito lungo.

Cambia il mondo, nuove sfide, nuovi temi, e così arriva Tiana: la prima principessa di colore. Con buona pace dei fedelissimi Disney i personaggi hanno subito un restyling in chiave moderna. Mentre Pippo, che in tutta Topolinia è uno dei pochi dotato del physique du rôle per salire su un catwalk, ha giusto subito un leggero ritocco di “hairstyle”, Paperina e Minnie si sono trasformate in silfidi diafane e magrissime per ovvie esigenze di copione, perchè ok le principesse, ma sentirsi un topolino cicciottello o una paperetta non è la condizione migliore per mettere mano al portafogli e darsi allo shopping.

Franca Sozzani e Sarah Jessica Parker
Franca Sozzani e Sarah Jessica Parker

Loro ti hanno dato il mito, la moda lo veste. Al progetto, pensato in collaborazione con la Disney, hanno aderito alcune tra le più importanti case di moda del mondo: Roberto Cavalli ha vestito Pocahontas; Belle di La Bellae la Bestiasfoggia invece un’esclusiva mise Valentino; Ariel, protagonista de La Sirenetta, ha indosso invece un abito lungo Marchesa. A New York dopo quelli delle favole, è il turno dei guro della moda del mondo reale: Sarah Jessica Parker , Brian Boy, Suzy Menkes, Steven Meisel e Carine Roitfeld sono i primi a comparire sulle vetrine del department store newyorkese, così iconici nel loro modo di essere da essere subito riconoscibili.

Vetrine non solo per bambini..

 

About Maria Teresa Squillaci

Maria Teresa Squillaci
Caporedattore Moda&Costume. Giornalista. Ho lavorato a La Stampa, Rai News24 e Sky Tg24. Nata a Roma, ho vissuto a Madrid dove lavoravo come ufficio stampa e social media manager. Scrivo di tutto quello che mi capita, dalla politica, alle sfilate, ai bigliettini di auguri, ma la cosa più difficile che ho fatto è stata scrivere questa auto-biografia. Twitter: @MTSquillaci

Check Also

Perché hanno tutti perso la testa per la nuova Rinascente a Roma

“Ci devi assolutamente andare! Sembra di stare da Saks sulla Fifth Avenue” dice al telefono ...