Home / Moda / Would you be my Valentine?

Would you be my Valentine?

Febbraio mette ansia: sessione di esami, Ansia. Organizzazione di ciò che dovrai fare finiti gli esami ma non hai tempo di fare, Ansia. Chili accumulati con incredibile velocita durante le feste che nemmeno un mese di dieta è ancora riuscito ad eliminare, Ansia. Ma soprattutto, San Valentino stressante per definizione.

Se sei solo ti prende ancora più a male, non per qualche romantico anelito sentimentale ma perché qualunque cosa tu volessi fare in un normale giovedì della tua vita, il 14 febbraio ti sentirai dire: “prenotazione per due nell’area cupido innamorato?”, “massaggio di coppia al cioccolato?”, “vuole un pacchetto regalo”. NO, sono solo io. Tre secondi di silenzio, sorriso compassionevole della commessa e poi:”certo nessun problema”.

Tra i fidanzati invece non manca chi inizia gia a pensare a qualche strategica litigata il tredici con scenografica riconciliazione il quindici, ma se il piano fallisce? Tocca festeggiare. Sebbene la storia del buon vecchio Valentino che aiutava i giovani innamorati a sposarsi ai tempi delle persecuzioni dei cristiani sia sconosciuta ai più e il significato di questa festa tutta orsacchiotti e cioccolatini si sia un po perso, fare o ricevere un piccolo regalo non ha mai fatto mal. Soprattutto in tempi in cui si tende tra gli innamorati a dare tutto per scontato possiamo dare una seconda possibilità a questo commercialissimo San Valentino.

Come in tutte le cose c’è modo e modo, e il più semplice è generalmente quello giusto. Tutti nei prossimi giorni cercheranno di vendervi tutto e sarà rigorosamente a forma di cuore. Ho letto questo annuncio: “Una notte in un igloo a forma di cuore nel villaggio-igloo posto a circa due ore di sentiero dall’ultimo impianto di risalita raggiungibile con ciaspole o di sci da alpinismo. Arrivare in vetta insieme alla dolce metà renderà ancora più romantico il soggiorno.” ….perchè poi lui ti butta di sotto. Questa rientra piu nelle proposte per farsi lasciare probabilmente.

Che dire poi del Cupido On Boat, una cena a lume di candela sul veliero in legno e mogano a Roma. Peccato che sia febbraio, che il freddo entra e esce dalle tue ossa indisturbato, che nell’acqua ci sono i pinguini e non i delfini e che visto il vento probabilmente la candela è elettrica..

Altra proposta molto in voga è regalare la lingerie.Victoria’s Secret, Intimissimi e tutte le più grandi case propongono capsule collection per l’occasione. C’è qualcosa che mette più ansia a un uomo che entrare e aggirarsi spaesato in un negozio di intimo femminile e dover scegliere se comprare qualcosa per poi fronteggiare lo sguardo malizioso della commessa senza nemmeno poter dire un classico “è per un mio amico”? Le mutande ce le compriamo da sole, se proprio vi sentiti generosi quest’anno si sa che dopo i diamanti le scarpe sono le migliori amiche delle ragazze.

Mai come a San Valentino ciò che conta è il pensiero, quindi non impantanatevi in cene milionarie dai menù che per orrore sono secondi solo a quelli di Capodanno, basta davvero una scatola di cioccolatini (ovviamente non quella lindt del supermercato, bellissima quella di Armani), un mazzo di rose o il tradizionale protagonista del 14 febbraio, il bigliettino. Per il resto nessuno vi giudichera se andate da Mcdonald invece che al Ritz o al cinema invece che al planetario.

 

Comunque state tranquilli, come disse Miss Rossella: Domani è un altro giorno!

 

About Maria Teresa Squillaci

Maria Teresa Squillaci
Caporedattore Moda&Costume. Giornalista. Ho lavorato a La Stampa, Rai News24 e Sky Tg24. Nata a Roma, ho vissuto a Madrid dove lavoravo come ufficio stampa e social media manager. Scrivo di tutto quello che mi capita, dalla politica, alle sfilate, ai bigliettini di auguri, ma la cosa più difficile che ho fatto è stata scrivere questa auto-biografia. Twitter: @MTSquillaci

Check Also

Star all’altare, l’abito da sposa di Miranda Kerr e le altre

Una creazione, ispirata all’abito da sposa indossato da Grace Kelly nel 1956, con maniche lunghe, una ...