Home / Internazionale / Se la Corea del Nord mette paura al mondo

Se la Corea del Nord mette paura al mondo

Era atteso, in molti speravano non avvenisse mai; eppure Pyongyang alla fine ha effettuato con successo il suo terzo esperimento nucleare. E’ il primo test effettuato dal regime comunista nordcoreano da quando Kim Jong-un è a capo del paese. Un atto che apre molti scenari – alcuni realistici, altri meno – poiché nella questione coreana si nascondono ed intrecciano molti interessi delle super potenze mondiali. Dopo il tramonto dell’Unione Sovietica si possono definire superpotenze solo ed esclusivamente la Cina e gli Stati Uniti d’America. Quando si pensa ai test nucleari erroneamente si tende a credere, basandosi sull’esperienza delle bombe nucleari sganciate dagli Usa sul Giappone nel 1945, che essi siano sempre visibili. Invece, il test condotto dalla Corea del Nord è stato effettuato nel sottosuolo, tant’è che un terremoto artificiale di magnitudo 4.9 è stato registrato dal Servizio geologico degli Stati Uniti (USGS) con epicentro in un’area compatibile con quella di Punggye-ri, il sito dei test nucleari nel nordest del Paese. Come prevedibile e secondo la prassi, nelle ore successive al test effettuato dalla Corea del Nord si è svolta una “riunione d’urgenza” presso le Organizzazione delle Nazioni Unite.

I MOTIVI DELLA SFIDA AL MONDO – Oltre alle ragioni ideologiche viene naturale domandarsi cosa spinga la Corea del Nord a sfidare il mondo. In primo luogo, il recente cambio al vertice militare e politico, dovuto alla successione di Kim Jong-un al defunto padre Kim Jong-II, ha posto l’attuale leader nordcoreano nella condizione di dover dare un segnale di forza alla comunità internazionale e al suo esercito. Secondo molti analisti geopolitici e militari, infatti, da molto tempo si registrano malumori tra i generali nordcoreani nei confronti del giovane Kim Jong-un, considerato da molti troppo inesperto per guidare politicamente e militarmente il regime di Pyongyang. In secondo luogo, i due precedenti test nucleari effettuati dal 2006 in poi si sono rivelati un fallimento. Fallimento militare, tecnologico e politico. Da quei due test la Corea del Nord ricavò solo ed esclusivamente sanzioni internazionali, che hanno indebolito la più debole economia del mondo di stampo comunista. Ed è nelle sanzioni che risiede il terzo motivo della sfida al mondo: con il test nucleare Kim Jong-un vuole da un lato cercare di riaprire un tavolo internazionale e dall’altro bluffare sulle condizioni di apparente stabilità economica interna.

IL RUOLO DEGLI STATI UNITI D’AMERICA – Fin dal primo dopoguerra gli Stati Uniti d’America hanno imposto la loro presenza nell’area asiatica in funzione antisovietica. Non ci si scordi che a combattere la guerra in Corea furono gli stessi Stati Uniti d’America. Nell’ultimo lustro gli Stati Uniti si sono impegnati in ogni sede e in ogni modo a contrastare il regime di Pyongyang. Basti ricordare le parole dell’ex Presidente George W. Bush, che inserì la Corea del Nord tra i ‘paesi canaglia’. Da un lato gli USA agiscono attraverso la diplomazia con le sanzioni accordate in sede Onu, dall’altro con intelligence e azioni militari. In queste ultime ore si sta assistendo a manovre congiunte di USA e Corea del Sud nella regione coinvolta, alle quali dovrebbe aggiungersi il Giappone. Il Presidente Barack Obama ha definito il test come “altamente destabilizzante per la regione”. Immediatamente dopo il test, Obama ha avuto un colloquio telefonico con il presidente della Corea del Sud Lee Myung-bak per “consultarsi e coordinare la risposta” al test nucleare della Corea del Nord. Ora, come da più parti osservato, le sanzioni non hanno portato a risultati concreti e l’eccessiva attenzione degli Stati Uniti ai problemi mediorientali ha fatto sì che si perdesse l’interesse nell’opinione pubblica e presso il Congresso per un paese che, a differenza dell’Iran, realmente possiede la tecnologia per l’utilizzo di testate nucleari. Inoltre, bisogna tener conto della forza della Cina e della sfida lanciata da lungo tempo dagli USA per contrastare l’influenza nell’area del paese che fu di Mao Tse Tung. Ed è dalla Cina che dipendono i futuri equilibri della regione.

SE LA CINA SI STANCA – Xi Jinping, segretario da poco eletto del Partito Comunista Cinese e da Marzo Presidente della Repubblica Popolare, ha immediatamente condannato il test effettuato dall’alleato nordcoreano. I rapporti tra i due paesi da un biennio si stanno sempre più deteriorando. Eppure, per la Cina non è facile condurre la partita Nordcoreana. Da un lato, deve porre fine ai capricci del regime di Pyongyang; dall’altro, una possibile caduta dell’apparato militare al comando della Corea del Nord potrebbe far cadere tutta la penisola coreana sotto l’influenza statunitense. Per questo in molti, considerando la vicinanza geografica, la forza militare e dell’intelligence della Cina, prevedono nei prossimi anni un cambiamento ai vertici nordcoreani gestito sottotraccia da Pechino. Non furono gradite al Congresso del Partito Comunista Cinese le parole del leader Nord Coreano, che definiva “nemici” gli Stati Uniti d’America, e le troppe partite aperte in Asia non agevolano Pechino.

La soluzione al problema coreano va trovata prima che sia troppo tardi. Per la Cina e la sua influenza geopolitica. Per la Corea del Sud ed il Giappone. Per il loro diritto ad una coesistenza pacifica e per la stabilità dell’intero globo.

Antonio Maria Napoli – AltriPoli

About Antonio Maria Napoli

Calcio, geopolitica ed economia. Qualche pillola di musica elettronica. Il mio concetto di perfezione è un libro di Paul Krugman o un romanzo di Dumas, con in sottofondo un remix di Frankie Knuckles o i Pink Floyd. Allo spritz preferisco il Nikka

Check Also

USMCA

USMCA – Trump vince la sfida sul commercio nel post NAFTA in Nord America

USMCA - Trump ha vinto la sfida sul commercio nel post NAFTA. La convergenza sull'USMCA è stata raggiunta la scorsa settimana con Canada e Messico