Home / Architettura / Iconic Beijing

Iconic Beijing


Quando Brando ci chiese tre aggettivi per descrivere Pechino il mio primo pensiero o sentimento fu una sorta di lieta incredulità, quasi di soddisfazione, nel vedere che esiste chi pone, fuori dagli studi televisivi, domande come questa, un po’ tranchants un po’ spiazzanti, sfidando l’interrogato a dover sintetizzare un concetto od un giudizio in poche parole.

Il mio amico Paolo, con quel fare che lo contraddistingue, che solo chi conosce Paolo può sapere, e qui mi potrei anche dilungare nel descrivere Paolo ma andrei fuori tema, disse con un accento leggermente romanesco: “Grande, grossa e inquinata”. Uno spot che mi lasciò  divertito e allo stesso tempo perplesso, per quella immediatezza che ritenni eccessiva. 

Io temporeggiai. Come gocce che pendono da un rubinetto chiuso, ma non del tutto, dispensai le parole una per volta, quasi esitante, convinto nel pronunciarle solo dopo che il concetto si fosse sufficientemente nutrito ed ingrassato per potersi distaccare dalla mente e cadere fluido nel mezzo della discussione, prima di piombare al suolo senza lasciare traccia.

Dissi più o meno così: “Capitale”. “Grigia”. “Cinese”.

Credo che le due risposte, pur dettate da atteggiamenti critici divergenti, giungano ad una conclusione affatto distante. A me ed al mio amico Paolo Pechino aveva parlato in lingue diverse raccontando la stessa fiaba. 

Per giustificare le voci “inquinata” e “grigia” si potrebbero riportare centinaia di dati allarmanti, ne citerò solo uno che ho letto sul China Daily il primo febbraio scorso: ”Cases of lung cancer have increased by 60 percent in Beijing in the past decade.”[1]Un’affermazione che non lascia spazio a repliche, e che squarcia di netto la narrazione che non poteva tacere questi aspetti. Ma che a questi aspetti non mira e che vuole invece indagare la città di Pechino partendo dagli altri quattro aggettivi.

Se li mettessimo insieme suonerebbe così: “La grande e grossa capitale cinese”.  Certo non vinceremmo dei premi per l’originalità o la perspicacia del titolo, ma credo che dietro un’apparente banalità si nascondano delle considerazioni necessarie per la comprensione di Pechino.

Innanzitutto il toponimo Beijing  北京 che significa “Capitale del nord”, come ad ammonire la città stessa, a ricordarle per sempre il compito che graverà sulle sue spalle. Poi la sua posizione “inspiegabile”, in una regione climaticamente ostile. Pechino la comprendi se comprendi il suo ruolo di avamposto. E’ situata ai margini settentrionali della cosiddetta “Cina propria” e deve la sua posizione, chiaramente strategica, alla vicinanza con la Mongolia, regione decisiva per gli sviluppi del continente cinese e della sua capitale nel corso dei secoli. Pechino dovrà assolvere il ruolo di Capitale con diversi approcci e per diverse genti. Sia per la “Cina storica”, o delle diciotto province, sia per le regioni più remote, a minoranza Han, come Capitale unificatrice, compito attualissimo anche oggi, e sia come baluardo sulla frontiera per intimorire e scoraggiare il possibile invasore straniero.

Questo carattere burbero ed intimidatorio non abbandonerà mai la città fino ai nostri giorni.

Pechino è oggi la città più grande al mondo. La più estesa, con i suoi 16 mila kmq. Un rapporto della McKinsey & Company afferma che entro il 2025 la popolazione avrà raggiunto i 27 milioni di persone, oggi i dati stimano oltre 18 milioni di residenti, 22 se si considera la popolazione fluttuante.   

Sono così finalmente giunto al punto. Di fronte ad esigenze così radicali, o proprio per risposta a suddette esigenze, di fronte ad una scala così esagerata, come si è relazionata l’architettura contemporanea? Quale il punto di partenza per approcciare una donna così esigente ed ingorda?

L’icona. Pechino, con il suo territorio infinitamente disteso e pianeggiante ha da sempre ragionato su edifici dal forte valore iconico. Su immagini trasmutate in materia. Su concetti incarnati o reincarnati in travi, pilastri e laterizi. Dalla Grande Muraglia alla Città Proibita, dal Palazzo d’Estate a Piazza Tienanmen, dai blocchi “sino-sovietici” al Central Business District. Oggi l’architettura contemporanea prosegue inesorabile questa chiarissima tendenza. Potremmo partire dall’edificio più grande del mondo, il primo a superare il traguardo del milione di metri quadrati, il nuovo terminal aeroportuale T3 firmato Norman Foster, che con le sue fenditure in copertura appare come un enorme dragone dormiente infastidito da aeroplani-moscerini che gli volano tutto intorno. Continuare con l’arcinoto stadio olimpico, opera del duo svizzero Herzog & de Meuron, coadiuvati dal dissidente meno dissidente di Cina Ai Weiwei, denominato ”nido d’uccello”, un  “impatto spaziale diretto, quasi arcaico”[2], reso possibile da un infernale groviglio di travi e pilastri in acciaio. Per terminare, ma si potrebbe andare avanti per ore, con il CCTV di Rem Koolhaas, forse l’edificio del nuovo millennio più famoso al mondo. Le due torri, appena inclinate una verso l’altra, che si abbracciano sulla sommità grazie ad un ardito sbalzo a 162 metri dal livello del terreno.

Se parli ad un amico, ad un fratello, potresti anche evitare di pronunciarti. Il silenzio sarebbe sufficiente.

Se parli ad un miliardo e trecentotrentasei milioni di persone avrai bisogno di un megafono.

E come Pechino è il megafono della Cina, l’architettura è il megafono della storia.  

Jacopo Costanzo

  

 


[1] Li Wenfang, Academic claims air pollution is more frightening than SARS virus, “China Daily”, Friday, February 1, 2013


[2] Jacques Herzog, Pechino 2008, “Domus” n.860, 6/2003

About Jacopo Costanzo

Jacopo Costanzo
Cofondatore di Polinice e del Warehouse of Architecture and Research - warehousearchitecture.org - Laureato a La Sapienza di Roma, lavoro presso lo studio MA a New York - ma.com -

Check Also

Herzog & de Meuron a Long Island

Herzog & de Meuron: una declinazione personalissima di ducks and decorated sheds.