Home / Musica / Gemme nascoste: The Nerves

Gemme nascoste: The Nerves



Si può entrare nella storia con poco meno di dieci pezzi in carriera e senza l’appoggio di qualche major? Probabilmente no, soprattutto in un periodo in cui internet non arrivava in quasi tutte le case del mondo ‘occidentale’. E’ anche per questo motivo che the Nerves – band formata dal fantastico trio Paul Collins (batteria), Peter Case (basso), Jack Lee (chitarra) – sono per lo più sconosciuti al grande pubblico.

Nonostante la loro brevissima carriera – durata poco più di tre anni, dal 1975 al 1978 – i Nerves sono considerati una band di culto di un genere che porta uno dei nomi più fuorvianti di sempre nel complesso indice dei generi musicali: il power-pop.

Nel 1976 la band licenzia il suo primo e unico lavoro ufficiale, un omonimo EP di quattro pezzi, autoprodotto dalla band, e uscito per la Bomp! Records. L’EP, della durata di circa sette minuti, vede come compositori tutti e tre i membri della band, e si può dire che sono 7 minuti fra i più belli nella storia della pop music. Sì, perché pezzi come ‘Hanging on the Telephone’ ( della quale già avevamo parlato qui), ‘When You Find Out’, ‘Give Me Some Time’ e ‘Working Too Hard’ sono la massima rappresentazione di un pop-rock puro, classico, e dannatamente radiofonico. Un EP meraviglioso, forse il migliore che io abbia mai ascoltato, davvero un album di ‘all killer, no filler’.

Nonostante un tour con i Ramones, i Nerves si sciolsero molto presto, forse avere tre ottimi compositori non contribuì alla durata del gruppo. Nonostante la validità delle esperienze successive, tra cui The Pilmsouls e The Beat, dei quali vorrei segnalare il primo album del 1979 – Collins, Lee e Case non riuscirono a ritrovare l’incredibile intesa che trasuda dai pezzi targati Nerves.

Le ultime edizioni dell’EP prevedono all’interno della scaletta altri due brani – precedentemente pensati per il loro follow-up – che sorprendono sia per essere all’altezza dei pezzi già presenti in scaletta, sia perché non snaturano in alcun modo la coerenza sonora della band di Los Angeles.

Ispiratori della scena power-pop losangelina, anticipatori del garage revival e di una certa new wave, i Nerves sono uno di quei gruppi di culto di cui probabilmente non conosceremo mai il reale valore, una delle poche band di questo genere che si possono definire insostituibili.

Luigi Costanzo




About Luigi Costanzo

Luigi Costanzo
Laureato in Lettere per hobby e per errore, fondatore di Polinice, collaboratore per Nerds Attack!, batterista di Departure ave. e The Wisdoom. Scrivo di musica, suono la musica, parlo di musica. Il resto del tempo mi annoio molto.

Check Also

Beck – Sea Change (2002)

Beck negli anni Novanta fu uno degli idoli assoluti della Generation X, l’autore paradigma di ...