Home / Moda / SOS prova costume

SOS prova costume

È tempo di esami. Tempo di panico dell’ultimo minuto e giornate passate chiusi a casa. Peccato che la materia di studio non sia né il diritto né l’economia ma la prova costume. Ma si sa, una volta che hai imparato il metodo, la storia è sempre la stessa: mesi e mesi a non fare nulla per poi passare le ultime settimane di passione tra esercizi forsennati e rimedi fai da te. Passi notti insonni a controllare se il trattamento intensivo di Somatoline agisce veramente, compri bignami dai titoli “come perdere sette chili in sette giorni” e temi il commento spietato dei tuoi giudici. Una differenza tra l’esame di economia e la prova costume però c’è: in quest’ultimo caso non puoi copiare o farti passare gli addominali di qualcuno più preparato di te.

Se siete tra quelli diligenti che iniziano a prepararsi dall’inizio dell’anno, come al solito non avete bisogno di consigli, ma per tutti quelli che pensano che 365 giorni di palestra e pollo alla griglia siano decisamente troppi, non tutto è perduto e il rush finale può dare ottimi risultati. Potrei dirvi “ basta mangiare sano e fare movimento fisico” ma questi slogan da scatola di cerali Fitness ci vengono ripetuti come un mantra da ogni mamma-nonna-allenatore-estetista-super modella di turno (“non seguo diete per tenermi in forma faccio solo tanto sport”.…ma per favore…)quindi si presume che siano acquisiti da tutti, più o meno come le mille funzioni del bifidusactiregularis …. Ecco dunque qualche consiglio in più per una terapia d’urto in vista dell’estate.

Apriamo il penoso capitolo della cellulite con una premessa: tutte le donne hanno la cellulite. Grasse o magre, giovani o adulte, la buccia d’arancia non fa prigionieri. Se anche le star di Hollywood coccolate dai massaggi più innovativi e plasmate dai trainer di grido ce l’hanno..non vedo perché noi comuni mortali con la nivea e il pacchetto da dieci ingressi dovremmo sperare di essere esentati. A tutto c’ è rimedio comunque. Bandisci prima di tutto zucchero e sale, che aumentano la ritenzione idrica e intossicano l’organismo, cammina mezz’ora al giorno per stimolare la circolazione e bevi bevi bevi (acqua!). Miracolose l’acquagym e l’idrobike, utili le tisane (al tarassaco, al finocchio o alla betulla). Per quanto riguarda l’universo sterminato delle creme, andrebbe utilizzata una crema in gel al mattino e una più corposa ad azione notturna ( e sempre a Somatoline torniamo). Una volta alla settimana alterna allo scrub i fanghi che sì sporcano e ti fanno sembrare uscita dal video Zombie di Micheal Jackson, ma assorbono i liquidi e rilasciano oligominerali. Se vi sembra eccessivo, vi dico che già se solo usaste mattina e sera una qualunque crema idratante la differenza poi si vedrebbe.

Per quanto riguarda il famoso gonfiore addominale, riduce alcool e carboidrati e il risultato sarà miracoloso. Due litri d’acqua al giorno, tre porzioni di verdura (possibilmente cruda) e due di frutta. Se ci scappa una tazza di tè verde per combattere grassi e tossine ben venga.Sull’ alimentazione ripeto sapete già tutto, ho solo una cosa da dirvi: se guardando la dieta che vi ha dato il nutrizionista vedete cibi tipo la carne di struzzo, l’agnello o qualunque altra cosa che vi sembra anticonvenzionale, non pensate “ vabbe lo sostituisco con il pollo, sarà uguale”. La combinazione degli alimenti e la variazione delle abitudini può essere importante per risvegliare il metabolismo. In altre parole: se il vostro metabolismo pigro di polli alla piastra ne ha visti passare a non finire, è possibile che vedendo arrivare uno struzzo decida di svegliarsi…

Sarà un estate da diva, all’insegna dei capelli ondulati dal sole abbinati a rossetto rosse e costumi anni ’50. spopoleranno righe, microfantasie e tendenze floreali provenienti dal Brasile…ma a tutto questo non siamo ancora pronte, ne riparliamo tra un paio di settimane…

 

About Maria Teresa Squillaci

Maria Teresa Squillaci
Caporedattore Moda&Costume. Giornalista. Ho lavorato a La Stampa, Rai News24 e Sky Tg24. Nata a Roma, ho vissuto a Madrid dove lavoravo come ufficio stampa e social media manager. Scrivo di tutto quello che mi capita, dalla politica, alle sfilate, ai bigliettini di auguri, ma la cosa più difficile che ho fatto è stata scrivere questa auto-biografia. Twitter: @MTSquillaci

Check Also

È morto Azzedine Alaïa, chi era lo stilista che snobbava le fashion week

Era sua abitudine presentare le sfilate al di fuori del calendario dell’alta moda, lontano dalla ...