Home / Internazionale / Brasile: qusando il calcio non basta

Brasile: qusando il calcio non basta

«…duas tantum res anxius optat panem et circenses»

Il poeta satirico romano Giovenale nella locuzione latina “panem et circenses” seppe intelligentemente sintetizzare il concetto di potere dell’elìte. Per estensione, la celebre locuzione latina, viene utilizzata per definire l’azione politica di singoli o ristretti gruppi di potere volta ad attrarre e mantenere il potere attraverso l’organizzazione di attività ludiche. Tali attività ludiche, nell’epoca postmoderna, possono esser facilmente ricondotte a Sport e Cultura.

LA RIVOLTA DELL’ACETO – Con l’avvio della “Confederations Cup”, nella terra verde oro, sarebbe dovuta scattare la festa a ritmo di samba. Eppure, l’unico slogan, che il mondo sente scandire da giorni, recita “La Turchia è qui”. Infatti, come nella “Rivolta di Gezi Park” a difesa degli spazi verdi, la ribellione è nata da un pretesto ovvero il “caro trasporti”. Pretesto, poiché il costo del trasporto pubblico di San Paolo è aumento da o da 3 a 3,20 reais a biglietto. Attorno a quella che poteva essere derubricata a semplice questione metropolitana, si è accentrato il risentimento di un’intera nazione. La rivolta si è incendiata e vede la partecipazione di centinaia di migliaia di persone, in decine di città, a causa della dilagante corruzione e delle disuguaglianze. Il momento in cui la fiamma si è accesa, è stato propenso a ottenere il massimo della visibilità mediatica. La protesta di fatto si articola al primo dei grandi eventi globali che vede il Brasile protagonista ovvero la Confederations Cup. Il presidente della Fifa (Fédération Internationale de Football Association) Joseph Blatter, da un lato ha gettato benzina sul fuoco, dichiarando che – Il calcio è più importante dell’insoddisfazione della gente – dall’altro, consapevole dell’importanza della manifestazione sportiva, ha affermato che “I manifestanti stanno usando la piattaforma del calcio e la presenza della stampa internazionale per ampliare la protesta”.

E’ facilmente intuibile, come una questione “metropolitana”, sia stata la miccia per far convergere l’indignazione nei confronti del governo che, per “Confederations Cup” e “Coppa del Mondo”, ha preventivato una spesa superiore ai 15 miliardi di Euro. Per comprendere l’importanza e l’insoddisfazione generale, basta pensare che le proteste sono rivolte da un lato contro la Presidenza di stampo di sinistra e dell’altro contro le amministrazioni locali governate dal centrodestra. Altro aspetto, che lega Turchia e Brasile sono le violenze delle forze di polizia, con Amnesty International, che nella mattinata dello scorso lunedì ha espresso preoccupazione “segnalando una radicalizzazione della repressione e gli arresti di giornalisti e manifestanti in alcuni casi inquadrati nel reato di cospirazione”. Le centinaia di “lacrimogeni”, banditi dalla Convenzione di Ginevra, hanno reso celebre in questi giorni il comune ingrediente da tavola utilizzato come rimedio al gas sparato dalla polizia brasiliana, facendo ribattezzare le proteste come la “Rivolta dell’aceto”.

LA CORRUZIONE VERDE ORO – Dilma Rousseff, soprannominata “Lady di ferro”, è alla Presidenza della Repubblica Federale del Brasile dal gennaio del 2001. Come il suo predecessore, l’amatissimo Luiz Inàcio Lula, appartiene al Partido dos Trabalhadores. Quando venne eletta, la popolarità di Lula era a livelli altissimi, soprattutto a causa dell’umiltà e tenacia con la quale l’ex Presidente ha affrontato un cancro alla gola. Eppure, la Procura di Brasilia ha recentemente coinvolto nelle indagini, sul più grande scandalo di corruzione della storia brasiliana, dell’inchiesta ribattezzata Mensalão (letteralmente rimborso mensile) l’ex Presidente Luiz Inàcio Lula. Di lì a poco le critiche hanno coinvolto tutto il Partido dos Trabalhadores, minando la popolarità del suo leader e Presidente del Brasile Dilma Rousseff.

La corruzione da anni ha travolto anche l’organizzazione della Coppa del Mondo del 2014. A dimettersi per primo fu il Ministro del Turismo della Presidenza Lula Pedro Novais Lima, ciò avvenne dopo che il suo sottosegretario Federico Costa ed altri trentacinque funzionari ministeriali vennero arrestati dalla Polizia su mandato della Procura di Brasilia. Quello che sembrava uno scandalo di proporzioni enormi non era altro che la punta dell’iceberg. Infatti, la Presidenza di Dilma Rousseff ha visto decimato il proprio governo tra Ministri e sottosegretari coinvolti in scandali per via della corruzione. Al centro delle polemiche vi è l’ex Ministro per lo Sport Orlando Silva de Jesus Júnior che, sempre secondo un’inchiesta della Procura di Brasilia, avrebbe ottenuto tangenti del valore di 23 Milioni di dollari da destinare alle casse del Partito comunista del Brasile (Pcdob) e del suo conto.

UN SETTENNATO PER L’ASCESA – Nonostante scandali, corruzione e proteste il Brasile, unico paese sudamericano appartenente ai BRICS, procede a pieno ritmo nell’organizzazione dei sette anni che presenteranno al globo la forza verde oro. Infatti, oltre alla Confederations Cup che si sta svolgendo in questi giorni, il Brasile ospiterà: la Giornata Mondiale della Gioventù, la Coppa del Mondo del 2014 e le Olimpiadi di “Rio 2016”. Quest’ultime, grazie allo sforzo per l’organizzazione della Coppa del Mondo, dovrebbero avere meno problemi nella fase organizzativa e la direzione affidata a Maria Silvia Bastos Marques (la dama di ferro dell’industria siderurgica dell’America Latina) fa ben sperare.

Della “Rivolta dell’aceto” resta centrale un punto: la disuguaglianza. Disuguaglianza formale e sostanziale che attanaglia tutti i paesi emergenti, ove le differenze si amplificano con il progredire dell’economia. Il Brasile rimane un paese ,che con la forza sposta favelas e gli “ultimi” agli occhi del mondo, perché tanto fra un anno i media parleranno di Balotelli, non del futuro negato ai bambini della “Città di Dio”. In fondo il calcio è l’oppio dei popoli, nonostante la sua brutale umanità e bellezza.

Antonio Maria Napoli – AltriPoli

About Antonio Maria Napoli

Antonio Maria Napoli
Calcio, geopolitica ed economia. Qualche pillola di musica elettronica. Il mio concetto di perfezione è un libro di Paul Krugman o un romanzo di Dumas, con in sottofondo un remix di Frankie Knuckles o i Pink Floyd. Allo spritz preferisco il Nikka

Check Also

Unesco - Usa leave UN Agency

Gli USA abbandonano l’UNESCO

Il Dipartimento di Stato USA ha annunciato all’organismo delle Nazioni Unite la sua uscita da membro dell’organizzazione. Una scelta per Israele in cui s'inserisce la Questione Qatar