Home / Architettura / Pensa sempre alla città

Pensa sempre alla città


Ogni intervento presuppone una distruzione, distruggi con senno.

Luigi Snozzi

Durante il mio primo corso di composizione architettonica, prima di chiedere al professore di revisionare il mio progetto, mi sottoponevo, un po’ per paura un po’ per rispetto, ad un controllo preliminare: mi domandavo se il mio edificio si relazionasse bene con il contesto, se fosse coerente nella sua struttura, se lo spazio fosse ben risolto dal punto di vista distributivo. Erano solo pochi degli elementi che caratterizzano un’architettura, eppure mi sembravano infinitamente complessi, mai conciliabili, irrisolvibili tra loro. Allora ho avuto la percezione che l’architetto si muovesse sul terreno del progetto come su un campo minato, con l’attenzione di chi ha per le mani più di una matita, e solo con il tempo e lo studio sono riuscito ad attenuare questa sensazione e a normalizzare i processi di pensiero ed emotivi che sottostanno all’atto creativo. 

Progettare all’interno del centro storico di una città come Roma, che vive problematiche complesse su una scala non gestibile dal singolo, richiede forse quel tipo di attenzione, certamente quel desiderio di coerenza. Negli anni si è detto molte volte che il cuore di Roma è stato tenuto sotto una teca, paralizzato dalle soprintendenze, condannato dall’atteggiamento reazionario di una certa scuola di pensiero. Ad una più attenta analisi però sembrerebbe che a Roma negli ultimi anni si sia costruito tanto: alcuni edifici come il nuovo centro congressi di Fuksas, il museo dell’Ara Pacis di Meier, ill Maxxi della Hadid, il Macro dello studio Decq hanno certamente attirato l’attenzione più di altri, ma in tutta la città l’attività edificatoria è stata intensa. Meno sotto i riflettori, ma non meno rilevanti dal punto di vista urbano, gli interventi della nuova stazione Tiburtina di Desideri, le torri Eurosky di Purini, il ponte sull’Ostiense di Del Tosto, il ponte della Musica, lo scheletro della non finita città dello sport di Calatrava. Più contenuti, ma non meno significativi, gli interventi nel Municipio Roma I: la pedonalizzazione della via dei Fori Imperiali, la nuova biblioteca Hertziana di Baldeweg, lo showroom Louis Vuitton di Peter Marino, il nuovo store della Benetton (ora store H&M) di Fuksas, il prossimo store della Fendi a Roma già assegnato a Jean Nouvel. 

Dal solo elenco emerge un primo dato importante, che riflette uno dei problemi della politica urbanistica della capitale: molti degli interventi nel centro hanno carattere commerciale. Sono convinto che l’ omogeneità di aree nevralgiche in città complesse appartenga a concezioni urbanistiche ormai superate, che si sono già dimostrate fallimentari. La centralizzazione delle attività di prestigio in poche, protette zone della città porta ad un circolo vizioso nel continuo aumento del valore di mercato degli edifici e dei terreni e alla svalutazione delle aree in cui queste non sono presenti. In particolare, in città in cui la qualità della vita, dell’edilizia e della pianificazione ha una distribuzione pressoché radiale, con una degradazione – eccetto poche eccezioni – verso i suoi estremi, scelte di questo genere non potranno che acuire le patologie di cui già essa soffre. Non è questa la sede per analizzare le dinamiche e le problematiche di Roma, molte delle quali strutturali e non facilmente risolvibili, ma certamente la tendenza alla specializzazione del suo centro in area commerciale di lusso è un dato su cui riflettere, forse partendo proprio dalla natura architettonica degli interventi sopracitati. 

L’edificio progettato da Massimiliano Fuksas è già stato ampliamente discusso, spesso criticato, a causa della sua copertura vetrata, elemento eterogeneo tra i tetti della Roma antica. La nuova cupola di Roma è in realtà solo l’elemento conclusivo di una struttura organica che contamina l’interno dell’edificio, trovando il suo sfogo sotto il cielo. Ma tornando alla citazione di apertura credo sia opportuno domandarsi, riconoscendo che evidentemente l’intervento modifica l’equilibrio del tessuto: questa modifica è portatrice di valore o no? Può la natura gestuale di un intervento relazionarsi correttamente con le stratificazioni della storia e della materia? Certo l’edificio, dalla strada, non mostra quasi alcuna modificazione, ma l’architettura storica, forse a differenza di una certa architettura contemporanea, non vede separazione, per sua propria natura strutturale, tra l’involucro e il suo spazio interno. La creazione di questa frattura avrebbe forse richiesto un intervento più attento o, quanto meno, più coraggioso.

La stessa logica dello svuotamento è seguita dall’intervento di Peter Marino in piazza San Lorenzo in Lucina per lo store di Louis Vuitton: facciate ristrutturate nascondono interni fluidi e scintillanti, caotici e riflettenti, la cifra stilistica di una modernità dal gusto, un po’ superato, per l’eccesso. 

La biblioteca di Baldeweg porta invece alcune differenze rispetto ai precedenti esempi: l’antico edificio di via Sistina, che presentava difficoltà strutturali e inadeguatezza dal punto di vista della sicurezza, aveva bisogno di interventi importanti. Ai precedenti problemi si aggiungevano la mancanza di spazio per la conservazione della grande mole di volumi e la scoperta di un sito archeologico proprio sotto lo stabile, con la conseguente proibizione di un sistema di fondazione tradizionale. Il progetto presenta scelte mature e dal sapore contemporaneo, pur rispettando le istanze storiche della preesistenza: dove un tempo era il giardino di Palazzo Zuccari, Baldeweg posiziona un cortile vetrato che sfocia in un lucernario trapezoidale. L’articolazione degli spazi attorno al cortile è semplice ed elegante, consentendo una giusta illuminazione e provvedendo un sistema di conservazione compatto dei volumi.  

Cosa, in definitiva, si chiede per la città consolidata? Non la conservazione, se la si intende come la glaciazione della sua immagine o la museificazione, ma piuttosto la difesa delle sue qualità, dal punto di vista architettonico e urbano. Si chiede che mantenga la sua complessità, la varietà, la vita. Personalmente non credo che questo obiettivo sia necessariamente conseguibile con un’architettura di grido, con il gesto eclatante, la struttura ardita; forse il senno, la misura saranno migliore guida in questo processo.

 Matteo Baldissara

About Matteo Baldissara

Matteo Baldissara
Sono un giovane architetto, laureato presso l'Università degli studi di Roma - Sapienza nel Luglio del 2014. Attualmente frequento, presso lo stesso ateneo, il XXX ciclo del dottorato in composizione Teoria e Progetto. Dal 2014 collaboro con lo studio di progettazione WAR (Warehouse of Architecture and Research). Appassionato di letteratura ed arte, strizzo l'occhio al mondo della tecnologia, dalla programmazione alla grafica, e a quello del marketing.

Check Also

Biennale 2018: cosa aspettarci da Yvonne Farrell e Shelley McNamara

Lo scorso 19 Gennaio il Cda della Biennale di Venezia ha annunciato che a curare ...