Home / Internazionale / Nicolas Maduro: nuove riforme economiche in Venezuela, in nome del Socialismo

Nicolas Maduro: nuove riforme economiche in Venezuela, in nome del Socialismo

Lunedì scorso, quasi il 70% del Venezuela è stato colpito da un blackout. Nonostante i blackout rappresentino un fenomeno abbastanza diffuso nella patria di Chávez, l’elettricità è solita mancare nelle zone rurali, non nella capitale. L’anomala ingenza del blackout ha portato il Presidente Maduro ad accusare l’opposizione di essere artefice di un sabotaggio mirato a creare scompiglio nel Paese in vista delle ormai prossime elezioni locali. In risposta, Capriles ha attribuito la colpa dell’accaduto allo scarso livello di mantenimento e prevenzione attuato dal governo.

Al momento, la veridicità delle dichiarazioni di Maduro è ancora da provare. Nel frattempo, il Presidente sembra essere sempre più impegnato a portare avanti il progetto socialista di Hugo Chávez, il caudillo compianto dai rivoluzionari.Durante il weekend, Nicolas Maduro ha rilasciato un’intervista televisiva per spiegare le nuove riforme economiche che avranno luogo in Venezuela e che mirano allo sviluppo di un modello economico produttivo.

Maduro ha indicato come primario obiettivo del suo governo quello di ridurre il valore del “black market dollar”, alla base di notevoli distorsioni dei prezzi. Il Presidente si è lamentato di chi vende dollari nel mercato nero per trarne profitto, o importa beni per poi rivenderli a un valore notevolmente più alto. Secondo Maduro, ad approfittare dei controlli valutari e a incrementare il mercato nero sarebbe la “borghesia parassitaria” del Venezuela. Il capo del governo ha asserito di aver già stabilito una commissione speciale che si occuperà di punire con la giustizia i colpevoli. Il Centro Nacional de Comercio Exterior, inoltre, è stato recentemente istituito per sorvegliare il sistema di controllo di valuta.Infine, il successore di Chávez ha giustificato l’inflazione annuale del 54% incolpando la “guerra economica” messa in atto dall’opposizione e dalle compagnie capitaliste. Nell’arco dell’intervista, Maduro ha ribadito il suo impegno ad affrontare la condizione economica di “oil-rentier” del Venezuela. A questo riguardo, il Presidente ha dichiarato che il socialismo dev’essere costruito sul vero lavoro, sulla concreta produzione, sulla creazione di nuove fonti di ricchezza. Il socialismo si basa su un’economia che è nutrita dalle sue stesse risorse. Ergo, nessun socialismo può nascere da un’economia capitalista e speculativa.

Politiche economiche troppo restrittive o giusta attuazione di un modello socialista?Questa domanda divide i venezuelani. Una delle principali ragioni per cui il popolo ha votato Maduro, è il forte legame che lo legava a Chávez, del quale era il delfino. I venezuelani speravano di mantenere una continuità politica; tuttavia, il lavoro del nuovo Presidente, eletto lo scorso aprile, non sembra rispecchiare le loro aspettative. In particolar modo, i venezuelani sono spaventati dall’elevato indice d’inflazione. L’esito delle nuove riforme economiche di Maduro sarà in grado di dare al popolo più risposte. E, forse, l’entusiasmo (perduto?) nel progetto socialista.

Giulia Aloisio Rafaiani – AltriPoli

About Giulia Aloisio Rafaiani

Giulia Aloisio Rafaiani

Laureata in International Politics and Sociology a City University London, attualmente frequenta un Masters in Television Journalism presso la medesima università. Ha lavorato come intern a CBS News, presso la sede di Londra, e attualmente scrive per Vice News UK.
Appassionata di politica e di conflitti globali, la principale ambizione di Giulia e’ diventare una reporter politica.

Check Also

La Grecia di Tsipras dice “NO”. Vincono la democrazia e il coraggio.

Con il 61,3% dei voti, il “NO” ha trionfato al referendum in Grecia. Se il ...