Home / Moda / La classifica (discutibile) delle scarpe meno sexy per gli uomini

La classifica (discutibile) delle scarpe meno sexy per gli uomini

Lei: “La prima volta che siamo usciti insieme avevo una gonna a pieghe carta da zucchero e un cappottino di panna color cobalto con dei piccoli pois bianchi”.

Lui: “La prima volta che siamo usciti insieme eri vestita di blu”.

Una delle principali differenze tra uomini e donne è l’attenzione ai dettagli nell’abbigliamento (altrui). Mentre sei lì a fissare l’armadio, la procedura di scelta prevede una sequenza di: “questo non mi piace”, “questo l’ho già messo mille volte”, “quello me l’ha già visto”. In realtà non solo non l’ha visto, ma anche se l’avesse visto probabilmente non se lo ricorderebbe, gli rimarrà più impresso che l’hai fatto aspettare 20 minuti sotto casa mentre si consumava la quotidiana contrattazione tra te e il tuo guardaroba.

Insomma un uomo non avrebbe mai potuto scrivere 50 sfumature di grigio, perché le sfumature di grigio per lui sono due: il bianco e il nero. Poi però magari sceglie con cura maniacale tra calzini lisci o a righe e misura al centimetro l’altezza delle cifre sulla camicia, quindi l’attenzione ai dettagli c’è. Ma è attenzione a dettagli diversi. Non gli importerà mai niente della differenza tra una clunch e una pochette ma secondo un sito di e-commerce americano il 79% degli uomini si accorge che la partner indossa qualcosa ai piedi. E non solo: sono pronti a dire la loro sui modelli che gli piacciono ma soprattutto che non gli piacciono.

Al terzo posto nella classifica delle scarpe meno sexy per gli uomini ci sono le Crocs e, in questo caso, come dargli torto. Secondi classificati gli Uggs, gli stivaletti bassi scamosciati salvezza delle tue giornate d’inverno. C’è una puntata di Sex and the City dove Sarah Jessica Parker indossa un paio dei pelosi boots in colore rosso e un pullover. A me sembrava fichissima, Mr. Big ha impiegato un altro paio di stagioni per sposarla. Forse abbiamo capito perché. Ma è la prima posizione a riservare grandi sorprese. A furor di popolo i maschi americani additano come calzatura meno sexy la scarpa con la zeppa. Fuorigara: birkenstock, stivali estivi flosci e sandali alla schiava.

Sono comode, fanno tendenza, innalzano i glutei e lo spirito. Inventate negli Anni Trenta da Salvatore Ferragamo, da allora le zeppe non sono mai uscita dalla moda. Accompagnarono gli abiti lunghi e i pantaloni a palazzo, fecero da cornice alla Swinging London dei Beatles e delle ragazze in minigonna e poi, seguendo i corsi e ricorsi della storia, tornarono di nuovo, dopo una brevissima pausa, declinate nei modi più diversi e fantasiosi. Le indossò Madonna interpretando Evita Perón e poi le Spice Girls. Fino a che la passione per il vintage le ha consacrate definitivamente come scarpe quasi d’obbligo in una scarpiera femminile. Eppure mariti fratelli e fidanzati le odiano.Pare preferiscano addirittura le ballerine, all’ottavo posto in classifica dei piedi inguardabili, che un tempo erano considerate il mezzo per smorzare l’eros a qualunque ora.

Sarà merito di Audrey e di Carlà o forse del fatto che preferiscono tenere almeno una spanna di dislivello tra noi e loro, fatto sta che per gli uomini americani donna rasoterra batte donna sui trampoli. Naturalmente c’è una parte di loro completamente indifferente alla questione e che addirittura- dice il sondaggio- dichiara di non accorgersi di quale scarpa venga indossata dalla propria donna. 

Che fare dunque? Appendere le zeppe al chiodo e usare sempre solo o tacco 12 o ballerine? Se volete il mio consiglio: chi bella è bella rimane, sia con le zeppe che con le scarpe piane.

 

About Maria Teresa Squillaci

Maria Teresa Squillaci
Caporedattore Moda&Costume. Giornalista. Ho lavorato a La Stampa, Rai News24 e Sky Tg24. Nata a Roma, ho vissuto a Madrid dove lavoravo come ufficio stampa e social media manager. Scrivo di tutto quello che mi capita, dalla politica, alle sfilate, ai bigliettini di auguri, ma la cosa più difficile che ho fatto è stata scrivere questa auto-biografia. Twitter: @MTSquillaci

Check Also

È morto Azzedine Alaïa, chi era lo stilista che snobbava le fashion week

Era sua abitudine presentare le sfilate al di fuori del calendario dell’alta moda, lontano dalla ...