Home / Musica / Rolling Stones a Roma: pro e contro

Rolling Stones a Roma: pro e contro

Una delle notizie musicali più seguite della settimana appena conclusa è sicuramente l’annuncio del concerto dei Rolling Stones che si terrà a Roma, al Circo Massimo, il 22 Giugno. Per qualche giorno in molti nutrivamo la speranza che il concerto potesse essere gratuito, seguendo la tradizione veltroniana dei concerti per tutti. Certo, sarebbe stato uno scandalo, visto come sono messe le finanze della Città Eterna, ma si sa panem et circenses non è mai fuori moda, e alla fine tra i tanti disagi che uno si becca tutti i giorni un bel concerto gratis avrebbe regalato uno sciocco sorriso almeno per una sera. E invece no, il concerto costa e pure parecchio (78 euro + prevendita), ma il prezzo purtroppo ci sta per vedere i “brutti, sporchi e cattivi”, anche se non è molto chiaro come chiuderanno l’accesso al Circo Massimo e alle zone circostanti. Le polemiche però non sono finite, perché la soprintendenza dei beni archeologici ha bocciato l’idea del concerto, ritenendolo il contesto di un grande concerto potenzialmente dannoso per il Circo Massimo. Peccato (?) che l’ultima parola spetti alla soprintendenza per i beni archeologici e ambientali del Lazio, che ha riconfermato il concerto.

Ora però veniamo a discorsi più sensati. Ha senso vedere i Rolling Stones nel 2014? Gli appassionati di musica sono molto divisi su questo tema. Io ho avuto la fortuna e il piacere di assistere al loro concerto milanese del 2006, tenutosi a qualche giorno dalla vittoria dell’Italia dei mondiali. A parte le ovvie (e noiose) considerazioni sul fatto che vedere “un pezzo di storia” della musica sia sempre bello, vanno chiarite un po’ di cose per chi si appresta a spendere “quasi na piotta” per un concerto. Premesso che il sottoscritto non ama i grandi concerti, caotici, faticosi, con un suono spesso di scarsa qualità, i Rolling Stones dal vivo sono un membro: Mick Jagger. Mick Jagger spacca. E’ in forma, balla come un pazzo e ha una voce sorprendentemente uguale a quella che conosciamo, cosa che capita molto di rado (signori, questi hanno alle spalle più di 50 anni di carriera). Gli altri stanno là, suonano. Richards è una leggenda, si vede che gli piace ciò che fa ma non è che gliene freghi molto di darlo a vedere. Wood è un ottimo professionista ma non l’ho mai amato come chitarrista. Watts, beh Watts non vorrebbe manco andarci in tour… Fate le vostre considerazioni. E’ altrettanto vero che non ci sono molti gruppi che possono permettersi di fare delle scalette con pezzi di livello stellare, sempre che non vi spiaccia troppo che la leggenda del gruppo sia in piedi grazie a un uomo solo, che però si chiama Jagger.

 

Ecco a voi la scaletta dei due spettacoli che i Rolling Stones fecero a Roma il 6 Aprile del 1967:

The Last Time
Paint It Black
Ruby Tuesday
Get Off Of My Cloud
Yesterday’s Papers
Lady Jane
Let’s Spend The Night Together
Satisfaction

The Last Time
Paint It Black
19th Nervous Breakdown
Lady Jane
Get Off Of My Cloud
Yesterday’s Papers
Ruby Tuesday
Let’s Spend The Night Together

About Luigi Costanzo

Luigi Costanzo
Laureato in Lettere per hobby e per errore, fondatore di Polinice, collaboratore per Nerds Attack!, batterista di Departure ave. e The Wisdoom. Scrivo di musica, suono la musica, parlo di musica. Il resto del tempo mi annoio molto.

Check Also

Beck – Sea Change (2002)

Beck negli anni Novanta fu uno degli idoli assoluti della Generation X, l’autore paradigma di ...