Home / Filosofia / La fine della storia e l’ultimo uomo

La fine della storia e l’ultimo uomo

Una delle teorie storico-politiche più controverse della fine del ‘900, per spiegare la caduta del regime comunista e la genesi dell’attuale sistema liberal-democratico, fu la proposta di tipo hegeliana di Francis Fukuyama.

Fukuyama, storico e politologo, insegna attualmente presso la Standford University ed è membro del prestigioso think tank RAND Corporation (uno dei centri studi sulla global policy più importanti degli USA).

Nel suo libro, La fine della storia e l’ultimo uomo, egli analizza la caduta dei regimi autoritari, definendo tale momento come lo spartiacque per indicare la fine della lotta ideologica e dunque la fine della storia; intesa ovviamente come processo direzionale e teleologico che attraversa ogni epoca.

Per spiegare le dinamiche storiche che portarono alla caduta delle dittature di destra e sinistra, riprende esplicitamente la dottrina di G.W.F Hegel del rapporto servo-padrone: la nostra identità personale, come definita all’interno della Fenomenologia dello Spirito, è data da una necessità di essere riconosciuti come individui aventi una propria dignità intrinseca. Tale dignità si conquista, a parere di Hegel, scontrandosi fino alla morte con altri individui, che a loro volta desiderano il medesimo riconoscimento. I casi sono due: o entrambi muoiono nel tentativo, oppure uno dei due si arrende. In tal caso il perdente diviene schiavo e il vincitore diventa il padrone, il cui status e valore è riconosciuto dal primo.

A parere di Fukuyama, concordando con la dialettica servo-padrone, la storia non è altro che una battaglia continua per il riconoscimento del proprio valore da parte di singoli individui o gruppi. Infatti, cose come il nazionalismo, scelte politiche, le guerre per il riconoscimento dell’identità di un popolo, ecc., non sarebbero pienamente spiegabili in termini semplicemente materiali ed economici. A questo punto la domanda è spontanea: quale è il fine della storia? La risposta è chiara: arrivare ad una situazione in cui vi è un riconoscimento completo dei diritti e della dignità di ogni essere umano. Tale stato è per l’appunto la democrazia liberale a regime capitalista, a cui ogni sistema politica più o meno velocemente, per tale bisogno, tende inevitabilmente. In essa ogni individuo può realizzare quel riconoscimento detto sopra in maniera libera.

Ora due sono le obiezioni che chiunque potrebbe porre a Fukuyama.
– Se la storia ha un fine positivo, perché nel corso del secolo XX° ci sono state tragedie (Gulag, Auschwitz, ecc.) che hanno tradito tale ideale di progresso?
– Le democrazie liberali non sono perfette. Ci sono violazioni, disparità e disuguaglianze di sorta, violando di fatto il bisogno di riconoscimento di alcune parti della popolazione.

Alla prima obiezione, Fukuyama risponde che “fluttuazioni” del processo storico sono normali. Se la storia fosse una linea in un grafico bidimensionale x, y, non sarebbe una linea retta, bensì una linea a zig zag verso il punto più più alto del grafico. Cambiamenti temporanei di quest’ultimo, non inficerebbero la direzione generale. Inoltre, molte delle dittature novecentesche a lungo termine o sono cadute, passando a una struttura democratica, oppure si sono trasformate o tutt’ora si stanno trasformando in democrazie capitalistiche (l’esempio paradigmatico sono la Cina, la Spagna o il Myanmar).

La seconda invece, è una condizione necessaria per il riconoscimento. Raggiungere il fine della storia non vuol dire che tutti riescano a raggiungere tale condizione, bensì che si arrivi a una forma di società in cui tutti abbiano la possibilità di lottare in maniera pari per questo scopo. È utile che all’interno della società liberale ci sia un certo grado di disuguaglianze, affinché si perpetui questa dinamica di lotta per il riconoscimento caratteristica dell’essere umano. Senza di esso infatti il singolo individuo non avrebbe alcun stimolo per affermarsi ed essere produttivo; anche alla luce delle innovazioni tecnologiche, che vanno a sostituire in parte o totalmente compiti che normalmente caratterizzerebbero l’operato umano in vista di una propria auto-affermazione (automazione industriale, comunicazione, ecc).

Dunque qualsiasi società storica, secondo la lettura di Fukuyama, è destinata a diventare prima o poi una democrazia liberale, a causa del bisogno insopprimibile di riconoscimento del proprio valore dell’uomo in quanto tale. Solo in tale ambito, concordando con l’idea hegeliana, ciò può avvenire.

Bibliografia essenziale
F. Fukuyama, La fine della storia e l’ultimo uomo, BUR 2003.

About Alessio Persichetti

Alessio Persichetti

Check Also

lucca comics

Lucca Comics & Games 2016

Quest’anno, Lucca Comics & Games 2016  è stato un evento da non dimenticare: si sono ...