Home / Moda / Cerette e costumi da bagno: nuove tendenze e vecchi riti

Cerette e costumi da bagno: nuove tendenze e vecchi riti

“Buongiorno vorrei prendere un appuntamento per la ceretta”
“Epilazione vuole dire? Mezza gamba?”
“No, no, intera”.

Ritratti_oggetto_editoriale_720x600Maggio e giugno. Non c’è periodo dell’anno in cui le estetiste siano più occupate. Durante l’inverno potevi temporeggiare con la ceretta fino a che il tuo fidanzato o il tuo personale spirito di autoconservazione non ti imponevano che era giunta l’ora. Bikini un po’ approssimati, parte laterale della gamba dove rimaneva sempre qualcosa, tanto era inverno… Ora l’appuntamento è arrivato, dovrai sorbirti la ragazza con le sopracciglia sottili che ti rimprovera perché non ti sei fatta lo scrub, non ti sei messa la crema o addirittura perchè non sei abbastanza “soda” e dovresti andare di più in palestra. Altro punto dolente (in tutti i sensi) sono i piedi. Ballerine troppo strette o tacchi troppo alti, solo un’estate in ciabatte potrà curare i danni.

Ed è così che dopo un trattamento “Remise en forme” affronti il sole. Le prime sessioni di mare si svolgono prevalentemente tra sole ragazze. Bianche come Edward Cullen quando si espone alla luce, iniziamo mezz’ora da un lato, mezz’ora dall’altro; fianco destro poi fianco sinistro. Protezione neanche a parlarne, già il fatto di non cospargersi di crema idratante è considerata una precauzione sufficiente. Il segno del costume è al tempo stesso il segno del successo e il nemico da eliminare.

Fascia? Intero? Triangolo? Ogni stagione ha il suo costume. Da coniugare con le tendenze della nuova stagione. Diventano più piccoli e audaci gli slip, più grandi invece i top, mentre il costume intero è più sexy che mai. Via libera a fantasie, ricami esotici e lavorazioni macramè.

Chiara Ferragni e Candela Novembre per Je m'en fous
Chiara Ferragni e Candela Novembre per Je m’en fous

Giugno: Fascia
Si riconferma protagonista il duepezzi a fascia: romantico per Miu Miu, stampa equatoriale per Dolce & Gabbana ed etnico per Missoni e Kenzo. La nuova fascia è costruita e presenta uno spacco centrale netto e rigido per un sensuale effetto push-up. Volete optare qualche modello diverso? Vi suggeriamo quello in pizzo color pellicano di Twin-Set Simona Barbieri e il modello fru fru di Je M’en Fous.

È la scelta migliore nella prima fase di abbronzatura perché riduce al minimo i segni, in particolare quelli dei laccetti del bikini tradizionale che quando spuntano da magliette e vestitini sono decisamente brutti.

Bikini Verdissima
Bikini Verdissima

Luglio: Triangolo
Nell’operazione tintarella perfetta, nel momento in cui siamo già colorite sul petto possiamo passare al triangolo. Bikini è sinonimodi stampa. Potete scegliere tra micro fiorellini e stampe esotiche, righe, pois e trame Vichy, romanticissime nei colori pastello

Victoria's secret flare top
Victoria’s secret flare top

Agosto: Flare Top, Interi e Retrò
La vostra abbronzatura ormai è perfetta, il costume diventa una scelta di stile, un capo alla moda che segue le tendenze di stagione: fifties, intero o flare top.

La coulotte a vita alta e i maxi-top vanno di moda già da un po’, ma questo sarà il loro anno fortunato. Il bikini guarda gli anni ’50, ne copia le forme e ne ricerca la medesima sensualità: scoprirsi meno evidenziando però le curve può rivelarsi una grande arma di seduzione. Anche il costume intero è tornato prepotentemente di moda. Il più sexy è il total black, sgambatissimo e scollatissimo sulla schiena.

Ma la nuova tendenza è il flare top: un bikini la cui parte superiore sembra un normale crop top con spalline sottili. L’effetto è quello di una microcanotta morbida e svolazzante (ma sotto c’è una fascia per impedire il rischio topless!)

About Maria Teresa Squillaci

Maria Teresa Squillaci
Caporedattore Moda&Costume. Giornalista. Ho lavorato a La Stampa, Rai News24 e Sky Tg24. Nata a Roma, ho vissuto a Madrid dove lavoravo come ufficio stampa e social media manager. Scrivo di tutto quello che mi capita, dalla politica, alle sfilate, ai bigliettini di auguri, ma la cosa più difficile che ho fatto è stata scrivere questa auto-biografia. Twitter: @MTSquillaci

Check Also

È morto Azzedine Alaïa, chi era lo stilista che snobbava le fashion week

Era sua abitudine presentare le sfilate al di fuori del calendario dell’alta moda, lontano dalla ...