Home / Polinice / Tecnologia e Selfie
l'autoscatto dell'austronauta italiano Luca Parmitano, che ha realizzato un selfie mentre orbitava nel vuoto intorno alla Terra

Tecnologia e Selfie

Nell’ultimo giorno d’estate sono molti i ricordi delle vacanze appena trascorse, ma sono altrettante le fotografie di noi stessi che abbiamo scattato in giro per il mondo. I selfies sono di gran moda … ma è forte la tentazione di liquidarli come una tendenza passeggera, sono un altro esempio di una società narcisistica ossessionata dalla gratificazione immediata e la fama istantanea. Ma il Selfie è importante perché non è solo un ritratto di noi stessi, ma un ritratto dei nostri tempi.

Selfie dell'austronauta italiano Luca Parmitano, che ha realizzato un selfie mentre orbitava nel vuoto intorno alla Terra
l’autoscatto dell’austronauta italiano Luca Parmitano, che ha realizzato un selfie mentre orbitava nel vuoto intorno alla Terra

Negli ultimi quindici anni la tecnologia ha cambiato il nostro mondo. Ha strappato il potere dalle mani dei proprietari dei media e dei governi, e lo ha messo nelle mani del pubblico. Il Selfie è un prodotto di questo dinamico cambiamento ed è il simbolo della nostra nuova, potente società. Oggi, quasi tutti hanno accesso ad uno smart phone e la possibilità di condividere le proprie fotografie con un pubblico globale. In passato, i ritratti erano riservati alle regalità e a coloro che erano al potere, ma oggi sono le persone comuni ad essere raffigurate in questi scatti.
Ogni Selfie preso, indipendentemente da quanto banale possa sembrare, è una dichiarazione orgogliosa della ritrovata capacità della nostra generazione a comunicare in modo libero e senza limiti.

Inoltre si tende a sottovalutare l’importanza della Selfie a causa del suo consumo usa e getta. Ma il modo in cui vengono utilizzate queste immagini è significativo perché rappresenta una società in cui il valore delle informazioni non è più determinato dalla sua permanenza, ma dalla sua transitorietà. In passato, la conoscenza del mondo è stato conservata nei libri rilegati in pelle, in dipinti unici, ma oggi si manifesta sotto forma di tweet di pochi caratteri che scorrono come fiumi verso un oceano di conoscenza infinita. Viviamo in un mondo dove l’arte e la saggezza non si trovano solo nei musei e libri, ma nel tessuto della nostra espansione continua, della coscienza collettiva – una coscienza sempre più composta da contenuti digitali transitori come il fenomeno delle Selfies.

 Papa Francesco. La foto è stata scattata da alcuni ragazzi di Piacenza, per ricordare l'incontro con il Pontefice durante una visita in Vaticano.
Papa Francesco. La foto è stata scattata da alcuni ragazzi di Piacenza, per ricordare l’incontro con il Pontefice durante una visita in Vaticano.

Per me, l’aspetto più significativo è il fatto che si tratta di una profonda riflessione di una crescente intimità del genere umano con la tecnologia. Secondo l’autore e inventore, Ray Kurzweil, l’umanità si sta rapidamente muovendo verso un punto di convergenza tra uomo e macchina. Kurzweil ritiene che quando l’Intelligenza Artificiale finalmente supera l’intelligenza umana, saremo costretti a fondersi con la tecnologia. Se possiamo trovare queste previsioni inverosimili, un rapido inventario del nostro uso quotidiano della tecnologia indica che ci stiamo effettivamente muovendo lungo questa traiettoria. Il Selfie segna un importante passo in questo cammino, perché è un riflesso simbolico della nostra graduale convergenza con la macchina. Se le teorie di Kurzweil dovessero effettivamente rivelarsi vere, allora il Selfie può fornirci un assaggio di ciò che questa coscienza umana / macchina può sembrare.

In questo mondo il soggetto di un ritratto e lo strumento con cui è fatto quel ritratto, diventeranno un unico elemento. Come in passato il pittore poteva diventare il pennello, il fotografo diventa la sua fotocamera. Noi diventeremo soggetto e oggetto … e cambierà la natura della ritrattistica per sempre. Così, la prossima volta che scatterete un Selfie, guardate in profondità nel vostro obiettivo e potrete scoprire che la vostra immagine riflessa è in realtà una proiezione di voi stessi nel futuro.

About Rossana Pistoia

Rossana Pistoia
Sono una studentessa di architettura di 24 anni, ho fatto delle mie passioni la mia stessa vita. La voglia di memorizzare momenti si è trasformata in amore per la fotografia, l'entusiasmo con cui ho mosso i primi passi nel mondo della musica mi ha portata ad amare le sue infinite sfaccettature: dal pianoforte alla consolle. La mia passione per gli sport outdoor mi ispira a vivere nuove avventure ogni giorno.

Check Also

Jill Greenberg

I ritratti mozzafiato di Jill Greenberg

“End Times” , progetto che ritraeva primi piani dei volti dei bambini disperati e carichi ...