Home / Spettacolo / Musica / I 5 dischi italiani degli ultimi 30 anni

I 5 dischi italiani degli ultimi 30 anni

Non è mai semplice indicare dei titoli fondamentali, soprattutto se la categoria è geografica e non di genere. L’elenco tiene fuori la musica per film, e non sono stati inseriti neanche i cantautori, che in Italia meritano (nel bene e nel male) una categoria a parte. Ovviamente non sono state considerate musica colta e il jazz che mi costringerebbero a inserire lavori da valutare con categorie diversissime da quelle che utilizzo di solito. Questi sono cinque album che rientrano nella musica di consumo che questa sia rock o musica indipendente.

 

C.C.C.P. – Affinità – divergenze fra il compagno Togliatti e noi: Del conseguimento della maggiore età (1986)

Il disco “punk” italiano per eccellenza esce a quasi dieci anni dal fatidico 1977, che vide l’uscita della maggior parte dei dischi più importanti del punk rock inglese. A ben vedere, infatti, i CCCP hanno più legami con il punk tedesco anni ’80 (che con gli Eisturzende Neubauten cominciò a essere chiamato industrial), che con i padri degli anni ’70. Un sound irripetibile, accompagnato da un sarcasmo abulico, contraddistingue l’interno album, che rimane a quasi trenta anni dalla sua uscita uno dei lavori più originali della musica pop italiana.

 

Massimo Volume – Lungo i Bordi (1995)

Qualcuno ancora non l’ha capito, quindi proviamo noi a dargli una mano. I Massimo Volume sono una delle pochissime band italiane che hanno avuto il merito di coniare uno stile veramente autonomo, riuscendo a non fossilizzarsi nel copiare il sound anglo-americano. Nel 1995 c’erano state solo le prime avvisaglie di ‘post’, che però aveva in seno tutta la musica alternativa di fine anni ottanta e inizio novanta, colto magistralmente dalla band. La vera novità è nelle liriche e nel cantato, che non hanno nessun precedente e rimangono (nonostante l’abuso fattone da gruppi di scarso livello) fra i picchi più alti della musica italiana.

 

La Quiete – La Fine non è la fine (2004)

Disco profondamente sconsigliato a chi non è abituato a sonorità estreme; per tutti gli altri questo è uno dei migliori album scremo mai usciti, ed è italiano. Fondamentale musicalmente, ma non solo. In questa band c’è un’etica ed un’ (anti)estetica destinate presto a estinguersi.

 

Negazione-Lo Spirito Continua (1986)

Violento, fatale e fatalista. E’ questo l’album più importante del più grande gruppo punk-hardcore della penisola. I testi di “Zazzo” Sassola sono la perfetta fotografia dell’epica del giovane alternativo (passatemi il terribile termine) dell’epoca.

 

Elio e le Storie Tese – Italyan, Rum Casusu Cikti (1992)

I primi Elio e le Storie Tese erano la cosa più bella, fresca, intelligente che si potesse sperare di avere in un’Italia stantia e che puzzava già di carcassa (poi l’abbiamo fatta decomporre ben bene). Il citazionismo musicale e il nonsense, presi dal loro nume tutelare Frank Zappa, sono qui liberi da tutti i vincoli che attanaglieranno lentamente la carriera di Belisari e compagni, qua ancora con il grandissimo Feiez. Benché ancora sono talvolta considerati meri saltimbanchi da una certa intelligentia musicale, gli EelST sono stati una delle espressioni più alte e genuine dell’intera musica italiana.

 

Altri dischi:

Verdena-WOW (2011)

C.S.I – Linea Gotica (1996)

Fine Before you Came – s f o r t u n a (2009)

Afterhours-Hai paura del buio? (1997)

Marlene Kuntz-Ho Ucciso Paranoia (1999)

 

 

 

 

About Luigi Costanzo

Laureato in Lettere per hobby e per errore, fondatore di Polinice, collaboratore per Nerds Attack!, batterista di Departure ave. e The Wisdoom. Scrivo di musica, suono la musica, parlo di musica. Il resto del tempo mi annoio molto.

Check Also

Relais Rione Ponte ospita ATLAS, Ego Imago Mundi, una personale di Luca Di Luzio

Il 30 novembre inaugura un nuovo ciclo espositivo all’interno del Relais Rione Ponte, guesthouse di ...

USA E CUBA – Novanta miglia lunghe cinquant’anni

Questa non è ne' la fine ne' l'inizio di qualcosa di differente è un grandissimo passo in avanti però per tutta l'umanità. Un'umanità che, nonostante tutto, alle volte non riesce a superare novanta miglia pur spendendo una sonda su Marte. Novanta miglia che per decenni hanno reso lontani Washington e L'Avana più di Marte.

Carceri: la salute dietro il cancello

L’evento, promosso dal Vice Presidente del Consiglio regionale del Lazio, Giuseppe Cangemi, organizzato in collaborazione ...