Home / Polinice / Gli scatti da incubo di Arthur Tress
Bambino sepolto nella sabbia , Coney Island , 1968

Gli scatti da incubo di Arthur Tress

Bambino sepolto nella sabbia , Coney Island , 1968
Bambino sepolto nella sabbia , Coney Island , 1968

Se da piccoli avevate paura del mostro sotto al letto, e alla parola “Nightmare” tremate ancora, potreste riconoscervi nei protagonisti degli scatti di Arthur Tress.

Nato a Brooklyn nel 1940, Tress ha coltivato la passione per la fotografia fin da bambino, sin da quando il padre gli regalò la prima macchina Kodak. Il progetto che rappresenta, attraverso gli scatti, le paure e i desideri dei bambini, è arrivato dopo gli studi d’arte e un periodo parigino dedicato allo studio del mondo cinematografico.

Hockey Player, New York, 1972
Hockey Player, New York, 1972

Fin dal 1960 Arthur ha raccolto una serie di suggestioni, paure, incubi vissuti dai piccoli e li ha trasformati in immagini piuttosto angoscianti.

Il suo stile è quello del documentario: il suo “realismo magico” affianca vita quotidiana e fantasia.

ArthurTress2

Queste fotografie nascono dalle interviste che Arthur Tress ha fatto ai bambini, cercando di visualizzare e dare forma  ai loro sogni e ai loro incubi. Fra i più comuni, per esempio, ci sono il terrore di essere sepolti e il timore di essere umiliati davanti agli altri.

ArthurTress4

Gli scatti sono raccolti in un libro che è stato pubblicato nel 1972, “The Dream Collector”, dove è lo stesso Tress a descrivere la finalità di questa raccolta fotografica a metà fra realtà e immaginazione:

“Lo scopo di queste fotografie è mostrare come l’immaginazione creativa del bambino trasformi costantemente la sua esistenza in una serie di simboli magici, per rappresentare e tirar fuori i sentimenti e le sensazioni inespresse”.

About Rossana Pistoia

Rossana Pistoia
Sono una studentessa di architettura di 24 anni, ho fatto delle mie passioni la mia stessa vita. La voglia di memorizzare momenti si è trasformata in amore per la fotografia, l'entusiasmo con cui ho mosso i primi passi nel mondo della musica mi ha portata ad amare le sue infinite sfaccettature: dal pianoforte alla consolle. La mia passione per gli sport outdoor mi ispira a vivere nuove avventure ogni giorno.

Check Also

Jill Greenberg

I ritratti mozzafiato di Jill Greenberg

“End Times” , progetto che ritraeva primi piani dei volti dei bambini disperati e carichi ...