Home / Playground / Lucca Comics & Games 2015 (parte 2)

Lucca Comics & Games 2015 (parte 2)

In questo articolo continuiamo, con il mio elenco delle novità e degli acquisti, lo speciale iniziato da Francesco su Lucca Comics & Games 2015.  Quest’ultimo – prendendo in prestito un’espressione di Mauro Longo di GG Studio – è un vero e proprio rave nerd: dove il maschio italico nerd fa scorte di dadi, fumetti e giochi per l’inverno che sta arrivando.

In questa edizione abbiamo vissuto meno eventi rispetto all’anno scorso, avendo deciso di visitare la kermesse lucchese di Giovedì 29, onde evitare la ormai nota calca del weekend (nonostante l’idea della prevendita online dei biglietti per evitare congestionamenti vari).

Oltre a un must di ogni giocatore come Bruti di Gipi (di cui mi sono accaparrato la Collector), la parte più importante del mio bottino è rappresentata proprio dal settore Giochi di Ruolo.

12041927_842183929229277_960583456_nIn particolare a farla da padrone quest’edizione della fiera, è stata la GG Studio/Jolly Troll che oltre ad inaugurare un negozio stabile a Lucca, ha portato ben dodici manuali per il GdR ad ambientazione universale Savage Worlds. La parte del leone di tale scuderia è stata l’uscita in pompa magna della riedizione, a distanza di trent’anni e poco meno per l’edizione EL, di Kata Kumbas: il primo originale GdR italiano scanzonato e umoristico creato nel 1982, ispirato a L’Armata Brancaleone e all’immaginario mediterraneo; adesso ripubblicato per Savage Worlds con nuovi disegni della bravissima Francesca Baerald e le regole di Umberto Pignatelli. Offerto agli appassionati in due versioni: normale e deluxe. Senza dirlo preordinai tempo fa con ritiro in fiera proprio quest’ultima, in pelle in serie limitata con uno dei disegni originali allegati e dediche di ambo gli autori.

Ma le altre pubblicazioni, tra quelle che personalmente ho acquistato, non sono state da meno: MERCs, setting Sci-Punk a tema mercenari in un lontano futuro, East Texas University, ambientazione della Pinnacle Entertaiment che riprende a piene mani da film come Animal House e da serie tv come Buffy e Supernatural e Ultima Forsan: 20226_103774_VBLS008
Rutenia Macabra
, supplemento per l’ambientazione a tema zombie nel Rinascimento Italiano del fantastico Mauro Longo, che si concentra invece sull’area della Russia e del Baltico Macabri. Proprio quest’ultimo insieme al co-autore Giuseppe Rotondo ci ha intrattenuto in maniera disponibile e squisita, personalizzando con dediche le nostre copie. A ciò si aggiungono l’acquisto di altri episodi della Collector’s Edition dei librigame fantasy di Lupo Solitario, autografati dallo stesso Joe Dever: il numero 8 La Giungla degli Orrori e in esclusiva per l’Italia e la variant in serie limitata del numero 29 Le Tempeste del Chai. Ultimo capitolo della saga che attendeva l’uscita da ben quindici anni! Oltre a dadi poliedrici Q-Workshop e Chessex a più non posso!

Elfequest_cover.inddMa non solo giochi, anche i fumetti hanno avuto ampi spazi nella mia lista. Partendo dalla ripubblicazione in volumi economici di classici come L’Eternauta di Oesterheld-Solano Lòpez, Elfquest di Wendy e Richard Pini, ed infine (come albi brossurati) la serie di Universal War One di Denis Bajram, da parte di 001 Edizioni. Per Bao Publishing l’ultima graphic novel di LRNZ, Astrogamma (che l’autore ci ha gentilmente autografato) e per Tunué Brigada di Enrique Fernández e Beowulf di David Rubin e Santiago Gàrcia. A differenza degli anni passati, la prima parte del pomeriggio è stata spesa nella purtroppo sottovalutata area-self di Piazza San Romano, spesso invece ricca di piacevoli sorprese: ho acquistato infatti il primo numero di due di L-Tiers, fumetto che omaggia i picchiaduro anni ‘80 realizzato da Walter Baiamonte. Il quale mi ha gentilmente disegnato uno sketch con dedica.

Oltre all’immancabile visita ai padiglioni delle fumetterie indipendenti, dove ho potuto reperire i numeri mancanti per la mia collezione di Brendon della Sergio Bonelli. E proprio allo stand Segio Bonelli Editore ho acquistato le immancabili variant di Orfani: Nuovo Mondo (realizzata dal Leo Ortolani) e quella di Morgan Lost. Ultima creatura del papà di Brendon Claudio Chiaverotti e nuova serie dell’editore milanese.

Tutto sommato il 2015 ha confermato ciò che i frequentatori di questa mostra-mercato già intuivano da tempo: Lucca C&G è ormai uno dei punti di riferimento più importanti, non solo nel panorama italiano ma anche a livello internazionale, per quanto riguarda il fumetto e l’entertaiment in senso lato (elettronico e non). L’unica cosa che dispiace è l’avere avuto un solo giorno per visitarla; in effetti la cosa migliore sarebbe avere a disposizione più giorni aldilà di una semplice toccata e fuga, per godersi tutti gli incontri, eventi e le mostre che ogni anno arricchiscono Lucca. Sarà per la prossima.

About Alessio Persichetti

Alessio Persichetti

Check Also

lucca comics

Lucca Comics & Games 2016

Quest’anno, Lucca Comics & Games 2016  è stato un evento da non dimenticare: si sono ...