Home / Moda / PFW: anche con la moda Parigi torna alla normalità

PFW: anche con la moda Parigi torna alla normalità

Si è appena conclusa a Parigi la settimana della Haute Couture. Si è parlato della casa delle bambole gigante in un giardino zen in cui ha sfilato la collezione ecologica di Chanel, delle principesse inglesi di Elie Saab, di Gigi Hadid in passerella da Versace insieme a Irina Shayk, Joan Smalls e Stella Maxwell. L’alta moda, l’olimpo degli stilisti, la consacrazione delle modelle. Negli anni abbiamo visto tutto e il contrario di tutto, dalle donne vestite da balena ai cavalli in passerella, una moda inavvicinabile, un gioco per i grandi. Che succede quando uno dei più grandi tra i grandi decide di riportare il tutto alla normalità? Stiamo parlando della nuova campagna New Normal di Giorgio Armani presentata alla PFW.

Nadja Auermann, Yasmin Le Bon, Stella Tennant ed Eva Herzigova gli scatti di queste donne firmati da Peter Lindbergh dimostrano che la bellezza vera non ha età e che lo stile autentico è misurato, perfetto per la quotidianità, mai eccessivo.

Le quattro modelle di fama mondiale sono ritratte in uno studio fotografico di Parigi, addosso una semplice camicia, i capelli raccolti, le immagini in bianco e nero.

L’idea che Armani vuole trasmettere è che la classicità è un valore, che le blogger con vestiti improbabili possono guadagnare milioni di like su Instagram ma l’eleganza è un’altra cosa, che lo shatush può andare di moda ma non sarai meno bella se hai i capelli tutti dello stesso colore.

Esiste uno stile che non solo non ha tempo, ma non ha luogo. Le stesse scarpe con la para di 5 cm con le quali ci sentiamo fashion icon se veniamo fotografate per strada, ci fanno sentire delle cantanti degli Abba di fronte allo sguardo di disapprovazione di nostro padre.

Parlando della campagna New Normal, lo stesso Giorgio Armani ha dichiarato:

“Ho voluto quattro donne iconiche dalla forte personalità a dimostrare che la bellezza femminile non ha età. Ho scelto Peter Lindbergh, con il quale ho più volte collaborato, perché le sue foto non hanno tempo e non conoscono l’artificio. Volevo trasmettere il senso della realtà, di abiti che accompagnano con naturalezza ed eleganza la normalità della vita di tutti i giorni”.

La vita di tutti i giorni è fatta di camicie che ci buttiamo addosso alla rinfusa, di capelli non fonati in boccoli e onde ma “accroccati” alla meno peggio, di tute da ginnastica anti-sesso. Certo la mia crocchia non è come quella di Eva Herzigova ma è l’idea che conta..

New Normal Armani 2

Nella sua biografia lo stilista raccontava che per lui la prima emozione estetica è stata il dondolio di un paio di orecchini. Quegli stessi orecchini lunghi e preziosi pendono ora dalle orecchie delle sue modelle in passerella durante la PFW, la settimana della Haute Couture parigina.

Schermata 2016-01-30 alle 13.31.55

Hanno tutte i capelli neri, raccolti, come Merle Oberon, l’attrice inglese che ha ispirato Armani. Vestono abiti da principessa in organza, seta e cristalli. Lughi, a balze, con profonde scollature sul davanti e sulla schiena. Ma anche parka (di seta) e short svasati dal taglio più sportivo. Niente tacchi solo scarpe basse da cui spuntano leziosi calzini. Il colore è uno solo: il glicine. “Mauve en Mouvement” è infatti il titolo della collezione.

Schermata 2016-01-30 alle 13.31.18

La paura per gli attentati del 13 novembre è ancora viva, il sospetto verso gli stranieri si legge nello sguardo delle persone, anche il traffico è nel caos per le proteste dei tassisti contro Uber, ma anche con la moda Parigi tenta di tornare alla normalità.

About Maria Teresa Squillaci

Maria Teresa Squillaci
Caporedattore Moda&Costume. Giornalista. Ho lavorato a La Stampa, Rai News24 e Sky Tg24. Nata a Roma, ho vissuto a Madrid dove lavoravo come ufficio stampa e social media manager. Scrivo di tutto quello che mi capita, dalla politica, alle sfilate, ai bigliettini di auguri, ma la cosa più difficile che ho fatto è stata scrivere questa auto-biografia. Twitter: @MTSquillaci

Check Also

Perché hanno tutti perso la testa per la nuova Rinascente a Roma

“Ci devi assolutamente andare! Sembra di stare da Saks sulla Fifth Avenue” dice al telefono ...