Home / Moda / Festival di Sanremo, storia di moda e bellezza

Festival di Sanremo, storia di moda e bellezza

L’anno scorso è stato il Festival delle vallette – cantanti, Emma e Arisa, il cui punto di forza era sicuramente più la voce delle gambe. L’edizione precedente, la co-conduttrice Luciana Littizzetto non ha avuto paura a vestirsi da struzzo, facendo dell’ironia il principio ispiratore anche dei suoi look. Il 2010 è stata la volta del one-woman show di Antonella Clerici, che ha affrontato la prova dell’Ariston come la prova del cuoco, sfoggiando look da fata madrina di Cenerentola.

Fabio Fazio e Luciana Littizzetto
Fabio Fazio e Luciana Littizzetto

Quest’anno al Festival di Sanremo lo stacco di coscia torna protagonista. In 65 edizioni, mentre sul palco si alternavano conduttori, si toglievano e mettevano i fiori, aumentava o diminuiva il numero delle serate (questa volta sono 5), le donne alla conduzione hanno dimostrato di non essere solo manichini e ora Madalina Ghenea e Virginia Raffaele possono affrontare Sanremo 66, condotto per il secondo anno da Carlo Conti, consapevoli che i cambi d’abito delle vallette contribuiscono all’audience quanto le canzoni.

sanremo-3320.660x368
Virginia Raffaele, Carlo Conti, Madalina Ghenea e Gabriel Garko

Dal 1960 i vestiti degli artisti non vengono più offerti dagli organizzatori ma ciascuno sceglie la sartoria di fiducia a proprie spese: molto si parlò del milione pagato complessivamente da Jula De Palma e Nilla Pizzi per i loro abiti (esclusi gioielli e accessori) nell’edizione del 1960. La Pizzi si servì nell’atelier Anna Mode, la fornitrice di costumi di Canzonissima. Particolare cura è stata da sempre dedicata allo stile delle donne conduttrici. Per iniziativa del settimanale “Amica”, sempre nel ’60, i cantanti uscirono sul palco affiancati da indossatrici vestite con modelli di alta moda.

Da Armani a Cavalli, da Dolce&Gabbana a Versace, da allora tutti gli stilisti si sono cimentati nel disegnare abiti per i protagonisti del Festival di Sanremo. Yves Saint Laurent vestì Laetitia Casta nel 1999, Valentino si occupò di Manuela Arcuri nel 2002. Nel 2004 la conduttrice Simona Ventura durante la prima serata indossò un abito di Dolce&Gabbana da 10 chili.

Ma l’abito dello scandalo al Festival di Sanremo è sicuramente quello disegnato da Fausto Puglisi per Belen Rodriguez nel 2012. In quell’edizione, lo spacco abissale e la sua farfallina hanno oscurato completamente le scelte di stile di Elisabetta Canalis, nonostante l’abito bianco firmato Emilio Pucci, accollato davanti, ma scollatissimo dietro.

Elisabetta Canalis
Elisabetta Canalis – Sanremo 2011

Che dire di Ivana Mrazova, la modella ceca, anche lei al fianco di Gianni Morandi e Rocco Papaleo in quell’edizione. Pressoché ignota al grande pubblico, si è fatta conoscere per la sua bellezza oltre che per aver disertato le prime due serate del festival a causa di una cervicale.

Belen-farfalla-Sanremo
Ivana, Elisabetta e Belen – Sanremo 2012

Memorabile l’abito rosa pallido firmato Fausto Sarli, che ha indossato per la serata finale del festival.

Ivana Mrazova
Ivana Mrazova

E quest’anno? Ancora una volta ci saranno la bionda e la mora, scelta che, dal 1994, quando Pippo Baudo portò sul palco Anna Oxa e la prorompente modella di colore Cannelle, si è sempre rivelata vincente. Nel 1995 toccò a Claudia Koll e Anna Falchi, l’anno successivo a Sabrina Ferilli e Valeria Mazza, mentre nel 1998 vediamo Eva Herzigova e Veronica Pivetti. Bellezze diverse con ruoli distinti, come accadrà a partire dal 9 febbraio per la modella e attrice Madalina Ghenea e la bellissima comica e imitatrice Virginia Raffaele.

Madalina Ghenea Sanremo
L’abito di Alberta Ferretti per Madalina Ghenea

Non molto si sa degli abiti. L’unica certezza è che per la prima serata, l’attrice romena, ex di Leonardo Di Caprio e Michael Fassbender, indosserà un abito rosso di Alberta Ferretti. E’ stata la stessa Maison a pubblicare il bozzetto sulla propria pagina Faceboo. Bustier aderente, gonna in chiffon e rouches laterali. A vestire Carlo Conti sarà invece, come l’anno scorso, Salvatore Ferragamo, che giocherà, in tutta probabilità, sui toni del nero e del blu. Ancora mistero per Virginia Raffaele, ma la comica che tante volte ha suscitato polemiche per le sue imitazioni, potrebbe lasciare tutti senza parole per i suoi look.

About Maria Teresa Squillaci

Maria Teresa Squillaci
Caporedattore Moda&Costume. Giornalista. Ho lavorato a La Stampa, Rai News24 e Sky Tg24. Nata a Roma, ho vissuto a Madrid dove lavoravo come ufficio stampa e social media manager. Scrivo di tutto quello che mi capita, dalla politica, alle sfilate, ai bigliettini di auguri, ma la cosa più difficile che ho fatto è stata scrivere questa auto-biografia. Twitter: @MTSquillaci

Check Also

Tutti i look di Michelle Hunziker a Sanremo 2018

Se fossimo cattivi commenteremmo i look maschili di Sanremo 2018. Se fossimo cattivi parleremmo delle ...