Home / Moda / I look più belli del Festival di Cannes 2016

I look più belli del Festival di Cannes 2016

La Palma d’oro dello stile e del coraggio quest’anno va sicuramente a Julia Roberts. Nel 2015 fu polemica al Festival di Cannes quando alcune signore non furono fatte accedere alle proiezioni perché si sono presentate in croisette in ballerine invece che con i tacchi alti, che, pare, facciano parte del “dress code ufficiale” della kermesse. Niente scarpe basse per le donne, smoking obbligatorio per gli uomini e niente selfie sul tappeto rosso per tutti, queste sono le regole.

Già allora il mondo delle celebrità si mobilitò, da Emily Blunt (“Non bisognerebbe proprio portarli i tacchi alti, tutti dovrebbero portarli bassi” disse l’attrice) alla produttrice cinematografica Valeria Richter. Ma la diva di Mona Lisa Smile quest’anno ha fatto di più.

Julia Roberts in difficoltà con le scarpe tacco 12 se le è tranquillamente sfilate lasciandole sul red carpet. I flash dei fotografi sono impazziti. E gli addetti alla security hanno iniziato ad agitarsi. La diva può ovviamente permettersi di tutto e sollevato l’orlo del bellissimo abito Armani Privé ha salito la celebre scalinata della Croisette come se nulla fosse.

Julia Roberts si toglie i tacchi sul red carpet
Julia Roberts si toglie i tacchi sul red carpet

Se c’è un evento con lo scandalo al sole nel DNA, quello è il festival di Cannes, che, tra trasparenze eccessive e wardrobe malfunction, può vantare oltre mezzo secolo di scatti memorabili. Ecco i look più belli del Festival di Cannes 2016

About Maria Teresa Squillaci

Maria Teresa Squillaci
Caporedattore Moda&Costume. Giornalista. Ho lavorato a La Stampa, Rai News24 e Sky Tg24. Nata a Roma, ho vissuto a Madrid dove lavoravo come ufficio stampa e social media manager. Scrivo di tutto quello che mi capita, dalla politica, alle sfilate, ai bigliettini di auguri, ma la cosa più difficile che ho fatto è stata scrivere questa auto-biografia. Twitter: @MTSquillaci

Check Also

Relais Rione Ponte ospita ATLAS, Ego Imago Mundi, una personale di Luca Di Luzio

Il 30 novembre inaugura un nuovo ciclo espositivo all’interno del Relais Rione Ponte, guesthouse di ...

USA E CUBA – Novanta miglia lunghe cinquant’anni

Questa non è ne' la fine ne' l'inizio di qualcosa di differente è un grandissimo passo in avanti però per tutta l'umanità. Un'umanità che, nonostante tutto, alle volte non riesce a superare novanta miglia pur spendendo una sonda su Marte. Novanta miglia che per decenni hanno reso lontani Washington e L'Avana più di Marte.

LA CONTA DELL’IMMIGRAZIONE E LE IMPLICAZIONI TRA GLI STATI UE. Italia vs Francia?

“Non tutto ciò che può essere contato conta e non tutto ciò che conta può essere contato”, con ...