Home / Playground / GetAlive – La Webserie
get alive

GetAlive – La Webserie

Più volte presentata alle fiere di settore con un episodio pilota, per poi essere finanziata con una campagna crowdfunding di successo su Eppela, la prima stagione della web-serie GetAlive rappresenta una piccola chicca nel panorama delle produzioni indipendenti italiane: uno spaccato di una passione ―  ormai più che diffusa anche nel nostro paese ― e di una comunità come quella dei LARP; quest’ultimo acronimo di Live-Action Roleplaying Game. Avete presente quello che normalmente i vostri amici nerd fanno con carta, penna e dadi intorno a un tavolo? Lo stesso, solamente giocato dal vivo: travestendosi da maghi, guerrieri e briganti e interpretando il proprio ruolo fra boschi e rocche medievali, i quali almeno per il  fine settimana si trasformano in meravigliosi regni fantasy.

Ma GetAlive non è, a differenza di un’altra mini-serie culto dedicata ai giochi di ruolo come The Gamers, una semplice apologia di un hobby o di una realtà ludica che accoglie migliaia  di appassionati. GetAlive è soprattutto una commedia e la storia di persone con i loro problemi, che affrontano quotidianamente la mediocrità di persone che non sanno sognare. E di come, attraverso il LARP, possano essere davvero se stessi.

La storia segue le vicende di Filippo, giovane giornalista neo-assunto come stagista in una grigia redazione di un giornale provinciale qualunque, e come tanti di noi è alle prese con problemi più che comuni alle generazioni dagli anni ‘80 in poi: la paura del futuro, il precariato e una relazione piuttosto insoddisfacente con una ragazza come tante. Un giorno Loris, cugino di Filippo, oltre che metallaro e accanito patito di fantasy, trascina ― letteralmente ― il protagonista, dopo aver alzato un po’ troppo il gomito una sera presso un pub di motociclisti, ad una sessione di GdR dal vivo. Guidandolo nel ruolo di Crom, esperto barbaro del nord all’interno della campagna dal vivo.  Da qui si creeranno una serie di equivoci ed incontri: da Ugo, nella vita reale dirigente aziendale e veterano dei “live”, al nerd impacciato di nome Kevin, fino ad arrivare ad una vecchia amica, Sara. Quest’ultima, interpretando una chierica di nome Erin, seguirà sia nella vita reale che nel corso delle sessioni il personaggio di Filippo: Conan. Tutte queste situazioni porteranno il protagonista della serie poco per volta a scoprire questo affascinante genere di giochi e ad infervorarsi per esso, trovando al tempo stesso una valvola di sfoga e un modo per comprendere chi sia realmente e cosa voglia davvero.

get alive

Come già anticipato, la mini-serie brilla nel momento in cui le scene più leggere, comiche e avvincenti in mezzo a orchi, cavalieri e battaglie campali, lasciano spazio a tanti piccoli spaccati di altrettante vite: Loris, che cerca insistentemente di sfuggire alla banalità, Ugo che vive mantenendo le apparenze e nascondendo la passione per i GdR alla moglie soffocante che lo giudicherebbe, o Kevin, circondato da una famiglia dozzinale tutta volgarità e Barbara D’Urso. Ed infine Sara, intrappolata a sua volta in una relazione con il classico italiano medio calcio e divano. Tutte persone, come noi, che cercano tra una pietra magica e un tiranno in cotta di maglia, di trovare finalmente la propria strada. Ma tutti quanti, una volta afferrate le spade in lattice e gli elmi, diventano almeno per un paio di giorni eroi, dando la forma di draghi e nemici alle loro paure e riuscendo in fine a sconfiggerle. Questo è il punto di forza e di originalità della serie, di mostrare come la scintilla dell’immaginazione possa in qualche modo salvarci dalla monotonia della quotidianità, dall’incertezza e dalla solitudine. Ponendosi di fatto al di sopra della media del panorama italiano delle serie online, non solo a livello di sceneggiatura, ma anche dal punto di vista della fotografia e della produzione.  

get alive

Scegliete il background, gli incantesimi e armatevi di scudo: come suggerito dal nome, GetAlive è disponibile in streaming gratuito sul canale Youtube e sul sito ufficiale,  al momento in cui scriviamo giunta al sesto episodio.

About Alessio Persichetti

Alessio Persichetti
Game Master a tempo perso, oltre ad essere un bibliofilo compulsivo. Nel tempo libero, fin da ragazzino, si appassiona al gioco intelligente (giochi di carte, giochi di ruolo e da tavolo) e ai fumetti, senza però disdegnare i videogiochi.

Check Also

lucca comics

Lucca Comics & Games 2016

Quest’anno, Lucca Comics & Games 2016  è stato un evento da non dimenticare: si sono ...