Home / Playground / L’impero del sapere: Khan Academy e la conoscenza online

L’impero del sapere: Khan Academy e la conoscenza online

Durante l’ultimo semestre di liceo classico, a causa di un probabile rigetto per i cinque anni di cultura umanistica, fui preso da una passeggera smania di migliorare in matematica. L’obiettivo era però reso ambizioso da un dettaglio: fino a quel momento avevo sempre fatto di tutto per non studiarla. Mi venne per caso in aiuto un articolo di Wired, in cui si parlava di un illuminato statunitense e del suo progetto di sollevare dall’ignoranza scientifica migliaia di capre mie pari. Il suo nome è Salman Khan e la sua creatura è Khan Academy: scopriamo di che si tratta (giuro che non vi sto vendendo un’iscrizione al CEPU).

L’idea di Salman Khan, ingegnere pluri-laureato presso scuolette come MIT e Harvard, nasce quando i parenti lo incastrano nella più classica delle trappole: dare ripetizioni di matematica alla cuginetta. Il nostro comincia a darle una mano via internet, illustrandole i concetti tramite Yahoo Doodle. La crescente richiesta di lezioni personalizzate da parte di altri parenti lo spinge poi a preparare una serie di video e caricarli su YouTube. Qui avviene la folgorazione: perchè limitarsi a far strappare una sufficienza ai piccoli di casa, quando ci si potrebbe dedicare all’educazione dell’intera popolazione umana (Salman deve senz’altro essere un tipo modesto)? Khan comincia così a registrare, avvalendosi di un’elegante lavagna virtuale, una serie di video-lezioni che procede poi a caricare sul tubo e a catalogare sul suo sito, garantendo a chiunque sia interessato l’accesso gratuito alla totalità del materiale. Fin qui, starete pensando, nulla di strabiliante: un appassionato come tanti, con molto tempo libero, che carica pseudo-tutorial sulla rete; il mondo ne è pieno. A differenziare i video della Khan Academy da quelli del canale ukuleleXtutti_88 contribuiscono però una serie di fattori non trascurabili. Innanzitutto, la quantità di materiale: fin dagli albori del sito, infatti, l’offerta formativa è stata caratterizzata da una varietà impressionante. Da subito il suo creatore ha intuito la necessità di non cristallizzarsi su un solo ambito del sapere, optando per una diversificazione dei contenuti che, ad oggi, può essere riassunta dal seguente indice:

indexKhan

Ora immaginate che ognuno dei link mostrati sopra consente l’accesso ad una sotto-lista di argomenti, e che ogni sotto-lista contiene decine di video, e comincerete ad avere un’idea della mole di sapere offerta. Certo, potrete obbiettare, come in tutti i settori più importanti non è tanto la dimensione dello strumento a contare, quanto la qualità di chi lo usi. Beh, anche in questo caso Khan Academy primeggia per preparazione e metodo dei suoi docenti: il sito prevede infatti la partecipazione di centinaia di volontari dalla formazione prevalentemente accademica, il cui lavoro è poi filtrato dalle competenze di ogni esperto o appassionato che decida di rilasciare feedback al sito. Tale strategia è un esempio di sfruttamento dell’intelligenza collettiva per garantire agli utenti lezioni dai contenuti costantemente aggiornati e imparziali. Dal punto di vista metodologico, i video della Khan Academy prediligono uno stile di insegnamento lineare e dritto al sodo, tipicamente anglosassone. Di fronte a simili modalità noi italiani siamo spesso portati a storcere il naso, ma ritengo che, sopratutto nell’ambito dell’educazione virtuale, un approccio semplice ma non semplicistico, e che anteponga fatti a opinioni e divagazioni sia di gran lunga il migliore.

A riprova della lungimiranza e delle ambizioni del team dietro l’accademia di Khan, c’è la costante evoluzione stilistica e contenutistica a cui il sito è costantemente sottoposto. Quello che inizialmente non era molto più che una cornice carina in cui raccogliere link ai video, si è presto trasformato in una vera e propria scuola virtuale in cui, oltre a potersi spostare tra le varie classi, ci si può sottoporre a verifica delle competenze acquisite tramite la risoluzione di problemi e quiz. Il tutto è ulteriormente arricchito da una suite di strumenti per esercitarsi nelle materie più tecniche senza abbandonare il sito e da un sistema di achievements, immagino ideato per motivare maggiormente i più nerd piccoli.

interfKhan

L’efficacia ed il successo di Khan Academy sono testimoniati dall’impatto e dalla risonanza che sta guadagnando anno dopo anno. Tralasciando le donazioni ricevute da innumerevoli fondi per la cultura o colossi come Google, penso valga la pena concentrarsi su due esempi più esplicativi: innanzitutto, Khan Academy è oggetto di traduzioni in lingue africane come il Kiswahili, per trasformarlo in strumento di educazione nei villaggi rurali di Kenya e Tanzania. L’obiettivo è quello di fornire una preparazione tecnico-matematica agli abitanti di zone in cui anche solo raggiungere una scuola sia un’impresa, ma che di fatto rappresentano bacini di forza lavoro dalle dimensioni immani. Il secondo esempio che vi porto è quello della recente partnership tra il sito e la Pixar, per creare un corso estensivo che, allo stesso tempo, fornisca agli studenti le basi dell’animazione computerizzata, mostri come la matematica possa rivelarsi indispensabile in settori innovativi e stimolanti, e illustri il funzionamento della filiera creativa all’interno del colosso che sembra puntare sempre più al ruolo di fabbrica dei sogni.

Resta il mistero su quale possa essere il motivo del successo di Khan Academy: in fin dei conti si tratta comunque di assistere a lezioni frontali, e se l’apprendimento in sè fosse così divertente, ci ricorderemmo le aule scolastiche come i luoghi migliori della nostra vita, mentre così non è. Quindi, come si chiedevano i poeti, “como se spiega?”. Credo che la spiegazione vada ricercata nella teoria di Robert Pirsig sull’inutilità dei voti scolastici: nel suo celebre “lo zen e l’arte della manutenzione della motocicletta”, lo scrittore e filosofo americano parlava di un ciclo naturale che si sarebbe verificato nella sua ideale università priva di voti. Lo studente, libero dalla paura della bocciatura, avrebbe lentamente seguito la sua natura di cazzone cominciando a saltare le lezioni e rimandando lo studio fino a data da destinarsi, finchè la consapevolezza di star sprecando il proprio tempo non lo avrebbe spinto ad abbandonare gli studi e a cercarsi un lavoro per campare. A questo punto però, la mancanza di preparazione teorica si sarebbe palesata, causando in lui la nascita di una fame di conoscenza mai provata prima. Armato di motivazioni interne e personali, questi avrebbe allora deciso di tornare in università, e la nuova spinta lo avrebbe condotto a compiere sforzi intellettivi prima impensabili. Con le dovute proporzioni, questa è la dinamica che leggo nel successo della creazione di Salman Khan: il sapere è affascinante quando non è imposto, quando sappiamo che al termine di quei venti minuti sulla nascita dell’universo non ci attende la possibilità di un insufficienza o di una bocciatura, ma solo quella di saperne di più o di meno, di essere gli stessi di prima o di sentirci un po’ più arricchiti. Il principio che Khan Academy sembra abbracciare è insomma quello secondo cui l’apprendimento è un istinto naturale dal quale, crescendo, veniamo distolti dall’imposizione di contenuti e verifiche.

Io quindi un giro tra le mura dell’università di Khan ve lo consiglio, fosse anche solo per farvi una risata la prossima volta che una testata generalista pubblicherà l’ennesimo “Tutto sul Bosone di Higgs (spiegato bene)”.

 

About Marzio Persiani

Marzio Persiani
Romano, studio informatica. Curiosa intersezione tra cose che mi appassionano e argomenti con cui non si rimorchia.

Check Also

Giochiamo a IA e cowboy: Westworld, la serie

Michael Crichton è un mio punto di riferimento. Per quanto oggi lo trovi un deprecabile ...