Home / Moda / Saldi estivi 2016: cosa comprare oggi per la prossima stagione

Saldi estivi 2016: cosa comprare oggi per la prossima stagione

L’inverno sta arrivando. Qualunque fan della serie tv di cui sto parlando saprà che è dalla prima puntata della prima stagione che ce lo sentiamo ripetere ma abbiamo dovuto attendere sei anni e 60 episodi per il fatidico evento. Eppure l’inverno è arrivato. Quello che voglio dire è che a volte bisogna adottare una prospettiva di lungo periodo.

saldi 2016

Nulla di più vero quando si parla di saldi. Per due motivi:

  1. Gli sconti sono iniziati ormai due settimane fa in tutta Italia. Il primo impulso è quello di comprare tutto subito, il primo giorno, nell’orecchio la voce della commessa che ti dice che la tua taglia (qualunque essa sia) finisce subito. Mi viene da dire che se quei capi di abbigliamento hanno resistito in esposizione per un’intera stagione senza che nessuno li comprasse, c’è il margine per pensare positivo. Di solito poi la commessa incline a insinuare l’ansia da saldi è la stessa che si guarderà bene dal dirvi che dopo i primi saldi ci sono anche i secondi e i terzi. Regola vuole infatti che una settimana dopo l’inizio dei ribassi, il prezzo si abbassi ancora e così il 20% diventa il 30% e poi il 40% negli ultimi giorni. Questo quindi è il momento perfetto darsi allo shopping e trovare cose davvero convenienti.
  1. Ma cosa comprare? Ecco il secondo motivo per cui è bene proiettarsi avanti. In questo periodo fa così caldo che la sola idea di provare un pullover sembra stonata. Il cappottino provato sopra il copricostume poi è ancora più strano. L’abbronzatura ci attira verso il bianco. È vero che i saldi sono l’occasione perfetta per togliersi uno sfizio, comprare il capo alla moda di stagione. La gonna midì, la borsa con le frange, il costume intero che a prezzo pieno non avresti comprato, diventano ora molto più appetibili. Ma c’è anche altro da considerare. L’unica area dei negozi più spopolata durante i saldi estivi di quella che espone i capi della nuova collezione (nonostante i tentativi di indurre in tentazione mettendoli sempre in primo piano) è quella dove sono appesi cappotti e maglioni, residui della mezza stagione relegati invece nell’angolo più dimenticato della boutique. Eppure è proprio lì che si possono trovare grandi occasioni per comprare a metà prezzo abiti che indosseremo per tutta la prossima stagione. Basta solo scegliere con un occhio puntato alle tendenze del prossimo autunno. Ecco tre idee per fare acquisti lungimiranti ai saldi estivi 2016:

 

  • Il chiodo di pelle. Il ritorno agli anni ’80 e ’90 riporta in auge anche il giubbotto da motociclista in pelle. Presentato in molteplici varianti: con impunture, decorato da zip o completamente rivestito in paillettes.
  • Il fascino del vecchio West ritorna in passerelle. Per cavalcare e dominare lo stile non possono mancare: frange, stivaletti, giacchine ricamate e capi in pelle.
  • Il colore giallo. A voi scegliere la sfumatura: limone, senape, canarino, ocra o curry. L’importante è avere almeno un tocco di questa nuance per i look dell’inverno.
  • Il giubbotto di jeans. Lavato, trattato, decolorato, diventa la giacca più cool da portare sull’abito da sera. Mentre – di giorno – si reinventa con scritte e pins. Una buona idea da copiare per rinnovare quello che avete già nell’armadio.
  • Il bomber. Sportivo o rivisitato in versione chic. Tinta unito o stampato. Super trendy quello in tessuto matelassé da indossare tono su tono sugli abiti.

 

L’inverno sta arrivando.

About Maria Teresa Squillaci

Maria Teresa Squillaci
Caporedattore Moda&Costume. Giornalista. Ho lavorato a La Stampa, Rai News24 e Sky Tg24. Nata a Roma, ho vissuto a Madrid dove lavoravo come ufficio stampa e social media manager. Scrivo di tutto quello che mi capita, dalla politica, alle sfilate, ai bigliettini di auguri, ma la cosa più difficile che ho fatto è stata scrivere questa auto-biografia. Twitter: @MTSquillaci

Check Also

Perché si parla di Rihanna ingrassata

Per gli haters sei sempre “troppo”. Troppo magra, troppo grassa, troppo femminile, troppo mascolina, troppo ...