Home / Architettura / Com’è l’Ara Com’era

Com’è l’Ara Com’era

Tutti i giorni fino all’8 Gennaio, e solo nei Venerdì e i Sabato dei mesi successivi, sarà possibile sperimentare un’insolita visita multimediale dell’Ara Pacis.

Non è la prima volta che l’Ara Pacis si presta a questo tipo di esperienze: già nel 2009 l’allestimento de “I colori dell’Ara” proponeva in occasione delle celebrazioni del bimillenario della morte di Augusto, l’apertura serale del sito con tanto di proiezione di luci sul monumento, riproducendo gli effetti di quelli che sarebbero i suoi colori originali. Proprio a partire dagli studi realizzati per quelle ricostruzioni, basate su analisi di laboratorio, confronti con pittura romana e ricerche cromatiche su architetture e sculture antiche, è stata organizzato il racconto multimediale de “L’Ara Com’era”, affidato a ETT Spa, industria digitale e creativa che già in passato ha collaborato con Musei ed Istituzioni, proponendo la fusione fra i contenuti virtuali e il patrimonio culturale.

Così, quest’anno, l’esperienza visiva si arricchisce di profondità spaziale, grazie all’impiego di occhiali 3d, e di voci narranti che, in nove diverse postazioni intorno all’Ara, arricchiscono la visita di quell’altare che Augusto volle per celebrare la pace e la prosperità all’interno dell’impero Romano. Partendo dal plastico del Campo Marzio, vengono illustrate le trasformazioni dell’Ara Pacis e dell’area circostante, quindi il culto ed i riti legati all’Ara e le decorazioni del recinto dell’altare. L’impiego degli occhiali 3d e il sopraffollamento delle postazioni, rendono indispensabile l’acquisto del biglietto online, nel tentativo di rendere l’esperienza ottimale per tutti i visitatori.

Sebbene gli esiti dell’esperimento non siano ancora esattamente perfetti – non sarebbe inopportuno qualche accorgimento in merito agli occhiali e all’esclusività dell’esperienza della realtà aumentata solo all’interno delle nove postazioni prescelte – l’impiego della tecnologia virtuale sul monumento segna un nuovo tentativo di dialogo fra la Storia e il Contemporaneo. Dialogo che appare però ancora molto difficile non appena si esce dal Museo dell’Ara Pacis e, solo dopo attente ricerche, fra la vegetazione, si riesce a scorgere la forma del Mausoleo di Augusto; solo qualche mese fa son ripartiti i lavori di restauro e riqualificazione di Piazza Augusto Imperatore, ad appena 10 anni di distanza dall’annuncio del progetto vincitore della gara.

Elisa Russo

About Polinice

Polinice

Check Also

80 anni di Cinecittà, 80 anni di cinema

Il 28 Aprile 2017 saranno 80 anni di Cinecittà. Da quasi 80 anni Cinecittà è ...