Home / Cinema / Recensione di Loving di Jeff Nichols

Recensione di Loving di Jeff Nichols

Per questo film Ruth Negga è stata candidata all’Oscar come migliore attrice protagonista. Ecco la recensione di Loving, scritto e diretto da Jeff Nichols

Serviva un altro film sulle battaglie civili degli afroamericani negli Anni ’50? Probabilmente no, ma ci sono storie che meritano di essere raccontate.

E’ il caso della vicenda di Richard e Mildred Loving, lui bianco lei nera, che nel 1958 hanno sfidato lo stato della Virginia prima e la Corte Suprema degli Stati Uniti poi per far valere il loro diritto, e il diritto di tutti, ai matrimoni interraziali. Una storia d’amore che ha colpito anche il regista Jeff Nichols. Ne ha fatto un film il cui titolo non poteva essere che Loving.

 “Ero in viaggio per lavoro e mi è capitato di vedere il trailer del documentario sui Loving, Loving vs. Virginia – ha raccontato il regista – Ho pianto così tanto che l’ho inviato anche a mia moglie. Dopo un po’ mi ha scritto una mail dicendo: ‘Ti amo, ma se non fai un film su questa storia chiedo il divorzio'”.

In origine il protagonista doveva essere Matthew McConaughey, nato in Texas, nel sud degli Stati Uniti quindi come i coniugi Loving, poi però sulla fedeltà geografica ha prevalso la fedeltà fisica e così Richard ha il volto dell’australiano Joel Edgerton, e Mildred è Ruth Negga, irlandese di origini etiopi. Ha spiegato Nichols, originario dell’Arkansas: “Al cinema tutte le persone del Sud vengono fatte parlare come se fossero appena uscite da una pièce di Tennessee Williams, ma in realtà non tutti provengono dal Mississipi. Allora ho capito che per me aveva più senso scegliere gli attori giusti, anche stranieri, e compiere con loro un percorso che comprendeva un lavoro accurato. Ruth Negga è stata la prima attrice a essere sottoposta a provino ed è stata incredibile”. Per l’attrice di 12 anni schiavo e Warcraft avere la parte era diventata una questione di vita o di morte: “Chiamavo il mio agente tutti i giorni! Mi sono documentata sulla vita di Mildred per due anni. E’ stata la più bella esperienza lavorativa della mia vita”.

Loving racconta un tema a cui il cinema si è ampiamente interessato, saggia per questo la scelta di Jeff Nichols di mantenere l’obiettivo stretto sui due protagonisti, sulla loro quotidianità e sulla forza del loro amore piuttosto che sul contesto dell’America delle segregazioni. L’abominio delle discriminazioni traspare così con molta più forza dalla rappresentazione della normalità della vita di coppia di un uomo bianco e una donna nera che si devono scontrare con le leggi dello stato della Virginia piuttosto che dalla rappresentazione trita delle persecuzioni e dei soprusi dei padroni nelle piantagioni.

“Spero che questo film possa far riflettere sulla durezza di questi problemi e su come le decisioni di qualcuno si riflettano sugli altri”, ha detto il regista durante la conferenza stampa dopo la proiezione del film. “E’ importante raccontare la storia della semplicità di questa coppia. Penso che sia una delle storie d’amore più pure d’America”.

About Maria Teresa Squillaci

Maria Teresa Squillaci
Caporedattore Moda&Costume. Giornalista. Ho lavorato a La Stampa, Rai News24 e Sky Tg24. Nata a Roma, ho vissuto a Madrid dove lavoravo come ufficio stampa e social media manager. Scrivo di tutto quello che mi capita, dalla politica, alle sfilate, ai bigliettini di auguri, ma la cosa più difficile che ho fatto è stata scrivere questa auto-biografia. Twitter: @MTSquillaci

Check Also

Il meglio della nuova H&M Conscious Exclusive Collection

Il pezzo forte è l’abito plissettato rosa cipria indossato da Natalia Vodianova, testimonial della campagna pubblicitaria. ...