Home / Polinice / L’Equilibrio del punto interrogativo

L’Equilibrio del punto interrogativo

Impressioni digitali è la prima rassegna di fotografia digitale a colori organizzata e curata dal Lab. 174 con la collaborazione di Pietro A. Guidoni. L’Equilibrio del punto interrogativo è la prima collettiva di questo nuovo progetto di rassegna.
Si tratta una collettiva che elogia l’inspiegato e il mistero. Le fotografie cercano di non limitare l’immaginazione ma di stimolarla: alcune sono sfuggenti, altre astratte, altre ancora inspiegate o inspiegabili. Il nostro intento è quello di celebrare l’interrogativo come fine ultimo del processo di suggestione: una domanda non richiede una risposta per essere completa perché essa in quanto tale è il prodotto di uno stimolo generato dall’immagine/fotografia.
Inspiegato non significa per noi imperfetto o stonato ma semplicemente alternativo a un’idea di completezza e compiutezza data da una logica convenzionale.
Nell’osservare la fotografia il processo creativo è in continuo divenire e in continua mutazione perché l’atto di osservare è un prolungamento del lavoro dell’artista.
Porsi delle domande senza pretendere delle risposte.

// ARTISTI IN MOSTRA //
Gianfilippo De Rossi
Francesco Fulvi
Leonardo Magrelli
Mauro Petito
Federico Tribbioli

Lab174 – Via Pietro Borsieri n. 14 – Roma

Vernissage Sabato 25 Marzo
Orari di apertura: Da Domenica 26 a Venerdì 31 Marzo dalle 15:00 alle 18:00

About Polinice

Check Also

Relais Rione Ponte ospita ATLAS, Ego Imago Mundi, una personale di Luca Di Luzio

Il 30 novembre inaugura un nuovo ciclo espositivo all’interno del Relais Rione Ponte, guesthouse di ...

USA E CUBA – Novanta miglia lunghe cinquant’anni

Questa non è ne' la fine ne' l'inizio di qualcosa di differente è un grandissimo passo in avanti però per tutta l'umanità. Un'umanità che, nonostante tutto, alle volte non riesce a superare novanta miglia pur spendendo una sonda su Marte. Novanta miglia che per decenni hanno reso lontani Washington e L'Avana più di Marte.

La Cina nel Pacifico spaventa l’Australia

L’inferenza cinese nel Pacifico spaventa l’Australia. La nazione oceanica ha deciso di rispondere a quello che viene visto come un disegno di influenza capillare nel sud-est Pacifico annunciando ingenti spese militari e l’esclusione di colosssi come Huawei