Home / Arte / What's up / Vivian Maier: La fotografa della realtà in bianco e nero

Vivian Maier: La fotografa della realtà in bianco e nero

Il Museo di Roma in Trastevere ospiterà dal 17 marzo al 18 giugno una mostra dedicata a Vivian Maier, la grande fotografa statunitense, il cui talento artistico rimase  all’oscuro fino alla sua morte.

La mostra, una sequenza di 120 foto in bianco e nero unite ad alcuni scatti a colori e a una serie di filmati in super8,  propone lo sguardo curioso e attento dell’artista rivolto ad una società in piena trasformazione, quella degli anni ’50 e ’60,  con New York a Chicago a fare da sfondo.

Vivian Maier, newyorchese di nascita, si guadagnava da vivere prendendosi cura dei piccoli rampolli della New York bene, in pratica faceva la “Tata”, proprio come Mary Poppins.

La Maier viveva le sue giornate dividendosi tra la cura dei bambini e la ricerca, quasi ossessiva, dei particolari da fotografare.  Le  bastava avere tra le mani la sua Rolleiflex   per compiere il miracolo.

 

 

Era la vita reale che prendeva forma … dettagli semplici,  istanti di quotidianità narrati con  sensibilità ed eleganza. La Maier era in grado di entrare in sinergia con i suoi soggetti riuscendo a coglierne la profondità, che fosse in uno sguardo, in una mano, in un sorriso, in una lacrima.

Una straordinaria sequenza di immagini di coppie giovani e anziane rappresentate nella loro massima spontaneità; la mutazione dell’infanzia in tutte le sue sfumature.

 

 

Pecursora dei moderni selfie, amava gli autoscatti. Lo specchio del bagno, quello della camera, la vetrina per la strada, lo specchietto da trucco, e perché no, anche la sua stessa ombra. In qualsiasi momento, in qualunque luogo, niente e nessuno le impedivano di scattare.

Capelli corti, sguardo languido, portamento severo……  questa donna così normale celava un grandissimo talento, alimentato da una passione estrema che la vedrà, dopo la sua morte, tra i più grandi street-photography degli anni ’90.

Fatto curioso è che se oggi le sue foto stanno facendo il giro del mondo è per una mera, e aggiungerei straordinaria, coincidenza.

 

Era il 2007 quando John Maloof, un giovane scrittore e giornalista americano, alla ricerca di materiale fotografico per la stesura di un libro su Chicago si ritrovò a partecipare ad un’asta, una di quelle in cui si mettono in vendita gli oggetti pignorati dal fisco. Per meno di 400 dollari si aggiudicò uno dei più grandi tesori artistici del novecento, confiscato alla Maier per il mancato pagamento dell’affitto del piccolo appartamento dove viveva.

Tata Maier morì per un banale incidente a Chicago, nel 2009, senza veder riconosciuto il suo straordinario talento.

 

INFORMAZIONI UTILI

Dove : Museo di Roma in Trastevere – Piazza Sant’Egidio, 1/B Roma

Orari : da martedì a domenica ore 10-20, chiuso lunedì e 1 maggio La biglietteria chiude alle ore 19.00 Promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale, Realizzata da Fondazione FORMA per la Fotografia in collaborazione con Zètema Progetto Cultura

Biglietti : Tariffe non residenti: Intero € 9,50 – Ridotto € 8,50 gratuito per le categorie previste dalla tariffazione vigente

About Elena Riccardini

Check Also

RACE FOR THE CURE 2017 , la lotta ai tumori del seno

  Giunta alla sua 18° edizione, il 19,20, e 21 Maggio torna a Roma, al ...