Home / Arte / Leonardo Crudi: l’artista che omaggia il centenario della Rivoluzione d’ottobre con manifesti neoralisti.

Leonardo Crudi: l’artista che omaggia il centenario della Rivoluzione d’ottobre con manifesti neoralisti.

Il 7 novembre 1917 avveniva la Rivoluzione d’ottobre, epilogo dell’impero zar russo, e in occasione del suo centenario Leonardo Crudi ha deciso di rendere omaggio a uno degli eventi che maggiormente segnò la storia del regno sovietico.

Leonardo Crudi è un artista autodidatta, si è dedicato alla pittura approcciandosi dapprima al mondo dei graffiti. La sua produzione artistica, iniziata nel 2012, è incentrata sull’indagine dello spazio e delle geometrie, fatte convivere con personaggi e volti carichi di significati sociali.

E’ questo infatti il leitmotiv che caratterizza l’evoluzione della produzione artistica di Crudi, che si muove verso un’indagine sociale in cui si coniugano il suprematismo e il futuristico tipicamente sovietici e le indagini socio-culturali.

Le opere dell’ultimo periodo artistico di Crudi hanno come soggetto il mondo sovietico, istantanee di un novecento comunista in cui si coniugano un profondo neorealismo e le influenze della produzione cinematografica di allora.

In commemorazione del centenario della caduta dell’impero zarista è stata installata a Roma una mostra “itinerante” che si svilupperà durante tutto il 2017, in cui manifesti dipinti e disegnati a mano sono installati su beni urbani, muri, colonne e sottopassaggi che delimitano l’ambiente urbano capitolino.

Un’arte pubblica di commemorazione che richiama i manifesti quali tipico mezzo di propaganda sovietica ma che mira ad una fruizione collettiva, ammirabile tutti i giorni dai cittadini che abitano la città ed accanto ai quali camminano e vivono: dal gagarin a scalo san lorenzo, al lenin di piazzale ostiense, passando per villa torlonia, il pigneto e via marsala a termini, ma anche porta maggiore con “1917”, piramide, policlinico, testaccio ed “europa” a villa ada.

 

 

Le opere di Leonardo Crudi, già in mostra a Roma nell’esposizione “C’era una volta l’URSS” curata da Giovanni Argan, e, recentemente nella collettiva AMOUR ÀMORT, tenutasi a Parigi dal 23 al 30 marzo 2017 e curata da Angèle Leila e Lorenzo Minio Paluello, sono riunite nel sito dell’artista, seguibile anche sul proprio profilo facebook.

About Giangiorgio Macdonald

Check Also

Anime. Capolavori del cinema d’animazione giapponese

In occasione della mostra Mangasia, al Palazzo delle Esposizioni di Roma una selezione di capolavori ...