Home / Arte / Diverrà superfluo andare nei musei? la rivoluzione dell’arte voluta da Google Arts & Culture

Diverrà superfluo andare nei musei? la rivoluzione dell’arte voluta da Google Arts & Culture

Google Arts & Culture continua ad investire nell’arte e nel suo connubio con la tecnologia cambiando le regole della fruizione dell’arte e della sua condivisione.

Neanche 20 giorni fa Google presentava il Grand Tour D’Italia, la piattaforma online (raggiungibile al seguente link https://www.google.com/culturalinstitute/beta/project/the-grand-tour-of-italy ) che permette di visitare Palermo, Siena, Venezia e Roma, come dei veri e propri turisti: attraverso il portale non solo si potrà accedere ai principali eventi delle città (si potrà visitare il Teatro Massimo a Palermo, il più grande teatro d’opera d’Italia, o partecipare al Palio di Siena senese; ritrovarsi tra i canali di Venezia o sulle scalinate del Campidoglio a Roma) ma anche conoscere le maggiori curiosità locali, ritrovandosi tra le strade (o i canali veneti) più tipici e folkloristici.

Il Grand Tour D’Italia, il viaggio per pochi che nell’800 compivano i più facoltosi per giungere sulle nostre sponde ed ammirare in un unico viaggio i tesori e le bellezze della nostra terra, Google l’ha reso possibile per tutti, direttamente dalla propria scrivania.

L’enormità di questo progetto, va ancorato all’ancora maggiormente ambizioso disegno della Google Arts & Culture, che attraverso una costellazione di progetti mira ad informaticizzare l’intero patrimonio artistico esistente e renderlo accessibile da qualsiasi parte del mondo, in parallelo con i tour in realtà aumentata di Google Cardboard (un esempio è il tour a 360° di Petra raggiungibile qui https://petravr.withgoogle.com) e con la recente modifica della Ricerca Google di immagini artistiche, che riporteranno, accanto all’immagine ricercata, puntuali approfondimenti storico-artistici dell’opera e la nuova funzionalità integrata in Google Street View che permetterà di visualizzare l’immagine, a volte in qualità HD, all’interno del polo esibitivo.

Visite online dei musei con annessa guida digitale, sempre possibili e (almeno per il momento) gratuite che potrebbero cambiare per sempre le modalità di godimento dell’opera d’arte

miriade

About Giangiorgio Macdonald

Giangiorgio Macdonald
Studioso di diritto ma appassionato di arte e di beni comuni, ed in generale di tutto ciò che è cultura ed innovazione sociale, cerco di conciliare tali ambiti che, in realtà, non sono così distanti

Check Also

Strambàli di Michela Di Lanzo alla galleria Parione9

MICHELA DI LANZO Strambàli di Michela Di Lanzo a cura di Marta Bandini e Elettra ...