Home / Polinice / Balla la Terra: musica e danze popolari per il progetto una Casetta per Amatrice

Balla la Terra: musica e danze popolari per il progetto una Casetta per Amatrice

Balla La Terra – Evento de La Via del Sale Onlus a sostegno del progetto: #UnaCasettaperAmatrice
17 Giugno 2017 presso il CIP Alessandrino – Via delle Ciliegie 42, 00193 Roma
dalle 18.00 all’1.00

La Via del Sale Onlus propone il suo 8° evento di raccolta fondi per le popolazioni colpite dal sisma, il cui ricavato andrà a sostenere il progetto ‘Una Casetta per Amatrice’


Una danza sinistra ci ha svegliato nel cuore della notte del 24 Agosto 2016. Ci ha portato via tanto: i nostri paesi quasi del tutto inagibili, le case da demolire, i posti di ritrovo e i luoghi di una vita. Abbiamo detto addio a un padre, un’amica: abbiamo pagato anche così.
Ma siamo vivi, e non ci fermeremo fino a quando avremo la forza di vivere, di cantare e di ballare l’anima delle nostre terre.

Vi presentiamo allora #BallaLaTerra: l’evento di danze e musiche popolari, che fa ballare la tradizione delle terre reatine, abruzzesi, umbre e marchigiane, con il prezioso contributo dei musicisti del sud italia, facendo rivivere la memoria di un passato che non è poi così lontano. Ci penseremo insieme a renderlo attuale, tenendoci uniti nel ritmo della tamburella e dell’organetto, cantando insieme poesie e stornelli.
Fiabe, leggende, miti e credenze, proverbi, usanze, musica e danze: l’anima di un popolo è il suo folkrore.

Si esibiranno sul palco:
 * Franco e Luigi, provenienti da Santa Croce e Poggio Cancelli, nel cuore delle terre reatine. Portano in giro per il mondo il repertorio tradizionale delle loro terre d’origine, famoso per la saltarella amatriciana e per gli stornelli improvvisati.

 * I Grazie Grazià, di Macerata. Prendono il nome da Graziano, anziano suonatore di organetto, che ha trasmesso loro passione e melodie antiche tra cui il saltarello maceratese, di cui sono gli unici esecutori. Il loro repertorio spazia dagli stornelli “a dispetto” ai canti tradizionali marchigiani.

 * EtnoMusa. Laboratorio a cura di Letizia Aprile, appassionata della musica popolare. L’EtnoMusa, pur attingendo con fedeltà e rispetto ad un patrimonio tramandato storicamente e ormai raccolto sul campo dalle tante interpretazioni proposte in questi ultimi decenni, lo rielabora collettivamente con la creatività e la sensibilità del proprio tempo e dei suoi esecutori. Il repertorio spazia dalla ricerca delle diverse tipologie di tarantelle – dove prezioso, è il contributo degli studenti fuori sede provenienti in gran parte dal sud Italia i quali si esprimono spesso anche attraverso la danza – alle ballate narrative, di lavoro o di corteggiamento, comuni a tutte le regioni italiane.

 * Andrea Liberati, volontario de La Via del Sale Onlus: insegnante di tamburello marchigiano della Scuola di arti popolari “Folk in progress” di Macerata, da sempre appassionato di stornelli.

 

Programma dell’evento

• 18.00-20.00 – Stage di “Saltarella amatriciana” con Franco
Moriconi e Stage di “Tamburella e Stornelli Improvvisati” con Andrea Liberati
• 20.30-21.30 Cena Sociale (a breve il menù!)
• 21.30 Inizio concerto di musica popolare

Prezzi:
[20€] Stage – Cena – Concerto
[10€] Cena e concerto
[5€] Concerto
*Per tutta la durata dell’evento sarà attivo il BAR-ETTO del CIP*


Per ulteriori informazioni sulla serata: 
https://www.facebook.com/laviadelsaleonlus/ o all’indirizzo email laviadelsaleonlus@gmail.com
Per prenotare la cena: 338 834 8796 (Valentina)

About Giangiorgio Macdonald

Check Also

La figura e l’opera di Marc Chagall

La figura e l’opera di Marc Chagall a cura di Giovanni Argan Martedì 13 giugno ...