Home / Polinice / L’European Culture Forum a Milano

L’European Culture Forum a Milano

European Culture Forum è un evento biennale, di grande rilevanza, organizzato dalla Commissione Europa per sottolineare e comunicare l’importanza delle collaborazioni europee in ambito culturale, per riunire i maggiori attori del settore e discutere iniziative e policy europee. L’edizione 2017 sarà anche l’occasione del lancio dello “European Year of Cultural Heritage 2018”, l’anno tematico dedicato dall’Unione Europea al patrimonio culturale comune.

European Culture Forum, per la prima volta non a Bruxelles, si terrà a Milano, nel distretto creativo della zona Tortona, presso Superstudio. Una sede straordinaria, un tempo fabbrica di biciclette e successivamente location per la moda e le arti riprogettata da Flavio Lucchini negli anni ’80, che sarà motivo di ispirazione per i lavori del Forum.

Può la cultura essere di aiuto ad affrontare le sfide cui si trova ora di fronte l’Europa e il mondo? Il patrimonio culturale interessa agli Europei? Come può la cultura, nelle città e nelle Regioni, sostenere lo sviluppo di società più inclusive e coese?

Registrazioni entro il 10 novembre.

La sessione di apertura prevede rappresentanti di autorità locali ed europee:

  • Tibor Navracsics, Commissatio Europeo per l’Istruzione, la Cultura, i Giovani e lo Sport
  • Antonio Tajani, Presidente del Parlamento Europeo
  • Dario Franceschini, Ministro dei beni Culturali e del Tursimo, Italia
  • Indrek Saar, Ministro della Cultura, Estonia

Il programma di snoda su due giorni con tantissime sessioni e gruppi di lavoro tra i quali, venerdì 8 dicembre, dalle 14.15 alle 15.15:

CREATIVE HUBS NETWORK AND CREATIVE LENSES – COMBINING CREATIVITY, SPACES, VALUES AND SUSTAINABILITY

Gli spazi creativi nelle nostre città possono essere molto diversi per ampiezza, obiettivi, modelli economici, ma, tutti, aiutano le comunità ad essere unite. Questa sessione sarà uno spazio di condivisione di riflesssioni da parte dei creativi su piattaforme e luoghi di lavoro, su come migliorare la resilienza delle organizzazioni artistiche e culturali e, più in generale, sulle condizioni complessive del settore creativo nel 21° secolo. Saranno condivisi esempi concreti tratti da due progetti co-finanziati: European Creative Hubs Network e Creative Lenses.

EUROPEAN CREATIVE HUBS NETWORK

Negli ultimi dieci anni, abbiamo assistito allo sviluppo a livello mondiale delle comunità creative: persone diverse che si ritrovano nello stesso spazio per ideare, collaborare, “fare”. Queste comunità sono quelle che chiamiamo “creative hubs” e rappresentano il settore più creativo dell’imprenditoria e della cultura di questo inizio di 21°secolo. In un panorama globale in continua evoluzione, gli hub diventano luoghi di lavoro importantissimi, dove le persone possono creare, sperimentare, dialogare e lanciare nel mondo nuove idee imprenditoriali.

____________________________________

The European Culture Forum is a biennial flagship event organised by the European Commission to raise the profile of European cultural cooperation, to bring together cultural sectors’ key players and to debate on EU culture policy and initiatives. Its 2017 edition will also mark the official launch of the European Year of Cultural Heritage 2018, the thematic EU year devoted to our common cultural assets and all their aspects.

The event, for the first time outside of Brussels, will take place at Superstudio in the booming creative neighbourhood of Tortona in Milan. This extraordinary event venue, once a bicycle factory and then a place for fashion publishing and art created by a renowned Italian art director Flavio Lucchini in the 1980s, will provide an inspiring and thought-provoking decorum for lively discussions, unexpected meetings and fruitful exchanges.

Can culture help to tackle European and global challenges? Does cultural heritage matter to Europeans? How can culture in cities and regions help to shape more cohesive and inclusive societies?

About Polinice

Polinice

Check Also

Il mondo nuovo: sovranisti e mondialisti invece di destra e sinistra

Oggi la politica non è più destra e sinistra, socialisti e liberali, ma piuttosto global e no global, sovranisti e mondialisti, per cui persone appartenenti alle frange radicali di quelle che una volta erano la destra e la sinistra, oggi probabilmente condividono lo stesso palco all’interno del contesto no global.