Home / Architettura / La nuova Rinascente in Via del Tritone

La nuova Rinascente in Via del Tritone

Il 12 Ottobre ha inaugurato la Rinascente Tritone, nuova sede dello Store nel cuore di Roma, a poca distanza da Fontana di Trevi e Piazza di Spagna e dagli spazi della precedente sede in Via del Corso, occupati dal 1918 e ceduti ormai 7 anni fa ad un flagship di Zara.

L’apertura avviene 150 anni dopo l’apertura del primo flagship dello Store a Milano e a 100 anni dopo la nascita del nome ideato da Gabriele D’Annunzio su commissione di Senatore Borletti, che acquistò i magazzini promuovendone la rinascita. Da appena qualche settimana si è conclusa a Milano “LR100. Rinascente. Stories of innovation “, la mostra che ha celebrato nelle sale di Palazzo Reale il secolo di storia dello Store che ha introdotto in Italia innovazione e creatività nel campo delle arti e del design istituendo nel 1954 il Premio Compasso d’Oro.

E se la Rinascente Tritone ripropone ristoranti e bistrot sulle due Terrazze panoramiche del sesto e settimo piano, come avviene nella sede di Milano, nella nuova location Romana tenta di affermarsi la declinazione del primo ed attualmente unico mall-museo al mondo grazie all’unicità del sito archeologico che ospita. La ristrutturazione è durata infatti 11 anni per via del continuo ed inevitabile confronto con le tracce della Stori e l’edificio oggi incorpora una struttura dei primi anni del ‘900, oltre a dedicare l’intero piano interrato ad uno spazio espositivo che riporta alla luce l’Acquedotto Vergine, quello inaugurato da Augusto nel 19 a.C. e che ancora oggi funziona e alimenta quasi tutte le più importanti fontane del centro storico. Durante i lavori, sono state rinvenute e preservate anche una domus del IV secolo, mosaici, terme ed un tratto della via Salaria.

Sei pani affacciano su il grande cavedio centrale dell’atrio, trattato con travertino bianco, con un rigore che sembra omaggiare la monumentalità del Colosseo Quadrato dell’Eur. Gli 8 piani, dedicati ciascuno ad uno specifico settore merceologico per un totale di 14000 mq, sono stati affidati a designer diversi: Claudio Silvestrin e Giuliana Salmaso si sono occupati delle diverse aree del piano espositivo insieme allo studio 1+1=1 Architects, lo studio belga Vincent Van Duysen ha progettato il raccordo fra i diversi piani, la facciata, il piano terra ed il primo, Universal Design Studio ha allestito il secondo, Retail Design/Paolo Lucchetta il terzo, India Mahdavi il quarto, CLS Architetti il quinto e Lifschutz Davidson Sandilands le terrazze del sesto e del settimo piano.

About Elisa Russo

Elisa Russo
Lettrice e architetto, sono appassionata di arte, design ed architettura, e della loro comunicazione. Credo fermamente nelle parole di Leo Longanesi: “Un'idea imprecisa ha sempre un avvenire.”

Check Also

BOOM | BEAT | BUBBLE

«LOVE – L’arte Contemponeanea incontra l’amore», curata da Danilo Eccher ed ospitata prima al del ...