Home / Moda / I look della festa del cinema di Roma 2017

I look della festa del cinema di Roma 2017

Il parametro per capire quanto ti importa del posto dove vai è quanto sei disposta a toglierti la giacca. Dall’uscita del sabato sera al red carpet, è una discriminante universale. Si sa che i “golfini” ammazzano i vestiti, che le caviglie nude con i pantaloni sono più carine, che i collant sotto gli abiti da sera sono una necessità e non una scelta, ma tutte abbiamo sperimentato il potere del “tanto non mi vede nessuno”. È quello che ci ripetiamo quando mettiamo il doppio golf, quando dormiamo con i calzini d’inverno, quando ci infagottiamo nelle sciarpe, quando ci mettiamo i pantaloni invece del vestitino. Qualunque sia il posto dove stiamo andando o le persone che dobbiamo incontrare, non sono così importanti da meritare che soffriamo il freddo per loro.

Prova del fatto che i cappotti non siano i migliori amici delle serate glamour è il fastidio che si prova quando trovi il vestito perfetto ma “devi avere le spalle coperte” e devi cercare qualche accrocco da metterci su: una sciarpa o un soprabito che verranno abbandonate su una sedia appena possibile.

Sui red carpet spacchi, scolli, trasparenze e volumi non imbrigliabili in uno spolverino sono notoriamente protagonisti. D’estate nessun problema, ma d’inverno? Vale la pena sfidare il freddo in quei venti metri di tappetto rosso, per un totale di massimo trenta minuti (comprese le foto di rito)? La risposta dovrebbe essere indubbiamente si, eppure alla Festa del Cinema di Roma non per tutte le celebrità è così.

Il festival di anno in anno acquista maggior prestigio. Ha assunto una sua identità, con i bei film sono cominciate ad arrivare le star internazionali anche se non ai livelli di Venezia o Cannes. Lì nessuno (complice sicuramente anche il periodo dell’anno più mite in cui si svolgono) si sognerebbe mai di farsi immortalare dai flash dei fotografi con il piumino.

Rosamund Pike in Dior

Lo sa Rosamund Pike, attrice già nominata agli Oscar, che per il red carpet di ‘Hostiles’ si è presentata fasciata in un favoloso Dior antracite con scollatura profonda e gonna ricamata di fiori.

In generale la Festa del Cinema di Roma ha visto una carrellata di look all’insegna della sobrietà e di colori scuri. Fiumi di nero, velluto blu e qualche tocco di colore. Senza risparmiare eccessi di stravaganza, come i capelli bianchi e il cerchietto di piume di Marina Ripa di Meana, decisamente sopra le righe. Anche per le attrici sembra valere la regola “nel dubbio mi metto un abito nero”. L’hanno scelto Eliana Miglio, in abito sottoveste di velluto e affilate décolleté Louboutin, Monica Marangoni, Monica Guerritone (con giacca), Benedetta Porcaroli. Tailleur pantalone della serie “minimo sforzo” per la sindaca Virginia Raggi, Valentina Bellè e Pamela Prati. La grande tendenza sul red carpet di Roma è però il blu notte, in tutte le sue sfumature: ha conquistato Galatea Ranzi, tra le interpreti di ‘La Ragazza nella nebbia’ di Carrisi e Alessia Ventura, mentre Alba Parietti, Irene Ferri e Euridice Axen hanno ceduto al fascino del velluto blu. Enrica Bonaccorti non si leva il cappotto così come Tiziana Rocca con chiodo di pelle.

About Maria Teresa Squillaci

Maria Teresa Squillaci
Caporedattore Moda&Costume. Giornalista. Ho lavorato a La Stampa, Rai News24 e Sky Tg24. Nata a Roma, ho vissuto a Madrid dove lavoravo come ufficio stampa e social media manager. Scrivo di tutto quello che mi capita, dalla politica, alle sfilate, ai bigliettini di auguri, ma la cosa più difficile che ho fatto è stata scrivere questa auto-biografia. Twitter: @MTSquillaci

Check Also

Detox d’autunno. Tra assurdi rimedi e banali verità

La prova costume é passata. Natale é ancora troppo lontano. L’abbonamento in palestra é scaduto ...