Home / Arte / Opus Alchymicum: la Lettonia omaggia Napoli

Opus Alchymicum: la Lettonia omaggia Napoli

Dal 27 ottobre al 2 dicembre Castel dell’Ovo di Napoli ospita l’esposizione Opus Alchymicum dell’artista lettone Lolita Timofeeva, poetessa del metafisico. L’evento gode del patrocinio dell’Ambasciata della Repubblica della Lettonia in Italia e del Consolato della Lettonia a Napoli, con l’organizzazione dell’Assessorato alla Cultura e Turismo del Comune di Napoli per celebrare i 100 anni di indipendenza della Repubblica di Lettonia, che ricorreranno il 18 novembre 2018. Le installazioni, i dipinti e le  sculture che compongono la mostra sono il frutto dell’ispirazione che l’artista ha avuto nel corso del suo primo viaggio nel capoluogo partenopeo. La Timofeeva ha visitato l’incantevole Cappella Sansevero, nota per l’unicità del suo Cristo velato, e si è avvicinata al pensiero ermetico di Raimondo di Sangro, settimo principe di Sansevero che fu inventore, alchimista e letterato. Così l’artista lettone ha sviluppato un nuovo spunto creativo, una conoscenza più profonda di sé mediante un’analisi intima del sogno, incubo e allucinazione. Colori vivi, atmosfere cupe e personaggi suggestivi compongono le opere, mentre le dimensioni rimangono sospese e trasportano lo spettatore nelle sale del Castello più affascinante di Napoli. Non basta affacciarsi dalla finestra per ritornare alla realtà, perché la città stessa è nata dalla sirena Partenope e il mito aleggia nell’aria. L’artista invita il pubblico a trovare se stessi tra le opere per entrare nel mondo dell’introspettiva alchimia e del pensiero ermetico. Il titolo della mostra prende spunto dal lavoro degli alchimisti medievali, precursori della chimica moderna, per approfondire lo studio dell’arte.

About Alessandra Scafuri

Check Also

Lo Stato liquido e la lotta alla mafia: la storia di Falcone e Borsellino in scena al Teatro Orione

Lo Stato Liquido Scritto e diretto da Sofia Bolognini – Produzione Young Theatre – Intervallo ...