Home / Musica / Sam Smith: The Thrill of It All – Recensione
Sam Smith DNF

Sam Smith: The Thrill of It All – Recensione

Recensire Sam Smith significa bere dell’alcool possibilmente inglese, immergersi con testa e cuore nei suoi testi e poi venir a capo della sua musica e poetica. La sua parabola nasce grazie all’intuito di Jimmy Napes che per primo riconobbe il talento dell’allora diciannovenne Sam Smith, non un professionista all’epoca. I due, dopo l’introduzione di un comune amico, videro Smith scendere nello studio dell’appena conosciuto Napes per scrivere immediatamente insieme la canzone “Lay Me Down”. Il successo del singolo fu immediato tanto da far iniziare tra gli addetti ai lavori la caccia all’autore del brano ossia Napes. Fu così che il management dei Disclosure lo assunse come autore dei loro brani, e così assieme ai fratelli Lawrence, i quattro si sedettero insieme per scrivere una canzone che è diventata la più importante hit degli anni dieci ossia “Latch”.

Quel che fin da subito apparve come certo in un’interprete come Smith è la fragilità raccolta in due spalle puramente inglesi. Il suo esordio con In the Lonely Hour ha registrato la vittoria di quattro Grammy e la vendita di dodici milioni di copie. Inoltre, fedeli alla tradizione britannica di leggenda del soft-power, il giovanissimo Smith ha ricevuto la consacrazione di far parte della colonna sonora di James Bond, approdando fino gli Oscar. In pochissimo tempo il cantante londinese si è imposto ai Golden Globe 2016 vincendo il premio come migliore canzone originale e l’Oscar per Writing’s on the Wall, tratta dal film Spectre – James Bond.

Nel frattempo è arrivato il coming-out, la sofferenza per i suoi disturbi ossessivo compulsivi. In un’intervista con 4Music ha infatti rivelato delle sue lotte contro un disturbo ossessivo-compulsivo: “Io attualmente ho un DOC davvero grave e sta peggiorando per il momento” […] “Io devo controllare i rubinetti… prima di uscire da casa per assicurarmi che ho controllato tutto in caso di inondazioni”.

Dalla sofferenza provata in questi anni ne è uscito il suo nuovo album The Thrill of It All. Il nuovo album è un lavoro plumbeo come i cieli inglesi, che mette a nudo, in modo eccellente, le fragilità del cantante tra dolori e alcolismi. Alcolismi che solo l’alcool britannico sa spiegare. Ne esce un disco maturo, di eccezionale poetica per la contemporaneità. Estremamente vero, crudo e degno di essere apprezzato per una non scontata ritmica.

Too Good at Goodbyes, è l’esternazione delle sue paure. Paure che tutti hanno in questa società laddove tutti comunicano e nessuno dice nulla. Sam Smith invece comunica con il cuore e una gran musica. Baby, You Make Me Crazy è un brano ballabile, divertente, con un tocco americano.

Non troverete suoni alla Disclosure o ritmiche di Napes. Ma, Sam Smith vi porterà in un viaggio che è quasi una terapia per il dolore. Un ritorno e una conferma, in attesa che si esibisca in Italia a maggio 2018 tra Milano e l’Arena di Verona.

TRACKLIST

01. Too good at goodbyes
02. Say it first
03. One last song
04. Midnight train
05. Burning
06. Him
07. Baby, you make me crazy
08. No peace

About Antonio Maria Napoli

Antonio Maria Napoli
Calcio, geopolitica ed economia. Qualche pillola di musica elettronica. Il mio concetto di perfezione è un libro di Paul Krugman o un romanzo di Dumas, con in sottofondo un remix di Frankie Knuckles o i Pink Floyd. Allo spritz preferisco il Nikka

Check Also

2018 Grammy Awards Nominations

Le nomination ai Grammy Awards 2018

Tutti i candidati ai Grammy Awards 2018. Chi sono i musicisti e gli artisti che potrebbero vincere i più importanti premi musicali americani