Home / Spettacolo / Musica / #GrammyAwards 2018: vincitori, dominio del rap e tanta ipocrisia
Bruno Mars

#GrammyAwards 2018: vincitori, dominio del rap e tanta ipocrisia

La scorsa notte si sono svolti i Grammy Awards. Seguirli è una dell’esperienze più mortificanti e affascinanti per coloro che seguono e lavorano nella musica. Lo show televisivo, presentato da James Corden al Madison Square Garden, prevede una lunghissima maratona pubblicitaria e un red carpet che tanto allude agli Oscar, quanto ne è lontano per fattura degli abiti.

 

L’EDIZIONE 2018 – Leggendo la lista dei vincitori dell’edizione 2018 appare certo come il rock sia ormai escluso dalla musica che incide sul mercato e nei temi di rilevanza politica.  Tant’è che è stato Kendrick Lamar, insieme a Kesha, a incidere sull’agenda setting del movimento musicale statunitense.

 

Kendrick, invece, si è presentato con un medley delle tracce più politiche di DAMN., accompagnato dagli U2 – che si sono esibiti anche da soli, suonando Get Out of Your Own Way davanti alla Statua della Libertà – e dal comico Dave Chappelle.

 

«Questo è un premio speciale perché ha a che fare con il rap», ha detto l’artista di Compton. «Il rap mi ha portato su questo palco e in giro per il mondo, e mi ha fatto capire cosa vuol dire essere un vero artista. All’inizio pensavo ai fan, alle macchine e ai vestiti, ma la cosa più importante è esprimere chi sei davvero, e farlo per la prossima generazione. Questo è quello che mi ha dato l’hip-hop».

 

E’ indubbio che il rap, r’n’b e l’urban nella musica equivalgono a Usa, Cina e Russia in geopolitica.

Ora tornando alla kermesse il sette che è il numero della perfezione, ha incoronato Bruno Mars. Il cantante è riuscito vincitore in tutte le sette categorie nelle quali era candidato. Tra i vari, il cantante dell’Atlantic Records, ha portato a casa anche il titolo per miglior album (“24K Magic”), “Record of the year” e miglior canzone (“That’s What I Like”).

 

L’IPOCRISIA DELLO SHOWBIZ – Seguendo il trend lanciato dal caso molestie e dal movimento #metoo e la polemica contro Trump, anche i Grammy hanno rispettato il copione del moralismo incoerente. Oltre a ricordare che Weinstein è stato un grande sostenitore e finanziatore delle campagne democratiche, intendo evidenziare che non una sola campagna di donazioni a favore dei più fragili del mondo è stata posta in essere dalla sessantesima edizione dei primi

Il movimento #metoo rappresenta la giusta causa di molte donne, soprattuto di quelle che non sono venute a patti con le molestie per lavorare, però, i Grammy rimangono una cerimonia dove le donne sono storicamente sottorappresentate. Basta pensare che solamente il 9,3% dei nominati degli ultimi sei anni è di sesso femminile. Quest’anno solo due donne hanno vinto un premio: Rihanna – che lo condivide con Kendrick Lamar – e Alessia Cara, premiata come Best New Artist.

I VINCITORI DEI GRAMMY 2018 – Ecco l’elenco dei vincitori dei Grammy Awards 2018:

 

Record of the Year: 24K Magic — Bruno Mars

Album of the Year: 24K Magic — Bruno Mars

Song of the Year: That’s What I Like

Best New Artist: Alessia Cara

Best Pop Solo Performance: Shape of You — Ed Sheeran

Best Pop Duo/Group Performance: Feel It Still — Portugal. The Man

Best Pop Vocal Album: ÷ — Ed Sheeran

Best Dance Recording: Tonite — LCD Soundsystem

Best Dance/Electronic Album: 3-D The Catalogue — Kraftwerk

Best Contemporary Instrumental Album: Prototype — Jeff Lorber Fusion

Best Rock Performance: You Want It Darker — Leonard Cohen

Best Metal Performance: Sultan’s Curse — Mastodon

Best Rock Song: Run — Foo Fighters, songwriters

Best Rock Album: A Deeper Understanding — The War on Drugs

Best Alternative Music Album: Sleep Well Beast — The National

Best R&B Performance: That’s What I Like — Bruno Mars

Best Traditional R&B Performance: Redbone — Childish Gambino

Best R&B Song: That’s What I Like — Bruno Mars

Best Urban Contemporary Album: Starboy — The Weeknd

Best R&B Album: 24K Magic — Bruno Mars

Best Rap Performance: HUMBLE. — Kendrick Lamar

Best Rap/Sung Performance: LOYALTY. — Kendrick Lamar featuring Rihanna

Best Rap Song: HUMBLE. — Kendrick Lamar

Best Rap Album: DAMN. — Kendrick Lamar

Best Country Solo Performance: Either Way — Chris Stapleton

Best Country Duo/Group Performance: Better Man — Little Big Town

Best Country Song: Broken Halos — Chris Stapleton

Best Country Album: From a Room: Volume 1 — Chris Stapleton

Best New Age Album: Dancing on Water — Peter Kater

Best Improvised Jazz Solo: Miles Beyond — John McLaughlin

Best Jazz Vocal Album: Dreams and Daggers — Cécile McLorin Salvant

Best Jazz Instrumental Album: Rebirth — Billy Childs

Best Large Jazz Ensemble Album: Bringin’ It — Christian McBride Big Band

Best Latin Jazz Album: Jazz Tango — Pablo Ziegler Trio

Best Gospel Performance/Song: Never Have to Be Alone — CeCe Winans; Dwan Hill & Alvin Love III

Best Contemporary Christian Music Performance/Song: What a Beautiful Name — Hillsong Worship; Ben Fielding & Brooke Ligertwood, songwriters

Best Gospel Album: Let Them Fall in Love — CeCe Winans

Best Contemporary Christian Music Album: Chain Breaker — Zach Williams

Best Roots Gospel Album: Sing It Now: Songs of Faith & Hope — Reba McEntire

Best Latin Pop Album: El Dorado — Shakira

Best Latin Rock, Urban or Alternative Album: Residente — Residente

Best Regional Mexican Music Album (Including Tejano): Arriero Somos Versiones Acústicas — Aida Cuevas

Best Tropical Latin Album: Salsa Big Band — Rubén Blades con Roberto Delgado y Orquesta

Best American Roots Performance: Killer Diller Blues — Alabama Shakes

Best American Roots Song: If We Were Vampires — Jason Isbell and the 400 Unit

 

About Antonio Maria Napoli

Calcio, geopolitica ed economia. Qualche pillola di musica elettronica. Il mio concetto di perfezione è un libro di Paul Krugman o un romanzo di Dumas, con in sottofondo un remix di Frankie Knuckles o i Pink Floyd. Allo spritz preferisco il Nikka

Check Also

Dicono di lei approda al Teatro Bella Monaca

Al Teatro Tor Bella Monaca approda dal 12 al 14 ottobre DICONO DI LEI, di ...