Home / Breaking News / Ghouta: L’inferno in terra

Ghouta: L’inferno in terra

La parte orientale di Ghouta appare essere l’inferno in terra, distrutta dai cosiddetti “ribelli” e bombardata da mesi dalle forze governative e della Federazione Russa. E’ singolare come la parola “Ghouta” in arabo ”الغوطة‎, al-ġūṭa  significhi oasi, designando le terre coltivate che circondano la città di Damasco e costituiscono un’oasi nel deserto siriano. In realtà dall’inizio della cosiddetta “primavera araba” è il più grande girone dell’inferno in terra.

L’ATTACCO CHIMICO DEL 2013 –  L’area di Ghouta è composta da sobborghi densamente popolati a est e a sud di Damasco, facenti parte della provincia di Rif Dimashq 1. Ghouta è una regione sunnita prevalentemente conservatrice che sin dall’inizio della guerra civile, soprattutto nella parte orientale, ha visto la popolazione schierarsi in gran parte con l’opposizione al governo siriano. L’opposizione ha controllato gran parte della Ghouta orientale dal 2012, in parte tagliando fuori Damasco dalle campagne e imponendo da subito le sue regole.

Alle prime ore del 21 agosto 2013 le due zone controllate dall’opposizione dei ribelli nei sobborghi di Damasco, in Siria, furono colpite da razzi contenenti l’agente chimico sarin. Provocando la morte di centinaia di persone, le cui stime variano da almeno 281 persone 2 a 1.729.

Gli ispettori della Missione delle Nazioni Unite già in Siria per indagare su un presunto attacco di armi chimiche ebbero il permesso di visitare i luoghi tre giorni dopo. Il team investigativo delle Nazioni Unite confermò “prove chiare e convincenti” dell’uso del sarin fornito dai razzi superficie-superficie, e un rapporto 2014 del Consiglio dei diritti umani dell’ONU ha rilevato che “sono state utilizzate quantità significative di sarin in un attacco indiscriminato ben pianificato che ha colpito zone abitate da civili, causando vittime di massa. Le prove disponibili riguardo alla natura, qualità e quantità degli agenti utilizzati il ​​21 agosto hanno indicato che i perpetratori avrebbero probabilmente avuto accesso alle scorte di armi chimiche dell’esercito siriano, così come l’esperienza e le attrezzature necessarie per manipolare in sicurezza una grande quantità di agenti chimici 3.

 

L’opposizione siriana insieme alla Lega araba e l’Unione europea dichiararono che l’attacco fosse stato opera delle forze del presidente siriano Bashar al-Assad. I governi siriano e russo hanno accusato l’opposizione per l’attacco, il governo russo ha definito l’attacco un’operazione di bandiera falsa da parte dell’opposizione per attirare le potenze straniere nella guerra civile dalla parte dei ribelli 4. Åke Sellström, il leader della Missione delle Nazioni Unite, descrisse le spiegazioni del governo sull’acquisizione di armi chimiche ribelli come carenti, basandosi in parte su “teorie povere”.

Diversi paesi, tra cui Francia, Regno Unito e Stati Uniti discussero sull’opportunità d’intervenire militarmente contro le forze governative siriane. Il 6 settembre 2013, il Senato degli Stati Uniti autorizzò l’uso della forza militare contro l’esercito siriano in risposta all’attacco Ghouta 5. Il 10 settembre 2013, l’intervento militare fu scongiurato, anche grazie all’intervento del Vaticano, quando il governo siriano accettò un accordo negoziato tra Stati Uniti e Russia per consegnare “ogni singolo pezzo” delle scorte di armi chimiche alfine di distruggerle, dichiarando inoltre l’intenzione di aderire alla Convenzione sulle armi chimiche 6-7.

 

LA SHAHARIA DEI “RIBELLI” E LE COLPE OCCIDENTALI – Con il tempo, come avvisato e annotato dagli esperti di geopolitica, il fronte dei ribelli si dimostrò per quel che realmente era ed è: una costellazione paramilitare intrisa nel fondamentalismo islamico. Eccezion fatta per il fronte Curdo.

Nelle fotografie sottostanti noterete gabbie su cui sono stati caricati centinaia di civili, specie donne e bambini, la maggior parte catturata sin dal 2013. E’ a fine 2015, come avvenuto nella Ruhr, che le vittime sottostanti vennero ingabbiate e fatte sfilare per le strade di Ghouta tra due ali di folla festante. L’unica colpa di molti di loro era la fede alawita, ovvero l’appartenenza alla stessa minoranza religiosa di Bashar Assad.

Scrive su Il Giornale Gian Micalessin

 

“ Altri erano sunniti accusati di complicità con il regime per aver lavorato nei ranghi dell’amministrazione governativa. A chiuderli in gabbia con lo scopo dichiarato di usarli come «scudi umani» erano stati i militanti di Jaysh al- Islam, il gruppo ribelle che ancora oggi controlla vaste aree di questa zona. “

 

Le colpe dell’occidente, se così definibile in quanto aggregato unico in geopolitica, risiedono nell’aver finanziato e armato indirettamente gruppi quali: Harakat Ahrar al-Sham al-Islamiyya (alleato a lungo di Al – Nusra, una costola di AlQaida 8) o Hayʼat Tahrir al-Sham / Organization for the Liberation of the Levant la sezione di AlQaida in Siria, per cui il Qatar è stato accusato di favoreggiamento da parte dell’Arabia Saudita in fase di promozione dell’embargo del 2017.

 

Nell’ultima settimana si è giunti a un accordo su (un presunto e solo formale) cessate il fuoco. Ma, ciò a quanto pare non vale per Ghouta.  Dal cessate il fuoco sono esclusi gli attacchi contro Isis, al Qaeda, al Nusra e altri “gruppi, individui e entità” affiliati con terroristi. Una richiesta di Mosca che dal 2011, anno in cui iniziò la guerra civile, aveva posto undici volte il veto su risoluzioni riguardanti la Siria.

 

Quel che invece resta è la sofferenza dei Siriani. I bambini morti. I troppi bambini morti. Le donne stuprate e la sharia. Le bombe russe, americane, francesi, canadesi, degli Emirati, d’Israele. Le donne sfruttate sessualmente da alcuni “operatori” delle più importanti ONG. E soprattutto la nostra infamia di persone che chiuso con un clic la pagina di un sito torniamo a pensare alle miserie e banalità delle nostre semi-agiate vite occidentali. Come recitava uno striscione alla Sapienza “Le vostre guerre, il nostro sangue ”, ma se non faremo nulla saremo complici difronte la storia. Ghouta nel frattempo che scegliamo come fare è l’inferno in terra.

 

  1. “Veneer of peace over cradle of horror in Damascus, Syria”. Australian. Associated Press. 28 August0 2013. Postato nuovamente il 18 Maggio 2015.
  2. “Final report”(PDF). United Nations Mission to Investigate Alleged Uses of Chemical Weapons in the Syrian Arab Republic. 13 December 2013
  3. “7th Report of Commission of Inquiry on Syria – A/HRC/25/65”(PDF). United Nations Human Rights Council. 12 Febbraio 2014. p. 19. Retrieved 1 April 2016.
  4. ab Winfield, Gwyn (February 2014). “Modern Warfare” (PDF). CBRNe World. Retrieved 28 April 2015.
  5. ^Cox, Ramsey (6 September 2013). “Reid files resolution to authorize force against Syria”. Retrieved 9 September 2013.
  6. ^Gordts, Eline (10 September 2013). “Syria Will Sign Chemical Weapons Convention, Declare Arsenal, Foreign Ministry Says”The Huffington Post. Retrieved 18 September 2013.
  7. ^Borger, Julian; Wintour, Patrick (9 September 2013). “Russia calls on Syria to hand over chemical weapons”. The Guardian. Retrieved 9 May2015.
  8. Joscelyn, Thomas (25 October 2015). “Al Nusrah Front, Ahrar al Sham, Ajnad al Sham form anti-Russian alliance in Damascus countryside”Long War Journal.

About Antonio Maria Napoli

Antonio Maria Napoli
Calcio, geopolitica ed economia. Qualche pillola di musica elettronica. Il mio concetto di perfezione è un libro di Paul Krugman o un romanzo di Dumas, con in sottofondo un remix di Frankie Knuckles o i Pink Floyd. Allo spritz preferisco il Nikka

Check Also

sin volver la cara

Sin volver la cara. La passione del flamenco

La passione del Flamenco arriva all’Auditorio Parco della Musica con Sin volver la cara, il nuovo spettacolo ...