Home / Polinice / ECOSIA, IL SOCIAL BUSINESS CONTRO LA DEFORESTAZIONE

ECOSIA, IL SOCIAL BUSINESS CONTRO LA DEFORESTAZIONE

É come Google, Yahoo e Bing, ma ciò che contraddistingue Ecosia dagli altri motori di ricerca, comunemente utilizzati, consiste nella vocazione sociale del suo fare impresa.

Nato dall’idea del 33enne Christian Kroll, suo fondatore, questo innovativo social business si pone l’obbiettivo di combattere la deforestazione nel mondo destinando l’80% dei propri ricavi alla piantumzione di arbusti. O almeno così viene dichiarato sul sito.

Fino ad oggi gli utenti Ecosia, in continua crescita, utilizzando questo, come motore di ricerca, hanno contribuito a piantare oltre 26 milioni di alberi nelle zone più a rischio di deforestazione.

Dato sorprendente, senza dubbio, ma ancora lontano da quello che gli addetti ai lavori si sono prefissati di raggiungere entro il 2020, ovvero un miliardo di nuovi alberi. Grazie a Ecosia per ognuno di noi, oggi è possibile raccogliere fondi per un mondo più green semplicemente navigando sul web.

Come? Basta andare sul sito di Ecosia, seguire le istruzioni per impostare Ecosia come motore di ricerca e scegliere il progetto da supportare.

Cooperare contro la deforestazione significa agire nell’interesse dell’ambiente in cui viviamo e, dunque, per il benessere dell’umanità; significa allungare la vita del nostro pianeta e guardare alle generazioni future; significa combattere i cambiamenti climatici e, per le aree soggette alla desertificazione, addirittura far ripartire il ciclo dell’acqua e mettere in moto quel circolo virtuoso che garantisce cibo, lavoro, educazione e crescita economica.

Grazie alla piantumazione di alberi anche il problema del riscaldamento globale, causato in larga parte dalle emissioni di CO2, può essere arginato. Gli alberi sono, infatti, in grado di “mangiare” anidride carbonica e di determinare, grazie alla fotosintesi, i cambiamenti climatici, contribuendo a raffreddare il pianeta. E se nel 2015 alla Conferenza delle parti di Parigi, 195 paesi hanno adottato il primo accordo universale giuridicamente vincolante sul clima mondiale, Ecosia da prova di perseguire il medesimo obbiettivo dando la possibilità direttamente ai singoli di agire in tal senso.

Un piccolo team, quello di Ecosia (22 gli addetti ai lavori), che punta a grandi risultati: fino ad ora oltre 26.700.000 gli alberi piantati e, considerato che il calcolatore presente sul sito, costantemente aggiornato, conteggia una media di circa 1000 nuovi alberi piantati in un’ora, ci sono buone probabilità di arrivare fino a un miliardo nel 2020!

About Azzurra Baggieri

Laureata in Giurisprudenza e da sempre appassionata di Storia dell'Arte, trascorro il tempo libero scrivendo e leggendo. Per Polinice mi occupo delle sezioni "Arte" e "Responsabilità sociale". Il mio motto? Audaces fortuna iuvat!

Check Also

Banche e ambiente: l’altro lato dei demoni finanziari

Banche, soldi, cittadini: delle istituzioni bancarie si parla solo relativamente il loro rapporto economico con ...