Home / What's up / Anonima Armonisti al Parterre Farnesina Social Garden

Anonima Armonisti al Parterre Farnesina Social Garden

 

Anonima Armonisti, 28 luglio 2018 dalle ore 21:30 presso il Parterre Farnesina Social Garden- Via Antonino di San Giuliano

Anonima Armonisti 28 luglio 2018 dalle ore 21:30 presso il Parterre – Farnesina Social Garden
ingresso 12 euro + dp, consigliato l’acquisto in prevendita: http://bit.ly/AnonimaArmonisti28luglioParterre

 

ANONIMA ARMONISTI
Settetto vocale a cappella

CHI SONO
Nata nell’estate 2003, l’Anonima Armonisti è un complesso vocale a cappella, che si basa cioè sul canto armonizzato a più voci, totalmente privo di accompagnamento strumentale. Il repertorio del gruppo, che ha all’attivo due album e centinaia di concerti in giro per l’Italia, comprende grandi successi del passato e del presente e brani originali. A caratterizzare il gruppo, composto da sei cantanti e da un beatboxer, è la sorprendente eterogeneità dell’ispirazione dei singoli elementi così come degli ambiti professionali dai quali ciascuno di essi proviene. Mettendo insieme la passione per i generi musicali più vari, dalla musica leggera al canto popolare italiano e internazionale, dai classici vintage ai più recenti successi del pop e del rock, il repertorio è improntato esclusivamente alla creazione di arrangiamenti originali. Per restituire un’esperienza live sempre originale e in grado di soddisfare il bacino di utenza più vasto possibile, i concerti dell’Anonima Armonisti inseriscono l’esecuzione musicale in una vera e propria performance di intrattenimento. Non si tratta però di uno spettacolo scritto a tavolino, quanto piuttosto del tentativo di ricreare in scena lo spirito goliardico, ironico e irriverente che caratterizza le prove.
PRODUZIONI DISCOGRAFICHE
Il primo album dell’Anonima Armonisti, dal titolo omonimo, è stato pubblicato nel dicembre 2009 e distribuito da Preludio Music. A seguito della diffusione del singolo Il primo della lista, il secondo disco Poeoeing!, coprodotto da SunnyBit/Brutture Moderne e distribuito da SELF, ha raggiunto gli scaffali e le piattaforme di web download nell’ottobre 2012.
Nel dicembre 2013 esce “EP CHRISTMAS!” una raccolta di alcuni dei più bei canti della tradizione natalizia, rielaborati e reinterpretati a cappella dal gruppo.

LIVE
Dal 2004, l’Anonima Armonisti occupa regolarmente i palchi dei maggiori live club di Roma e Milano, tra cui Blue Note, The Place, Geronimo’s Pub, Big Mama, Crossroads, Stazione Birra, Locanda Blues, teatri come Brancaccio, Morgana, Vascello e Palladium a Roma e Teatro Petruzzelli a Bari ed eventi di portata nazionale e internazionale come Fiesta!, Mostra del Cinema di Venezia, September Concert, Festa della Cgil nazionale, VivaVoce International Festival a Treviso. Il VokalFest, raduno della musica corale giovanile, è ideato e prodotto dall’Anonima Armonisti dal 2010.

Le partecipazioni televisive e radiofoniche includono Miss Italia 2010 (Raiuno), RaiSat International, Maurizio Costanzo Show
(Canale 5), Niente di Personale (La7), Uno Mattina (Raiuno), La Botola (Raiuno), Stella (Sky Canale 109), Rai Radio Uno e Rai Radio Due, Radio Rock e Radio Popolare.

 

Per info:
Parterre | Viale Antonino di San Giuliano angolo via Mario Toscano
Zona Farnesina | www.parterrefarnesina.it
#parterre #farnesinasocialgarden
info@parterrefarnesina.it

Un evento ATCL LazioArte2o
Un progetto di: Arte2o e Alcazar Live
Un evento in collaborazione con: Regione Lazio, Hub Culturale Officina Pasolini e Laziodisu

Media Partner: Radio Rock e FacceCaso

About Giangiorgio Macdonald

Studioso di diritto ma appassionato di arte e di beni comuni, ed in generale di tutto ciò che è cultura ed innovazione sociale, cerco di conciliare tali ambiti che, in realtà, non sono così distanti

Check Also

Fondazione Shoah 16 ottobre

“La Razzia” ci racconta il drammatico rastrellamento degli ebrei a Roma

A settantacinque di distanza il regista Ruggero Gabbai e l’autore Marcello Pezzetti, presentano ““La razzia - Roma, 16 ottobre 1943”, un docufilm prodotto dalla Fondazione della Shoah che racconta il rastrellamento