Home / Spettacolo / Musica / Non mi hai amata e la forza delle donne. L’ultimo singolo di Symo
non mi hai amata

Non mi hai amata e la forza delle donne. L’ultimo singolo di Symo

Non mi hai amata è da oggi su tutte le piattaforme online! L’ultimo singolo di Symo è un messaggio per le donne, un inno alla loro forza perché non è mai troppo tardi per essere libere. In occasione del lancio del brano abbiamo fatto a Symo qualche domanda!

Quante volte capita a noi donne di rimanere incastrate in relazioni che non ci fanno bene, per insicurezza, pazienza o per poco amore di noi stesse come se quel babbeo lì che ci fa quasi la “grazia” di accompagnarci fosse davvero il meglio per noi. Pensiamo troppo spesso che in fondo siamo fortunate se c’è lui “perché uno come me quando ti ricapita?” e allora chiudiamo un occhio e pure l’altro. Non mi hai amata è l’ultimo singolo di Symo, cantautrice romana che ha l’Africa nel sangue. Il brano, uscito oggi in tutti gli store digitali e sulle piattaforme online per la Honiro Ent. è un messaggio di forza per tutte le donne. Ascoltandola ci si possono ritrovare in molte e questo è il goal di Symo ovvero che ci si riconosca nelle storie che racconta. Non mi hai amata non parla di una donna quindi ma di tante, tutte quelle che pensano di non potercela fare da sole ma che poi credono nella loro energia e tirano fuori tutta la loro potenza trovando il coraggio di dire basta e andare avanti. La resilienza è il vero tema di questa canzone.

Nata a Roma, classe 1991, da mamma etiope e papà eritreo, intrattiene con la musica un rapporto speciale fin da bambina, avendo sempre ben chiaro il suo obiettivo. Le prime influenze musicali sono Stevie Wonder, Michael Jackson e la musica nera in generale, gli artisti preferiti dai genitori insomma e poi crescendo scopre nuove voci da Erykah Badu a Lauryn Hill, le TLC, le Destiny’s Child, e l’RnB degli anni ’90. Nel 2005 il fidanzato di sua sorella Michael Calandra, in arte Ringo Redstar, metà di La Squadra: un duo che si muove nella scena rap della Capitale vuole duettare con lei in 3 brani del suo album “Punto di fuga” (coprodotto da Tommaso “Piotta” Zanello). La squadra si scioglie e Symo accantona per un po’ la musica ma solo finchè non incontra il DJ e producer Francesco “CukiMan” Cucchi che riaccende la miccia. Più matura e consapevole, Symo vuole scrivere le proprie canzoni e raccontare storie, lo fa muovendosi su sonorità RnB, new soul e afro, sostenuta dai beat creati da CukiMan, sui quali stende melodie e parole. Africa, Prototipo e Come se fosse un sogno sono i primi frutti della sua creatività e di quest’incontro artistico.

“Mi considero una cantautrice, desidero che chi mi ascolterà si riconosca nelle storie che racconto”

L’interesse dei media non tarda ad arrivare e così si parla di lei nella rubrica “TG2 Storie”, nella rubrica “Fuori Linea” del TG3 e nel programma “DoReCiakGulp” di Vincenzo Mollica su Rai Uno; è ospite di Fiorello in “Edicola Fiore”, dove canta “Africa”; e presenta “Donna allo specchio”, una sua canzone che tratta il tema della violenza sulle donne, durante un importante convegno tenuto al Senato della Repubblica.

Una favola musicale  quella di Symo, notata da Antonello Venditti e chiamata ad aprire lo scorso 8 marzo 2017 il suo concerto evento romano dedicato alle donne. Davanti ad un Palaottomatica strapieno, Symo ha interpretato Sora Rosa, il celebre successo del cantautore del 1974 e L’amore non ha padroni. Un’emozione unica raccontato al Tg2 Storie insieme ad Antonello Venditti.

Oggi Symo torna a far parlare di se con il suo ultimo singolo Non mi hai amata e per l’occasione le abbiamo fatto qualche domanda!

Come é nato Non mi hai amata ?

L’intenzione è stata quella di scrivere una canzone che potesse creare dal primo istante un’ attenzione e un interesse per essere ascoltata interamente.

Cosa rappresenta Non mi hai amata per te?

Rappresenta una rinascita. È la storia di una donna che trova la forza di riprendere la sua vita in mano dopo una relazione non proprio sana e stabile e prende coscienza di non essere mai stata amata dal suo uomo.

Quanto c’è di autobiografico nel testo?

In realtà l’ho scritta per tutte le donne che a un certo punto perdono fiducia in loro stesse e non riescono a liberarsi dalle loro relazioni perché completamente dipendenti dai loro uomini.

Non mi hai amata lo dedichi a qualcuno?

A chiunque si trovi in questa situazione, è un messaggio per le donne.

Parlaci del videoclip

Il videoclip è stato girato da Tahir Hussein un regista molto giovane in vari luoghi di Roma. Più che sul racconto della storia il video si concentra su di me. È girato appunto nella città dove sono nata e cresciuta e abbiamo cercato di riprendere a tratti anche un po’ lo stile Rnb degli anni 90 attraverso gli outfit e il make up, uno stile al quale sono legata, mi ricorda tutta la mia infanzia.

Chi ha creduto in te?

Mio padre crede in me da sempre. E la mia famiglia in generale, se non avessi avuto loro molto probabilmente avrei ceduto ai primi no.

 Come sei approdata alla Honiro Ent.?

Mi sono iscritta ad un contest organizzato da loro precisamente una Rap Battle, con il dubbio di poter risultare un pesce fuor d’acqua. Arrivata lì mi sono accorta di non essere l’unica cantante e mi sono rilassata. Alla fine ho vinto il premio a cui puntavo ovvero la realizzazione del video.

Un modello musicale, a chi ti ispiri?

Ascolto molta musica. Ho vari artisti che magari mi hanno influenzato musicalmente. Sono molto legata al RNB, ma ultimamente ho capito che prendo molta ispirazione da me e dalle storie della mia vita e di chi mi sta attorno proprio come hanno fatto i più grandi cantautori italiani e non.

Progetti futuri

Sono chiusa in studio con dei veri musicisti e scrivendo sto scoprendo molte cose su di me che non vedo l’ora di condividere con il grande pubblico.

 

Cecilia Gaudenzi

 

About Cecilia Gaudenzi

Nata nel 1991 a Roma dove vivo e che amo, odio, amo. Sono laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali e il mio colore preferito è il viola. Appassionata di arte da sempre, lei l'origine di tutto: musica, cinema, letteratura e serie tv. Non ci sarebbe arte senza l'uomo, ecco perché confido nel suo potenziale. Secondo un proverbio "La curiosità uccide il gatto" io spero proprio di no, amo i felini e sono più curiosa di loro. Mi piace conoscere, capire, raccontare.

Check Also

Dicono di lei approda al Teatro Bella Monaca

Al Teatro Tor Bella Monaca approda dal 12 al 14 ottobre DICONO DI LEI, di ...