Home / Valeria Volpini

Valeria Volpini

Valeria Volpini
Laureata in comunicazione artistica e laureanda in terapia occupazionale, ingorda di cinema, di libri, di viaggi e di cioccolata. Scrivo soprattutto di cinema su vari giornali web. Amo le parole, quelle belle..scritte e parlate.

novembre, 2016

  • 18 novembre

    In guerra per amore di Pif

    Il secondo lavoro di Pif, o meglio, di Pierfrancesco Diliberto, dietro la macchina da presa, resta un diamante virtuosamente grezzo. Pif cerca di epurarsi dal personaggio televisivo, e dirige un film pieno di velleità artistiche e di buone intenzioni ma essenzialmente intrappolato nell’identità di racconto stereotipato disegnato in una cornice ...

settembre, 2016

  • 9 settembre

    Frantz di Francois Ozon

    frantz

    L’atmosfera postbellica e il biasimo e la sofferenza che questa porta nelle famiglie dei soldati periti in guerra, accompagnano il film di Ozon in un afflato di solitudine emotiva che ne descrive l’andamento narrativo attraverso un bianco e nero che è di natura patetica e intimista più che essere un ...

marzo, 2016

  • 4 marzo

    Perfetti Sconosciuti di Paolo Genovese

    perfetti sconosciuti

    Una cena tra amici può essere il giusto espediente narrativo per un buon film. Il rischio che si corre però è quello di rimanere intrappolati in un provincialismo che non esige nulla di drammaturgico. Il positivo senso dell’errore che scaturisce dal senso di colpa di una vita banale, rende il ...

gennaio, 2016

  • 1 gennaio

    Perfect Day di Fernando de León de Aranoa

    perfect day

    A metà tra commedia e dramma, il nuovo film di Fernando León de Aranoa si presenta al pubblico con un’autarchica difficoltà di catalogazione. Colma di spunti umoristici immersi in una dimensione bellica, mai però palesemente rappresentata, seppure suggerita dalla scenografia, dai dialoghi e dalla diegesi stessa, la storia si svolge ...

dicembre, 2015

  • 4 dicembre

    Mustang di Deniz Gamze Ergüvent

    mustang

    “Tutto mutò in un battito di ciglia”. Lale, la minore delle cinque sorelle protagoniste, nell’incipit suggerisce con queste parole l’inizio di un cambiamento. Come una pallina da tennis sul filo della rete, che una piccola spinta verso una parte o l’altra del campo decide di quale giocatore sarà il punto, ...