Home / Cinema (page 24)

Cinema

Il mondo a 24 fotogrammi al secondo. Il venerdì su Poli à la Plage si parla di cinema.

Way down in the hole

Ambientata a Baltimora e durata per 5 stagioni nel corso di sette anni, The Wire è stata una delle serie TV americane di maggior risonanza critica degli ultimi anni. Seguendo le (molto spesso dis)avventure di un gruppo di investigatori del locale dipartimento di polizia impegnato principalmente nella lotta allo strapotere ...

Read More »

Frozen eyes stare deep in your mind as you die

Quello dei documentari sulle brutture e le contraddizioni della società americana è un filone piuttosto prolifico, a partire da quelli di Michael Moore. Sono film che però spesso sfondano porte aperte e che mettono il “punto” davanti alla realizzazione filmica, con risultati vacillanti tra l’inoffensivo, lo scontato e il comicamente ...

Read More »

Watch out, you might get what you’re after

La musica dal vivo è, per quanto mi riguarda, uno dei più grandi piaceri della vita. E’ una cosa estemporanea e quasi aleatoria, bisogna trovarsi nel posto giusto al momento giusto e la maggior parte dei concerti non vale i soldi che costa, eppure quando chissà come e chissà perchè ...

Read More »

The levee was dry

Come è noto, una volta messo un decennio in mezzo, non c’è modo per qualsivoglia prodotto popculturale di sfuggire al business della nostalgia. Negli anni zero abbiamo cantato Maracaibo alle feste di diciott’anni, abbiamo alzato il cavallo e stretto la circonferenza dei nostri pantaloni, e abbiamo rocambolescamente evitato Ghostbusters 3 ...

Read More »

I want to believe

In un interessante post di qualche tempo fa l’elusivo collega Radlov ha sostenuto la materiale determinazione del gusto da parte dei “mezzi di produzione e dal linguaggio sviluppato tra e per essi”, tesi che avevo lambito qualche anno fa studiando per un esame che non c’entrava niente e che aveva ...

Read More »

Johnnie got his gun

Johnnie To nella sua carriera ha sempre fatto di necessità virtù. Non mi viene sinceramente in mente un regista che sappia altrettanto regolarmente tirare fuori film di livello dalle più ridicole sceneggiature che mente possa concepire, e il suo ultimo film, pur non essendo tra i più riusciti (o forse ...

Read More »

Each time I try it’s the voice I hear

In molti sono stati affascinati l’anno scorso da The Tree Of Life, quinto lungometraggio di Terrence Malick, film di peso e ambizione notevoli, che pur avendo suscitato reazioni spesso discordanti è già sulla buona strada verso la consacrazione come classico moderno. Meno persone hanno forse avuto il piacere di vedere ...

Read More »

The Riddle

Questa settimana voglio provare un piccolo gioco propostomi dal mio fan club di Vibo Valentia. Ho di recente visto per la prima volta un film molto noto e popolare, un film comunemente connotato in una certa maniera e collocato in una ben definita categoria di pellicole; ebbene, con mia grande ...

Read More »

This Is England

La mancanza di grossi movimenti affermatisi nella consapevolezza collettiva e il costante salasso di talenti da parte dell’industria americana hanno sempre lasciato la cinematografia britannica un po’ in ombra rispetto a quella di altri paesi europei di dimensioni comparabili. Lo stretto e abbastanza vassallatico rapporto con gli studios che ha ...

Read More »

Quando si è in vena di apprezzamenti

Al di là delle riflessioni teoriche e delle prescrizioni estetiche con cui hanno movimentato il dibattito cinefilo del loro tempo, credo che il maggior merito dei critici dei Cahiers du Cinema degli anni ’50 e ’60 sia stato quello di abbattere il muro che nella concezione comune del pubblico, o ...

Read More »