Home / Tag Archives: BIG

Tag Archives: BIG

VIA 57 West by BIG: a pretentious clearance sale of architectural theory

Approaching the building from the west side is maybe the most interesting way to take a first look at it: from here, it is possible to see the ruled surface of the roof as a whole, facing the Hudson river. The friction that its triangular shape generates with the surrounding skyline is the most aesthetically evident aspect that stands out from a distance. The nearby buildings, with their orthogonal masses, can’t do anything but helping VIA 57 West to become the protagonist of the riverfront, and this is something very unusual for a residential tower. After a while, the attention skips to a less explicit but more prominent tension: the presence of a big courtyard full of trees in the midst of a tall residential building. It is the result of a declared hybridization of the tower and the courtyard typologies, at the center of BIG design proposal, which really affected the volumetric form of the block.

VIA57WEST, credit by G. Cozzani
VIA57WEST, credit by G. Cozzani

Getting closer, it’s possible to understand how the ground floor is clearly separated by the upper floors; here the building offers nothing more than what any other Manhattan blocks would do: a continuous tape of glass filled with (still unfinished) shops and retail activities. The courtyard of the building turns out to be completely invisible, as this does not come down to the ground level, bringing light and air to the commercial area (as you would expect from a faraway look). Instead it overhangs the ground volume, serving only the residential levels, fiercely denouncing its semiprivate nature. The pivotal theme of the architectural proposal remains enclosed in an anti-public sphere, and the non-residents can hardly notice its presence, barely seeing the top of some trees appearing from the roof. The ground floor of the building, therefore, acts, both volumetrically and materially, as a separate and distinct element over which the roof and the triangular façades are suspended.
The opportunity of giving back to the city some of the precious space occupied by the new development, opening it to the light and the urban interactions, is just hinted through the transparency of the coating, but never really accomplished.

Analyzing the roof then, it is possible to see how the aluminum film covering it is diffusely drilled in order to host a huge amount of balconies and terraces. They are arranged in order to offer differently orientated views of the river for the largest number of apartments.
The glass façades overlooking the courtyard, and the external triangular ones, are fragmented, turning into pixelated surfaces of glass volumes. This particular solution, at first, may look like an escamotage useful to add some architectural dynamism to the usually boring plain glass surfaces of the New York developments. But still, is possible to feel behind these choices the pressure of the river view as a dominant topic pushed by the most obvious real-estate dynamics.
Moving in to the apartments interior, the morphology of these spaces strongly denounces an unconventional configuration. The building presents a linear floor circulation, natural result of the presence of just one main elevators core. But the façades fragmented geometry show an incompatibility with the long and straight corridors. The result of these choices is a noticeable geometric friction: the apartments, standing in the midst of this friction, are forced to mitigate it. And that’s why we can find inside of them a huge amount of bulk spaces, unresolved corners and isolated pillars generating a diffuse feeling of hesitation.
Apparently all the problems of the interior configuration are related to the formal system of the envelope of the building, and it is evident how all the volumetric and architectural choices related to this formal system are driven mostly by the obsessive need of ensuring a perfect river view to the largest amount of apartments, and all the economical benefits that it provides to the properties value.

According to the architect, the celebrated design (that recently enabled it to be named “America’s best tall building of the year” by the CTBUH) was just the spontaneous result of a series of compositional operations, perfectly represented by the popular diagrams_ that distinguish BIG proposals. These operations are justified by the need of ensuring light, air, and the (repeatedly mentioned) wonderful river view to the apartments; all promises hard to keep if you are dealing with a massive Manhattan block.
But if we analyze the south east façade of the building (the one facing the tall Manhattan skyscrapers), for instance, the architects admitted that the dramatic diagonal cut of the roof it’s mainly driven by the aim of “graciously preserving the adjacent Helena Tower’s views of the river”. The Helena Tower is a residential skyscraper, owned by the same real-estate organization, Durst, that is also behind the VIA 57 WEST development. They could not let typological or architectural choices to drastically lower the market values and prices of their own preexisting river front apartments.
At the same time, the other cut does nothing but emulating what was done years ago in the very nearby Clinton Park by Ten Arquitectos, in which the number of floors gradually reduces getting closer to the river, generating a big amount of terraces for the apartments. This didn’t only unleashed the plagiarism accusations of Enrique Norten (Ten Arquitectos), but mainly showed how that particular solution was already used in other similar river facing buildings, in which realization of a system of terraces was clearly achieved in order to raise the market value of the apartments, rather than “bringing low western sun to the block”, as it is formally declared by the architects.
Furthermore, other recently built architectures facing the Hudson river have proved how opening themselves to the river view is often just a cliché. The new Whitney Museum by Renzo Piano Building Workshop for instance, even if offering completely different programmatic contents (but still sharing with VIA 57 West the same bold intention of emerging architecturally an visually from a monotonous riverfront), has shown how turning its back on the river and opening up to the city can be an even more powerful strategy, that allowed its system of terraces to become a terrific attractive and successful space.

In conclusion it is evident how the very intriguing and interesting aspects of VIA 57 WEST remained only hinted, and not completely developed. Behind these great potentialities, that could have allowed the building to become the first opened and socially innovative residential tower in Manhattan, are concealed very different interests, that have silently reached their purposes, realizing what ultimately proves to be a very ordinary, inaccessible, and repulsing tower.

Giovanni Cozzani

Perché Bjarke Ingels è famoso e io no

big 1

Il 21 Aprile il Time ha pubblicato, come ogni anno, la consueta lista “The 100 most influential people”. Ho scorso l’elenco alla ricerca di qualche ben più illustre collega che mi desse un po’ di energia e motivazione per iniziare la giornata: un solo nome, ma poteva andare peggio. L’unico architetto della lista è Bjarke Ingels, 2 ottobre 1974, Copenaghen. Bjarke (non ho mai sentito nessuno chiamarlo con il suo cognome, tuttalpiù con la sigla dello studio che ha fondato, BIG) ha 41 anni. Gli anni di un architetto, non ho mai capito con chiarezza per quale motivo, valgono meno di quelli degli altri esseri umani: un architetto di 41 anni è grossomodo un ingegnere di 30, un medico che sta per ultimare la propria specializzazione. Insomma, essere ritenuti una delle 100 personalità più influenti al mondo è un risultato doppiamente importante per Bjarke, ma non desta stupore in chi frequenta l’ambiente e ancora meno in chi ha a che fare con gli studenti di architettura. Il motivo del grande successo di BIG? Ce lo spiega Rem Koolhaas:

 “Bjarke Ingels è la personificazione di una nuova tipologia di architetto altamente qualificato, che risponde perfettamente al corrente zeitgeist [se ve lo state chiedendo: si, Rem ha scritto zeitgeist]. Bjarke è il primo grande architetto in grado di liberare completamente la professione dall’ansia. Ha abbandonato la zavorra e preso il largo. In questo senso è completamente in sintonia con i pensatori della Silicon Valley, che vogliono rendere il mondo un posto migliore senza quello stress esistenziale necessario alle generazioni precedenti per avere credibilità.

Mentre qualcuno di voi cerca di riprendersi dallo shock di aver letto zeitgeist, stress esistenziale e Silicon Valley nella stessa frase lasciate che vi dica una cosa: la descrizione di Koolhaas è icastica, puntuale. Il lavoro di Bjarke presenta esattamente queste componenti declinate nelle due accezioni: i suoi estimatori lo trovano semplice, libero, diretto ed efficace, i suoi detrattori semplicistico, arbitrario, accattivante ma vuoto. E i due gruppi, nella mia pur piccola esperienza, dividono a metà il mondo dell’architettura. Un dato curioso, anche se scientificamente poco attendibile: in un sondaggio effettuato su 300 campioni, tutti architetti operanti, si è chiesto chi fossero i dieci architetti più sopravvalutati del momento e i dieci a cui dovrebbe essere dato maggior credito. Indovinate un po’? Bjarke Ingels si è classificato al settimo posto nella prima classifica e al terzo nella seconda. Bjarke è una di quelle che si definiscono personalità polarizzanti, personaggi che tendono a catalizzare l’attenzione su loro stessi più che sul loro operato e che ricevono giudizi particolarmente entusiasti o molto sprezzanti. Ma non facciamo tabloid, la questione della polarizzazione è davvero importante per capire perché BIG abbia una platea così equilibrata di detrattori e sostenitori. La sociologia ci spiega bene come, specialmente all’interno di gruppi coesi o che condividono ideali, decisioni e opinioni tendano a radicalizzarsi significativamente rispetto alle opinioni individuali. Se pensiamo ai Social Network come a delle comunità di carattere affiliativo, ovvero comunità in cui le relazioni sono basate sulla convergenza di interessi, non è difficile immaginare che effetti di polarizzazione possano passare dalla scala del gruppo sociale ascrittivo a quella di grande aree di interesse. Un effetto particolarmente noto e studiato è quello della polarizzazione dei gruppi sui temi politici, che porta le persone alla lettura/consultazione di piattaforme sulle quali scrivono gli opinion leader che rispecchiano le proprie convinzioni, contribuendo ad una radicalizzazione delle stesse.

Ma che cosa ha a che fare tutto questo con l’architettura? In generale, non molto. Ma nel caso di BIG le cose stanno in maniera diversa. Pensate solo alla descrizione che ne fa Koolhaas: pochissime parole sulla sua architettura, molte metafore che descrivono l’immagine del suo personaggio e quella che lui stesso vuole dare dell’architettura. Perché, nella mia esperienza, il grande dibattito sull’architettura proposta da BIG non arriva quasi mai all’architettura, si ferma alla sua immagine (a come si presenta) e all’immagine che Bjarke ne vuole dare (a come si rappresenta) e al gap che separa le due cose. Mi spiego meglio: andate sul sito di BIG e aprite uno qualunque dei progetti abilmente rappresentati da belle icone. Il pattern è grossomodo sempre lo stesso: qualche immagine del progetto realizzato o dei render, una scheda tecnica, una serie di diagrammi semplici ed immediati che raccontano il processo di progettazione, altre immagini che spiegano la spazialità dell’intervento. Eseguite questa operazione per quattro o cinque progetti e la questione emergerà chiaramente: le prime immagini sono sempre volte a rivelare il carattere iconico dei progetti di BIG, quasi onnipresente e certamente catalizzante l’attenzione del fruitore, e le successive intendono spiegare il processo che ha generato l’icona, rendendolo non solo accettabile, ma logico e – perdonatemi se potete – appropriato. La grande scissione tra i gruppi di supporter avviene in genere in questo momento: un gruppo crede alla veridicità dei diagrammi progettuali che, pur nella loro leggerezza, nella loro mancanza di stress esistenziale a cui si riferisce Koolhaas, possono rappresentare un buon approccio al progetto; il secondo gruppo pensa che i diagrammi siano invece posticci, rappresentazione estetizzante di un processo che ha come proprio unico obiettivo quello della materializzazione dell’icona. Ora, se credessimo totalmente a quest’ultimo gruppo Bjarke sarebbe come quegli studenti che, a progetto terminato, realizzano una tavola che illustri un concept totalmente fasullo per rafforzare le ragioni del proprio operare; se credessimo invece ai primi dovremmo dedurre che pur tramite un approccio diagrammatico Bjarke è l’unico architetto al mondo che riesce ad ottenere in maniera logica un risultato iconico di landmark.

8tallet

La mia ipotesi? Dal momento che un approccio realmente diagrammatico non contempla la figura in corso di progettazione, ma solo le relazioni tra le componenti del progetto, è molto improbabile che un processo simile sfoci costantemente anche in un valore iconico dell’edificio. Certo, può capitare, pensate ad esempio al Mercedes Museum di UNstudio, ma non può essere una costante. Io credo che invece l’approccio di BIG sia un approccio processuale fortemente basato sulla modellazione formale di forme semplici, articolate con il duplice obiettivo di ottenere un valore iconico e di risolvere problematiche spaziali e contestuali. Insomma presentazione e rappresentazione non coincidono, ma sono abbastanza consequenziali. Direi addirittura che è una presentazione piuttosto onesta di ciò che i progetti sono e vogliono essere.

Ho discusso a lungo con studenti e colleghi dell’argomento, tanto a lungo da non avere avuto quasi mai il tempo di illustrare un’analisi seria, che pure ho fatto nelle dovute sedi, dell’architettura che BIG propone. Allora, se vi ho convinto almeno un po’ che l’immagine che Bjarke propone di sé e dei suoi progetti non è una grande presa in giro, prima di decidere in che partito militare andate a guardare gli elaborati tecnici dei suoi progetti, capitene la spazialità e discutiamo della sua architettura prima che, tema che come è chiaro mi appassiona, della sua immagine. Prometto che io stesso ne parlerò, spiegando quali siano i margini di interesse che secondo me l’architettura di BIG ha e perché mi premeva chiarire anche la mia visione del suo approccio progettuale. A proposito: avete capito perché BIG è famoso e io no? Certo io non ho neanche 30 anni e gli anni degli architetti sono tutta un’altra storia!

La cattedrale di Santiago

Raggiungere Amsterdam con una compagnia low cost, significava dieci anni fa assicurarsi con ogni probabilità una scampagnata in Belgio. Ritardi, overbooking, guasti, garantivano un sobrio volo di rientro da uno dei tanti piccoli aeroporti che costellano la regione del Benelux.
Nel mio caso mi riferisco alla ridente cittadina di Charleroi – mai vista per altro – dal quale aeroporto ripartimmo verso l’Italia. Ogni cambio di rotta porta con sé delle sorprese, così prima di giungere a destinazione il treno fece tappa a Liegi, stazione Liège-Guillemins, opera di Santiago Calatrava.
Un’epifania a dir poco sorprendente per il giovane studente di architettura che ero.

Liege-Guillemins-Station-by-Santiago-Calatrava-6

Questo per due motivi principali. Il primo è che dopo la noiosa gita alla Città delle Scienze di Valencia, mi ero convinto che Calatrava fosse l’ennesimo architetto dopato del ranking internazionale, giudicai il complesso stucchevole e ridondante; la seconda è che ancora non avevo elaborato la mia tesi cinematica sul disegno di Santiago Calatrava.

E’ una teoria sulla quale non spenderò molto tempo per tentare di convincervi, diciamo che le gabbie toraciche che il Nostro ha disseminato per il pianeta sono di assoluto valore nel momento in cui si attraversano. In movimento evidentemente.

A Venezia, camminare sopra il ponte dello scandalo lascia tutto sommato interdetti, eppure vivendolo nella sua natura concava e spigolosa, quando il vaporetto lo sottopassa in navigazione, si ha completamente un’altra percezione, certamente più felice.
Potremmo continuare con Lisbona o Reggio Emilia – la stazione Mediopadana per l’alta velocità non ha nulla da invidiare alle migliori intuizioni di Nervi o Morandi – ma non vorrei dilungarmi su di un punto che è solo una premessa.

 

New York, giovedì 3 marzo. Inaugura con 6 anni di ritardo e circa 2 billion di extra budget il World Trade Center Transportation Hub, sempre su progetto di SC.

La questione è spinosa, nata sotto il segno di una rinascita auspicata per l’intero quadrante abbattuto dal 9/11, la stazione viene alla luce in un momento di incertezza politica non indifferente, dove su tempi, costi ed affidabilità si sta giocando, tra le altre cose, la prossima elezione alla Casa Bianca. Ovviamente il responso della critica è compatto nell’accusa di oltraggio alla pubblica morale. In effetti i numeri ancora non tornano, considerando soprattuto che parliamo della diciottesima stazione cittadina per numero di passeggeri quotidiani – 48.000 daily rail commuters contro i 208.000 di Grand Central ed i 410.000 della Penn Station.
La connessione principale sarà con il New Jersey – il committente è la Port Authority of New York and New Jersey – le cinque piattaforme presenti si allacciano a sette stazioni oltre l’Hudson.
La struttura potrà vantare il più vasto network di sottopassaggi pedonali di tutta NY.

Se l’analisi strategica è stato il principale bersaglio delle accuse mosse dall’opinione pubblica, la critica al progetto di Calatrava non ha ricevuto sconti.

Brevemente Rosengaard su Architectural Review e Kimmelman sul NYT:

The result is a structure that looks less like a delicate bird in flight and more a thorny caterpillar.

It’s like a Pokémon. [..] Mr. Calatrava has given New York somethings for its billions. But if the takeaway lesson from this projects is that architects need a free pass, a vain, submissive client and an open checkbook to create a public spectacle, then the hub is a disaster for architecture and for cities.

IMG_2212
Credit Jacopo Costanzo

Sono in disaccordo. La stazione è sprovvista tutt’ora dei guardaspalle che il masterplan di Libeskind prevede – sempre se abbia senso chiamarlo ancora in causa, considerando che è stato silurato da tutto quello che riguarda il postundicisettembre. Con i grattacieli di Rogers e Big completati, l’impatto di fronte allo scrigno bianco di Calatrava sarà un’altra storia. Si può ritenere una metafora non perfettamente tradotta in acciaio, come strozzata. Eppure è capace di custodire un invaso sensazionale, già in grado di meravigliare. L’Oculus, lo spazio raccolto al di sotto delle ali che affiorano, ha un potenza spiazzante. Luminosa e dinamica, Calatrava ha realizzato una cattedrale ipogea, che si avvicina alla dinamicità tipica delle Sue opere più riuscite.
Così la galleria superiore diventa un organico claristorio, mentre le scale in aggetto, alle due estremità della grande aula, le leggiamo come il pulpito e la cantoria.

Ironia della sorte, l’unico edificio sacro distrutto nell’attentato del 2001, la chiesa greco-ortodossa di San Nicola, verrà ricostruita a pochi passi dalla stazione, ancora su progetto di Calatrava.