Home / Tag Archives: cina (page 3)

Tag Archives: cina

Iconic Beijing


Quando Brando ci chiese tre aggettivi per descrivere Pechino il mio primo pensiero o sentimento fu una sorta di lieta incredulità, quasi di soddisfazione, nel vedere che esiste chi pone, fuori dagli studi televisivi, domande come questa, un po’ tranchants un po’ spiazzanti, sfidando l’interrogato a dover sintetizzare un concetto od un giudizio in poche parole.

Il mio amico Paolo, con quel fare che lo contraddistingue, che solo chi conosce Paolo può sapere, e qui mi potrei anche dilungare nel descrivere Paolo ma andrei fuori tema, disse con un accento leggermente romanesco: “Grande, grossa e inquinata”. Uno spot che mi lasciò  divertito e allo stesso tempo perplesso, per quella immediatezza che ritenni eccessiva. 

Io temporeggiai. Come gocce che pendono da un rubinetto chiuso, ma non del tutto, dispensai le parole una per volta, quasi esitante, convinto nel pronunciarle solo dopo che il concetto si fosse sufficientemente nutrito ed ingrassato per potersi distaccare dalla mente e cadere fluido nel mezzo della discussione, prima di piombare al suolo senza lasciare traccia.

Dissi più o meno così: “Capitale”. “Grigia”. “Cinese”.

Credo che le due risposte, pur dettate da atteggiamenti critici divergenti, giungano ad una conclusione affatto distante. A me ed al mio amico Paolo Pechino aveva parlato in lingue diverse raccontando la stessa fiaba. 

Per giustificare le voci “inquinata” e “grigia” si potrebbero riportare centinaia di dati allarmanti, ne citerò solo uno che ho letto sul China Daily il primo febbraio scorso: ”Cases of lung cancer have increased by 60 percent in Beijing in the past decade.”[1]Un’affermazione che non lascia spazio a repliche, e che squarcia di netto la narrazione che non poteva tacere questi aspetti. Ma che a questi aspetti non mira e che vuole invece indagare la città di Pechino partendo dagli altri quattro aggettivi.

Se li mettessimo insieme suonerebbe così: “La grande e grossa capitale cinese”.  Certo non vinceremmo dei premi per l’originalità o la perspicacia del titolo, ma credo che dietro un’apparente banalità si nascondano delle considerazioni necessarie per la comprensione di Pechino.

Innanzitutto il toponimo Beijing  北京 che significa “Capitale del nord”, come ad ammonire la città stessa, a ricordarle per sempre il compito che graverà sulle sue spalle. Poi la sua posizione “inspiegabile”, in una regione climaticamente ostile. Pechino la comprendi se comprendi il suo ruolo di avamposto. E’ situata ai margini settentrionali della cosiddetta “Cina propria” e deve la sua posizione, chiaramente strategica, alla vicinanza con la Mongolia, regione decisiva per gli sviluppi del continente cinese e della sua capitale nel corso dei secoli. Pechino dovrà assolvere il ruolo di Capitale con diversi approcci e per diverse genti. Sia per la “Cina storica”, o delle diciotto province, sia per le regioni più remote, a minoranza Han, come Capitale unificatrice, compito attualissimo anche oggi, e sia come baluardo sulla frontiera per intimorire e scoraggiare il possibile invasore straniero.

Questo carattere burbero ed intimidatorio non abbandonerà mai la città fino ai nostri giorni.

Pechino è oggi la città più grande al mondo. La più estesa, con i suoi 16 mila kmq. Un rapporto della McKinsey & Company afferma che entro il 2025 la popolazione avrà raggiunto i 27 milioni di persone, oggi i dati stimano oltre 18 milioni di residenti, 22 se si considera la popolazione fluttuante.   

Sono così finalmente giunto al punto. Di fronte ad esigenze così radicali, o proprio per risposta a suddette esigenze, di fronte ad una scala così esagerata, come si è relazionata l’architettura contemporanea? Quale il punto di partenza per approcciare una donna così esigente ed ingorda?

L’icona. Pechino, con il suo territorio infinitamente disteso e pianeggiante ha da sempre ragionato su edifici dal forte valore iconico. Su immagini trasmutate in materia. Su concetti incarnati o reincarnati in travi, pilastri e laterizi. Dalla Grande Muraglia alla Città Proibita, dal Palazzo d’Estate a Piazza Tienanmen, dai blocchi “sino-sovietici” al Central Business District. Oggi l’architettura contemporanea prosegue inesorabile questa chiarissima tendenza. Potremmo partire dall’edificio più grande del mondo, il primo a superare il traguardo del milione di metri quadrati, il nuovo terminal aeroportuale T3 firmato Norman Foster, che con le sue fenditure in copertura appare come un enorme dragone dormiente infastidito da aeroplani-moscerini che gli volano tutto intorno. Continuare con l’arcinoto stadio olimpico, opera del duo svizzero Herzog & de Meuron, coadiuvati dal dissidente meno dissidente di Cina Ai Weiwei, denominato ”nido d’uccello”, un  “impatto spaziale diretto, quasi arcaico”[2], reso possibile da un infernale groviglio di travi e pilastri in acciaio. Per terminare, ma si potrebbe andare avanti per ore, con il CCTV di Rem Koolhaas, forse l’edificio del nuovo millennio più famoso al mondo. Le due torri, appena inclinate una verso l’altra, che si abbracciano sulla sommità grazie ad un ardito sbalzo a 162 metri dal livello del terreno.

Se parli ad un amico, ad un fratello, potresti anche evitare di pronunciarti. Il silenzio sarebbe sufficiente.

Se parli ad un miliardo e trecentotrentasei milioni di persone avrai bisogno di un megafono.

E come Pechino è il megafono della Cina, l’architettura è il megafono della storia.  

Jacopo Costanzo

  

 


[1] Li Wenfang, Academic claims air pollution is more frightening than SARS virus, “China Daily”, Friday, February 1, 2013


[2] Jacques Herzog, Pechino 2008, “Domus” n.860, 6/2003

Se la Corea del Nord mette paura al mondo

Era atteso, in molti speravano non avvenisse mai; eppure Pyongyang alla fine ha effettuato con successo il suo terzo esperimento nucleare. E’ il primo test effettuato dal regime comunista nordcoreano da quando Kim Jong-un è a capo del paese. Un atto che apre molti scenari – alcuni realistici, altri meno – poiché nella questione coreana si nascondono ed intrecciano molti interessi delle super potenze mondiali. Dopo il tramonto dell’Unione Sovietica si possono definire superpotenze solo ed esclusivamente la Cina e gli Stati Uniti d’America. Quando si pensa ai test nucleari erroneamente si tende a credere, basandosi sull’esperienza delle bombe nucleari sganciate dagli Usa sul Giappone nel 1945, che essi siano sempre visibili. Invece, il test condotto dalla Corea del Nord è stato effettuato nel sottosuolo, tant’è che un terremoto artificiale di magnitudo 4.9 è stato registrato dal Servizio geologico degli Stati Uniti (USGS) con epicentro in un’area compatibile con quella di Punggye-ri, il sito dei test nucleari nel nordest del Paese. Come prevedibile e secondo la prassi, nelle ore successive al test effettuato dalla Corea del Nord si è svolta una “riunione d’urgenza” presso le Organizzazione delle Nazioni Unite.

I MOTIVI DELLA SFIDA AL MONDO – Oltre alle ragioni ideologiche viene naturale domandarsi cosa spinga la Corea del Nord a sfidare il mondo. In primo luogo, il recente cambio al vertice militare e politico, dovuto alla successione di Kim Jong-un al defunto padre Kim Jong-II, ha posto l’attuale leader nordcoreano nella condizione di dover dare un segnale di forza alla comunità internazionale e al suo esercito. Secondo molti analisti geopolitici e militari, infatti, da molto tempo si registrano malumori tra i generali nordcoreani nei confronti del giovane Kim Jong-un, considerato da molti troppo inesperto per guidare politicamente e militarmente il regime di Pyongyang. In secondo luogo, i due precedenti test nucleari effettuati dal 2006 in poi si sono rivelati un fallimento. Fallimento militare, tecnologico e politico. Da quei due test la Corea del Nord ricavò solo ed esclusivamente sanzioni internazionali, che hanno indebolito la più debole economia del mondo di stampo comunista. Ed è nelle sanzioni che risiede il terzo motivo della sfida al mondo: con il test nucleare Kim Jong-un vuole da un lato cercare di riaprire un tavolo internazionale e dall’altro bluffare sulle condizioni di apparente stabilità economica interna.

IL RUOLO DEGLI STATI UNITI D’AMERICA – Fin dal primo dopoguerra gli Stati Uniti d’America hanno imposto la loro presenza nell’area asiatica in funzione antisovietica. Non ci si scordi che a combattere la guerra in Corea furono gli stessi Stati Uniti d’America. Nell’ultimo lustro gli Stati Uniti si sono impegnati in ogni sede e in ogni modo a contrastare il regime di Pyongyang. Basti ricordare le parole dell’ex Presidente George W. Bush, che inserì la Corea del Nord tra i ‘paesi canaglia’. Da un lato gli USA agiscono attraverso la diplomazia con le sanzioni accordate in sede Onu, dall’altro con intelligence e azioni militari. In queste ultime ore si sta assistendo a manovre congiunte di USA e Corea del Sud nella regione coinvolta, alle quali dovrebbe aggiungersi il Giappone. Il Presidente Barack Obama ha definito il test come “altamente destabilizzante per la regione”. Immediatamente dopo il test, Obama ha avuto un colloquio telefonico con il presidente della Corea del Sud Lee Myung-bak per “consultarsi e coordinare la risposta” al test nucleare della Corea del Nord. Ora, come da più parti osservato, le sanzioni non hanno portato a risultati concreti e l’eccessiva attenzione degli Stati Uniti ai problemi mediorientali ha fatto sì che si perdesse l’interesse nell’opinione pubblica e presso il Congresso per un paese che, a differenza dell’Iran, realmente possiede la tecnologia per l’utilizzo di testate nucleari. Inoltre, bisogna tener conto della forza della Cina e della sfida lanciata da lungo tempo dagli USA per contrastare l’influenza nell’area del paese che fu di Mao Tse Tung. Ed è dalla Cina che dipendono i futuri equilibri della regione.

SE LA CINA SI STANCA – Xi Jinping, segretario da poco eletto del Partito Comunista Cinese e da Marzo Presidente della Repubblica Popolare, ha immediatamente condannato il test effettuato dall’alleato nordcoreano. I rapporti tra i due paesi da un biennio si stanno sempre più deteriorando. Eppure, per la Cina non è facile condurre la partita Nordcoreana. Da un lato, deve porre fine ai capricci del regime di Pyongyang; dall’altro, una possibile caduta dell’apparato militare al comando della Corea del Nord potrebbe far cadere tutta la penisola coreana sotto l’influenza statunitense. Per questo in molti, considerando la vicinanza geografica, la forza militare e dell’intelligence della Cina, prevedono nei prossimi anni un cambiamento ai vertici nordcoreani gestito sottotraccia da Pechino. Non furono gradite al Congresso del Partito Comunista Cinese le parole del leader Nord Coreano, che definiva “nemici” gli Stati Uniti d’America, e le troppe partite aperte in Asia non agevolano Pechino.

La soluzione al problema coreano va trovata prima che sia troppo tardi. Per la Cina e la sua influenza geopolitica. Per la Corea del Sud ed il Giappone. Per il loro diritto ad una coesistenza pacifica e per la stabilità dell’intero globo.

Antonio Maria Napoli – AltriPoli

L’ascesa del carbone

Superata la nascita di Gesù di Nazareth, il pensiero dei bambini europei va alla festività religiosa dell’Epifania, ove, come tradizione vuole, essi riceveranno altri regali all’interno di una calza posta sopra i camini. Scure per i bambini nella calza dell’Epifania è il carbone. Un tempo realmente preso dai depositi per il riscaldamento delle abitazioni, con il passare degli anni è divenuto dolce e con esso anche l’educazione dei genitori verso i propri figli.

La presenza del carbone nelle calze dell’Epifania dei bambini meno buoni era dovuta al fatto che questo combustibile fossile fosse associato a sporcizia ed inquinamento. Nulla di eccepibile. Infatti, negli ultimi decenni, alla luce dei Trattati di Kyoto e del crescente utilizzo del petrolio, l’utilizzo del carbone è sembrato essere un amaro ricordo. Ma, come quello dei bambini, anche il carbone combustibile sta per diventare dolce per i mercati energetici globali. Se lo scorso anno l’Agenzia Internazionale per l’Energia (AIE) aveva annunciato al mondo l’inizio di una “Rivoluzione Blue”, che avrebbe visto il consumo di metano aumentare del 50% entro il 2035, quest’anno ha dovuto correggere il tiro. Difatti, sorprendentemente agli occhi dei ricercatori e meno a quelli degli analisti finanziari, la vera star del mercato nel prossimo lustro sarà il carbone.

Carbone, combustibile fossile conosciuto fin dall’antichità e divenuto simbolo energetico della I Rivoluzione Industriale nella Gran Bretagna del diciottesimo secolo, all’alba della Rivoluzione Industriale Asiatica appare tornare nuovamente in voga. Secondo l’AIE, nel Rapporto Medium Term Coal Market, il carbone entro la fine di questo decennio potrebbe superare il combustibile che da oltre un secolo è leader del mercato: il petrolio. Analizzando il Medium Term Coal Market Report si può constatare come la produzione di carbone nel 2017 eguaglierà con 4,3 miliardi di tonnellate quella del petrolio. I ritmi della crescita della domanda, che nel prossimo quinquennio raggiungeranno il 2,6%, sono impressionanti. Lo stupore per questa crescita è dovuto al fatto che secondo alcuni report finanziari e scientifici entro il 2017 si consumeranno 1,4 miliardi di tonnellate in più di carbone rispetto a oggi. Ovvero il carbone che attualmente consumano gli Stati Uniti d’America e la Federazione Russa.

Ora c’è da chiedersi da dove provenga quest’ascesa nel consumo del carbone in questo decennio. Bisogna considerare due fattori principali. La prima ragione di questa crescita risiede nell’avanzamento dello shale gas (gas metano ottenuto dalla decomposizione di materiale organico contenuto nell’argilla) negli Stati Uniti d’America. Ciò ha provocato un abbassamento dei prezzi del carbone nei mercati rendendolo appetibile come fonte energetica anche al mercato europeo. Gli Stati Uniti, in controtendenza con il resto del mondo, stanno apportando una modifica al proprio fabbisogno energetico favorendo le trivellazioni petrolifere e le estrazioni di gas. D’altronde la ricchezza di idrocarburi non convenzionali glielo permette. Secondo un rapporto degli analisti di Citigroup, convalidato dalla stessa AIE, gli Usa raddoppieranno da oggi al 2020 l’attuale produzione di petrolio e gas con il conseguente sorpasso sull’Arabia Saudita nello sfruttamento di suddette risorse energetiche.

Secondo elemento e fattore di ascesa del carbone come prima fonte energetica mondiale è la grande domanda proveniente dall’Asia. La Cina, importatrice netta di carbone dal 2009, in un solo biennio, ha scansato l’altro big asiatico dell’economia, il Giappone, da maggior acquirente e sfruttatore di questo combustibile. Nel Rapporto dell’AIE sopracitato si evidenzia come l’utilizzo a questi livelli del carbone potrebbe far innalzare entro il 2050 la temperatura di ben 6 °C in tutto il globo. Ciò dovrebbe portare a riflettere poiché nel 2017 ancora non saranno state sviluppate tecniche per la cattura e lo stoccaggio dell’anidride carbonica.

La direttrice dell’AIE, Marie Van Der Hoeven, a margine della presentazione del Medium Term Coal Report, ha affermato che «In assenza di progressi nella cattura e sequestro del carbone e se non vi saranno Paesi in grado di replicare l’esperienza statunitense, il carbone rischia di provocare un grave contraccolpo alle politiche per il clima». Peccato che non tutti i paesi e continenti siano ricchi come gli Stati Uniti d’America di fonti per l’estrazione di shale gas e che al momento non si può, dopo tre secoli d’incessante industrializzazione del mondo occidentale, limitare con la morale di chi ha già tutto il progresso e la crescita dei paesi emergenti, o meglio, emersi.

Continua la Van Der Hoeven: «Il ricorso crescente alle energie rinnovabili, lo smantellamento delle centrali a carbone più vecchie e un riequilibrio con i prezzi del gas faranno diminuire il consumo di carbone quasi ovunque in Europa». Questo avverrà nella ricca Europa. La domanda resta su cosa avverrà nel resto del pianeta, dove, se le cose non cambieranno, l’unico conto da pagare, come per i bambini cattivi, sarà per le generazioni future che si ritroveranno un pianeta distrutto per via delle emissioni di CO2. Insomma, per molti decenni aspettatevi nella calza il carbone amaro.

Antonio Maria Napoli – AltriPoli

We could learn to fight like every good boy should

Il cinema “etnicamente” cinese può vantare numerosi autori, uno star system di vastissimo appeal e una lunga lista di classiconi in vari generi. La grossa parte di questo apparato si è però sviluppata a Hong Kong (e in parte a Taiwan), visto che, come è noto, la tutela della libertà d’espressione dei propri cittadini non è una delle maggiori priorità del governo della Repubblica Popolare.
E’ dunque sia sorprendente, sia di capitale importanza l’opera di quei pochi cineasti “politicamente” cinesi che sono riusciti nonostante la censura a ritagliarsi uno spazio in cui condividere col mondo la loro immagine della Cina, una nazione, una società e una cultura di cui in occidente sappiamo tutti molto poco.
Oggi come oggi il più rilevante di questi nomi è probabilmente il poco più che quarantenne Jia Zhangke, che da una quindicina d’anni a questa parte ha messo in piedi una filmografia stilisticamente interessante, poeticamente raffinata e in grado al contempo di gettare una luce diversa e più umana sull’immagine stereotipata che della Cina e dei cinesi ci siamo fatti da quest’altra parte del mondo.
Tema fondamentale dei film di Jia è la contemplazione dei rapidissimi ed epocali cambiamenti che la Cina ha subito a livello economico e sociale negli ultimi 20 anni, e gli effetti che questa transizione verso uno sfrenato capitalismo di stato ha sortito sulla vita di persone cresciute nel mito del grande timoniere e del partito, e ritrovatesi improvvisamente in una società molto più incline a rincorrere quegli standard di prosperità individuale che fino a non molto tempo fa sarebbero stati impensabili sia praticamente che in linea di principio.
Il senso di nostalgia e sbalordimento di fronte a questi cambiamenti è palpabilissimo in film come i recenti I Wish I Knew e 24 City, non perchè Jia sia un veterocomunista reazionario -anzi, i suoi film sono sorprendentemente apolitici e privi di particolari prese di posizione considerati gli argomenti che affrontano- quanto piuttosto per la minutissima prospettiva che le sue pellicole assumono. L’idea del cinese come particella infinitesimale in un oceano indistinguibile è un pregiudizio molto radicato in occidente, e pur contenendo un nocciolo di verità spesso ci porta a non considerare che per quanto numerose e in balia di una burocrazia potentissima è pur sempre di persone che stiamo parlando, un mare di persone che negli ultimi 60 anni ha saputo ricostruire sulle macerie lasciate dall’imperialismo occidentale uno stato che può trattare da pari a pari con le più grandi potenze mondiali.
Jia non arriva mai a queste considerazioni perchè più che alla storia dello stato cinese è interessato a quella dei cinesi come popolo, alle loro vite e alla maniera in cui piccole comunità sperdute si sono adattate a trasformazioni di magnitudo inconcepibilmente vasta, ed in questo senso il suo film migliore resta probabilmente Platform, che racconta l’attività di una troupe teatrale in una remota cittadina lontana anni luce dai centri del potere.
Platform è anche un ottimo esempio dello stile visuale del regista, incentrato su lunghissime inquadrature tendenzialmente statiche in cui la composizione fotografica gioca un ruolo fondamentale anche in relazione ai pochi movimenti della macchina da presa, sempre molto deliberati e studiati per far transitare l’inquadratura da uno stato di “riposo” ad un altro.
Insieme a Hou Hsiao Hsien, Jia rappresenta forse il maggior esponente contemporaneo della scuola di pensiero baziniana per cui di montaggio meno ce n’è e meglio è, e la sua abilità di metteur en cadre ha veramente pochi eguali.
Un quarto d’ora di celebrità ha avuto in Italia un altro suo film, Still Life, vincitore del leone d’oro a Venezia nel 2006. Forse il suo film più accessibile, Still Life racconta delle vite incrociate di due persone alla ricerca dei loro coniugi scomparsi ed è ambientato in un villaggio che di lì a poco sarebbe stato evacuato e inondato nel contesto del progetto spaventosamente titanico della diga delle tre gole sul fiume Yangtze (per chi fosse interessato alla vicenda consiglio vivamente il documentario Up The Yangtze del regista sino-canadese Yung Chang). Il senso di un intero mondo sull’orlo dell’estinzione, che verrà letteralmente inghiottito dall’acqua come la leggendaria Atlantide, è palpabile lungo tutta la durata della pellicola, e tuttavia Still Life resta innanzitutto un film che racconta la storia di due persone che cercano di gettare le basi del proprio futuro rimarginando le ferite del passato. Se la metafora -in questo caso se non altro- non è sottilissima, la sensibilità dell’autore riesce comunque a mettere in prospettiva i vari livelli della vicenda con il contesto ambientale e storico in maniera elegante.
E’ sempre scomodo valutare l’”importanza” di un artista, specie di uno ancora nel bel mezzo della sua attività e con decenni di carriera di fronte a sé, ma come voce e sguardo di una cultura così lontana e al contempo sempre più vicina, Jia Zhangke e la sua opera rappresentano una finestra con un punto di vista estremamente privilegiato su un mondo dalla cui conoscenza potremo sempre meno prescindere. La sua prospettiva umanistica prima che analitica rende i suoi film un ponte culturale oltre che un’inestimabile fonte di informazioni, e in questo senso, vista la crescente importanza dei rapporti tra la Cina e l’occidente non credo sia esagerato considerare Jia uno dei cineasti più rilevanti e imprescindibili oggi in attività.