Home / Tag Archives: dieta

Tag Archives: dieta

Detox d’autunno. Tra assurdi rimedi e banali verità

La prova costume é passata. Natale é ancora troppo lontano. L’abbonamento in palestra é scaduto ma la sera che vuoi andare a iscriverti ti propongono sempre un aperitivo. Decidi che questo é l’anno dello yoga ma quando vedi le foto di Instagram di quelli che ruotano sulla testa come un Super Saiyan capisci che il divario tra loro e te, che a stento tocchi a terra con le mani, non potrà mai essere colmato. CrossFit? Non sai bene in cosa consista ma pare faccia tanto bene. Magari ti informi, intanto ti compri delle scarpe da corsa nuove e la coscienza per un po’ la metti a tacere. Per il detox d’autunno magari cominci dal beauty.

Giornali e riviste propongono centinaia di consigli e strategie, alcuni così assurdi che se decidi di seguirli é davvero il segno che c’é bisogno di una disintossicazione. Per una certa life coach, per purificarti ecco cosa dovresti fare prima di mangiare: “Ripeti il mantra, intervallato da 30 secondi di silenzio: Lam-Vam-Ram-Yam-Ham-Om”. Secondo un’altra “esperta” invece per capire cosa mangiare basta misurare il ph della tua seconda pipì al mattino. Come? Ovviamente con una cartina tornasole che trovate comodamente in farmacia. Ero così incredula che ho tagliato le pagine dei giornali per conservare queste perle.

In tante poi si ispirano ai consigli delle star, la cui forma fisica fa quanto meno ben sperare. Tra le Guru per eccellenza c’é Gwyneth Paltrow. Il suo sito Goop.com é più di un brand. Propone un vero e proprio stile di vita improntato al benessere, dal cibo ai libri, dal fitness agli integratori. Tra le sue seguaci Tory Burch e Cameron Diaz. Che fai non ti fidi? Mi immergo in questo mondo e un primo campanello di allarme suona quando sento parlare di “fotografia dell’aura”. Racconta poi Gwyneth che l’idea di Goop é nata quando, di fronte alla notizia che un suo caro era malato, per prima cosa decise di preparargli uno sformato di zucchine. Secondo campanello d’allarme. La star infine propone uno stile di vita aperto, che si ispira alla filosofia orientale e comprende l’utilizzo delle “uova di giada”. Per quanto ne sapevo potevano essere un’alternativa alle uova strapazzate o un soprammobile esotico. Sono uova che si mettono nella vagina per tonificare i muscoli e incrementare il piacere durante i rapporto sessuali. Sembra che su Goop siano andate a ruba. Cara Gwyneth ti ringrazio ma mi sa che non fa per me, quasi preferisco Ram-Yam-Ham.

Cosa fare dunque per questo famoso detox d’autunno? Qualche banale ma efficace consiglio c’é. Rinunciare al famoso aperitivo e iscriversi in palestra. Riduci alcol, bibite zuccherate, gelati, dolci industriali e farine raffinate. Cerca di dormire qualche ora in più, eliminando qualsiasi fonte luminosa, prima di tutto il cellulare. Dai una spuntata ai capelli per renderli più forti dopo l’estate e togliere le doppie punte. Elimina le cellule morte e fai respirare la pelle con un peeling. Sicuramente i rimedi e le soluzioni per rimettersi in forma dopo l’estate sono infiniti ma già così saremmo un pezzo avanti.

Perché si parla di Rihanna ingrassata

Per gli haters sei sempre “troppo”. Troppo magra, troppo grassa, troppo femminile, troppo mascolina, troppo timida, troppo sfacciata. Nascosti da nickname e mimetizzati tra decine di altri commenti possono fare quello che nella vita vera non fanno a viso aperto per codardia o per pudore: essere invidiosi. I social network annullano le distanze, creano una parvenza di familiarità per cui capita di sapere di più di qualcuno che non conosci ma segui su Twitter o Instagram che del tuo migliore amico. Da una parte ti trovi davanti a uno sconosciuto e ti verrebbe da chiamarlo per nome perché sai cosa fa, cosa mangia, dove va in vacanza, se è single o con chi si è appena fidanzato. Dall’altra abbiamo amici su Facebook a cui mettiamo like ma che non salutiamo per strada. Per la maggior parte delle persone l’effetto perverso dell’era della condivisione si ferma a quello sguardo tra il dubbioso e l’imbarazzato, ma per le celebrity si va molto oltre.

Quando i seguaci sono milioni, per ogni fan adorante c’è un “hater” che dice quello che vuole sapendo che non ci saranno, per lui, conseguenze. L’ultimo caso in ordine di tempo è quello di Rihanna.

La cantante attualmente è quinta tra i personaggi famosi con più followers, che nel suo caso sono ben 198.789.000, frutto della somma dei fan su Facebook , Twitter e Istagram.

Omg 😍😍🔥🔥🔥 #Thickanna ( Robyn in Mexico 🇲🇽)

Un post condiviso da RiRi♡ (@ririlegend) in data:

Negli ultimi giorni è stata sommersa da una pioggia di commenti, per lo più maschilisti e volgari, diventando l’ennesima vittima del bodyshaming. La colpa? Essere ingrassata. È apparsa con qualche chilo in più su cosce, fianchi e pancia. Nulla per cui valga la pena scatenare tanta rabbia, eppure sufficiente ad animare un vero e proprio dibattito social.

A puntare il dito contro la cantante di Barbados, 29 anni, è stato Chris Spags, giornalista di ‘Barstool Sports’, che ha pubblicato un articolo sulla popstar intitolato “Rihanna farà diventare il grasso l’ultima tendenza?” nel quale sottolineava come nelle scorse settimane le curve della cantante fossero esageratamente lievitate. Riri, si leggeva nell’articolo, ora rimosso dal sito, “si è goduta un po’ troppo a lungo il servizio in camera”. Il giornalista si poi è detto “preoccupato” per le fan della cantante. Essendo Rihanna una grande influencer, secondo Spags altre ragazze potrebbero seguire il suo esempio, guadagnando chili in eccesso per assomigliare alla loro beniamina.

“Presto – scrive il giornalista – le ragazze più sexy assomiglieranno agli umani di ‘Wall-E'”, e ancora: “Ora che Rihanna se ne va in giro come se avesse indosso una tenuta da sumo, prepariamoci a un mondo di donne a forma di Hindenburg fasciate nei costumi da bagno interi”.

In poche ore l’articolo ha raccolto centinaia di commenti. Gli mater hanno dato sfogo a commenti maschilisti e sessisti ma sono scese in campo anche le fan di Rihanna, che hanno l’hanno difesa con l’hashtag #Thickanna, gioco di parole tra ‘thick’ (grosso, pieno) e ‘Rihanna’. “Sei sempre sexy”, hanno scritto in molte su Twitter, prendendo le difese della popstar ed esprimendo solidarietà nei suoi confronti. “Rihanna è ingrassata” – cinguetta qualcun altro – ma solo io penso che sia come sempre favolosa?” e ancora “Rihanna una di noi”. “Dopo essere ingrassata, avevo perso fiducia in me stessa. Adesso grazie a te, mi rivedo sexy”.

 

Un post condiviso da SHB (@shopshb_) in data:

“Non sono né un fan di Rihanna né una donna – commenta un ragazzo – ma credo che l’articolo sia ripugnante. E poi sembra scritto da un ragazzino di 5 anni”. ‘Barstool Sports’ ha rimosso il contenuto, e il direttore del blog Dave Portnoy l’ha definito “poco divertente”, pur sostenendo che in fondo, il pezzo di Spags non era poi “così cattivo”. Insomma “haters” e “lovers” fa tutto parte del gioco. Fino a un certo punto.

I love your curves What does the rest matter! #thickanna #rihannafans #rihanna @badgalriri

Un post condiviso da Mauricio Alfredo (@mauriiiismile) in data:

SOS prova costume

È tempo di esami. Tempo di panico dell’ultimo minuto e giornate passate chiusi a casa. Peccato che la materia di studio non sia né il diritto né l’economia ma la prova costume. Ma si sa, una volta che hai imparato il metodo, la storia è sempre la stessa: mesi e mesi a non fare nulla per poi passare le ultime settimane di passione tra esercizi forsennati e rimedi fai da te. Passi notti insonni a controllare se il trattamento intensivo di Somatoline agisce veramente, compri bignami dai titoli “come perdere sette chili in sette giorni” e temi il commento spietato dei tuoi giudici. Una differenza tra l’esame di economia e la prova costume però c’è: in quest’ultimo caso non puoi copiare o farti passare gli addominali di qualcuno più preparato di te.

Se siete tra quelli diligenti che iniziano a prepararsi dall’inizio dell’anno, come al solito non avete bisogno di consigli, ma per tutti quelli che pensano che 365 giorni di palestra e pollo alla griglia siano decisamente troppi, non tutto è perduto e il rush finale può dare ottimi risultati. Potrei dirvi “ basta mangiare sano e fare movimento fisico” ma questi slogan da scatola di cerali Fitness ci vengono ripetuti come un mantra da ogni mamma-nonna-allenatore-estetista-super modella di turno (“non seguo diete per tenermi in forma faccio solo tanto sport”.…ma per favore…)quindi si presume che siano acquisiti da tutti, più o meno come le mille funzioni del bifidusactiregularis …. Ecco dunque qualche consiglio in più per una terapia d’urto in vista dell’estate.

Apriamo il penoso capitolo della cellulite con una premessa: tutte le donne hanno la cellulite. Grasse o magre, giovani o adulte, la buccia d’arancia non fa prigionieri. Se anche le star di Hollywood coccolate dai massaggi più innovativi e plasmate dai trainer di grido ce l’hanno..non vedo perché noi comuni mortali con la nivea e il pacchetto da dieci ingressi dovremmo sperare di essere esentati. A tutto c’ è rimedio comunque. Bandisci prima di tutto zucchero e sale, che aumentano la ritenzione idrica e intossicano l’organismo, cammina mezz’ora al giorno per stimolare la circolazione e bevi bevi bevi (acqua!). Miracolose l’acquagym e l’idrobike, utili le tisane (al tarassaco, al finocchio o alla betulla). Per quanto riguarda l’universo sterminato delle creme, andrebbe utilizzata una crema in gel al mattino e una più corposa ad azione notturna ( e sempre a Somatoline torniamo). Una volta alla settimana alterna allo scrub i fanghi che sì sporcano e ti fanno sembrare uscita dal video Zombie di Micheal Jackson, ma assorbono i liquidi e rilasciano oligominerali. Se vi sembra eccessivo, vi dico che già se solo usaste mattina e sera una qualunque crema idratante la differenza poi si vedrebbe.

Per quanto riguarda il famoso gonfiore addominale, riduce alcool e carboidrati e il risultato sarà miracoloso. Due litri d’acqua al giorno, tre porzioni di verdura (possibilmente cruda) e due di frutta. Se ci scappa una tazza di tè verde per combattere grassi e tossine ben venga.Sull’ alimentazione ripeto sapete già tutto, ho solo una cosa da dirvi: se guardando la dieta che vi ha dato il nutrizionista vedete cibi tipo la carne di struzzo, l’agnello o qualunque altra cosa che vi sembra anticonvenzionale, non pensate “ vabbe lo sostituisco con il pollo, sarà uguale”. La combinazione degli alimenti e la variazione delle abitudini può essere importante per risvegliare il metabolismo. In altre parole: se il vostro metabolismo pigro di polli alla piastra ne ha visti passare a non finire, è possibile che vedendo arrivare uno struzzo decida di svegliarsi…

Sarà un estate da diva, all’insegna dei capelli ondulati dal sole abbinati a rossetto rosse e costumi anni ’50. spopoleranno righe, microfantasie e tendenze floreali provenienti dal Brasile…ma a tutto questo non siamo ancora pronte, ne riparliamo tra un paio di settimane…