Home / Tag Archives: Ercole

Tag Archives: Ercole

Tra archeologia classica e industriale a Tivoli: il Santuario di Ercole Vincitore

 La caduta di questo torrente fa un rumore che rimbomba nei dintorni; riempie l’aria di un vapore che dà lo spettacolo dell’arcobaleno tutte le volte che si ha il sole dietro le spalle”. “La grande cascata è costretta tra le rocce che la circondano, non ha più di trenta piedi di ampiezza, ma l’altezza della sua caduta perpendicolare di quaranta o cinquanta piedi, il suo volume d’acqua che è considerevole, e l’eco stessa delle rocce, raddoppiano in qualche modo il rumore che fa nel cadere […]. Le cartiere, le ferriere e gli altri opifici dei dintorni i cui magli battono continuamente, fanno una sorta di accompagnamento maestoso al suono della cascata, che aggiunge singolarità a questo spettacolo.

Gli appunti dei viaggiatori settecenteschi sulle celebri cascate di Tivoli ben descrivono la singolare atmosfera che fin dal XVII secolo doveva caratterizzare anche il Santuario di Ercole Vincitore. Il complesso archeologico, sorto a ridosso del fiume Aniene e delle cascatelle, fin dalla sua origine ha sfruttato la presenza dell’acqua, la quale ha accompagnato, segnandole, tutte le sue fasi storiche (fig. 1- copertina).

La strategica posizione geografica e la particolare composizione del sito hanno garantito al complesso archeologico un utilizzo duraturo nel tempo pur con notevoli stravolgimenti e cambi di destinazione d’uso. Situato all’estremità nord-occidentale della città di Tivoli, appena fuori il centro abitato, il santuario si impone sulla valle tiburtina, annunciandosi a quanti provengono da Roma.

fig.2 – Ricostruzione assonometrica del Santuario di Ercole Vincitore a Tivoli.
fig. 3 – Rappresentazione della via tecta; L. Rossini, “La creduta villa di Mecenate ma foro coi suoi edifici annessi”, incisione 1826.

I resti attualmente visibili, per lungo tempo erroneamente attribuiti alla villa di Mecenate, riferiscono di una costruzione ellenistica extraurbana sorta tra la metà del II sec. e il I sec. a. C. su una precedente area sacra dedicata al culto di Ercole, ricomprendente un mercato e uno stazionamento temporaneo di pastori transumanti. Alla semplicità della soluzione planimetrica più strettamente legata alla funzione cultuale – un piazzale rettangolare sottolineato su tre lati da portici a due piani, un grande tempio su alto podio e, in asse con quest’ultimo, la cavea theatralis (fig. 2) – si contrappone la complessità dell’ossatura muraria sostruttiva, necessaria per superare il marcato dislivello orografico (circa 50 m) che ingloba un tratto della via Tiburtina Valeria coperta da una monumentale galleria: la via tecta (fig. 3).

La prima vocazione industriale del complesso si manifesta agli inizi del ‘600, quando è attestata l’installazione di un’armeria pontificia, composta da una ferriera e da una polveriera; tuttavia, è nella seconda metà del XIX sec. che è lecito supporre sostanziali modifiche alle strutture antiche del santuario. La Società Forze Idrauliche per gli usi civili ed industriali, proprietaria del complesso, infatti destina l’area a usi diversi: parte diviene officina per la produzione di energia elettrica (all’interno del santuario viene fatto passare il canale Canevari, un collettore necessario a convogliare le acque dell’Aniene e ad alimentare la vicina centrale elettrica dell’Acquoria), e parte diviene stabilimento per la lavorazione e produzione della carta. Questo conosce un momento di forte espansione dal 1905, sotto la direzione di Giuseppe Segrè, imprenditore mantovano che rileva gli impianti della Cartiera Mecenate creando dapprima la “Segrè G.& C.” e poi la “Società anonima Cartiere Tiburtine”. Il passaggio, in questi anni, dalla produzione artigianale di carta a quella industriale porta alla necessità di disporre di ampi spazi per il trattamento delle materie prime e per la trasformazione dei prodotti semilavorati. La zona coinvolta è quella a monte del tempio, demarcata su due fronti dal criptoportico inferiore (fig.4), caratterizzato da semicolonne di ordine dorico inquadranti archi a tutto sesto (per la maggior parte di sostituzione e/o reintegrazione). Vengono costruiti ampi capannoni, all’interno dei quali sono posizionate le vasche olandesi e i macchinari per il trattamento di paglia, legno e stracci. Due di questi ambienti presentano coperture a capriate Polonceau che poggiano in parte sulle strutture in elevato del portico e in parte su murature miste in laterizi e tufo costruite ex novo (fig. 5). L’ampia documentazione fotografica e iconografica d’archivio risalente agli anni 1880-1920 conferma la datazione di questi edifici industriali. In relazione al tipo di lavorazione, oggi è possibile riconoscere le destinazioni d’uso e le funzioni originarie di alcuni dei vani: la sala riservata alla macchina continua a piano, la sala per la lavatura, la sala per la calandratura. Gli altri spazi risultano adattati alle esigenze di produzione successive agli anni ’30, quando si rendono necessari lavori ulteriori e aggiunte funzionali all’incremento della nuova produzione di carta. La notevole e costante attività di progettazione e di realizzazione degli edifici industriali è affidata da Segrè all’amico ingegnere Emo Salvati. Gli interventi si collocano tra la fine degli anni ’20 e la metà degli anni ’50, con una interruzione negli anni del secondo conflitto mondiale e possono essere così sintetizzati: sistemazione dell’area di ingresso a monte con costruzione dell’alloggio del custode e del capannone attualmente destinato a deposito; inserimento, nell’area prospiciente la grande piazza porticata del santuario e nel piazzale adiacente la “torretta Canevari” di diversi capannoni in c.a. e di passerelle; sostituzione delle sovrastrutture ottocentesche sul corpo longitudinale del complesso con una “piattaforma” con struttura a pilastri e copertura piana in c.a.

fig. 4 – Porzione del criptoportico inferiore con i residui degli ambienti della cartiera; foto dell’autrice.
fig. 5 – Ambienti della cartiera Segrè coperti con volte a “Polonceau”; foto dell’autrice.

Negli anni Trenta i Segré figurano tra gli industriali più importanti del settore cartario italiano: Giuseppe aveva lavorato presso la Ceramica Richard dal 1874 al 1878 e, dopo aver seguito i corsi liberi di chimica e tecnologia all’Università popolare industriale di Milano, aveva diretto le fabbriche Albani a Urbania e a Fabriano e le fabbriche di ceramica Palme a Pisa (poi Richard Ginori); il figlio Marco è membro del consiglio direttivo della Federazione nazionale industriali della carta e allarga la società acquistando altre cartiere a Tivoli.

La cartiera Segrè dispone inizialmente di 20 operai su una superficie complessiva di circa 450 mq, impiegati nella produzione di cellulosa di paglia e carta, ma già nel 1933 alla cartiera sono attestati 219 operai (dei quali 54 sono donne) e gli impianti si distinguono per l’introduzione in Italia della fabbricazione delle carte monolucide. Nel tempo gli stabilimenti vengono ampliati, la produzione cresce e si diversifica. A metà degli anni Trenta le categorie di carte prodotte sono nove: impacchi andanti, bustami, carta per giornale, paste biancastre forti e mezze cellulose, sealing avana, impacchi sottili, kraft, pelle aglio e pergamine, sottili bianche e mezzefini. I bombardamenti del 1943 colpiscono gravemente la cartiera, che registra ingenti danni ed è costretta ad arrestare la propria attività. È solo agli inizi degli anni ’50 che viene riattivata la produzione a pieno regime, terminata poi definitivamente nel 1956.

Il complesso del Santuario di Ercole Vincitore, dunque, attraverso una stratificazione plurisecolare racconta due millenni di evoluzione dell’attività umana, della cultura e della vita sociale; rappresenta un complesso monumentale dalle caratteristiche architettoniche eccezionali, che costituisce un unicum nel panorama dei siti archeologici (fig. 6). Il più grande dei santuari tardo-repubblicani del Lazio offre uno spaccato poco noto di archeologia industriale di primo livello di inizio Novecento.

Attualmente l’accesso all’area archeologica è limitata ad alcune zone e a occasioni sporadiche. Sarebbe invece auspicabile la rivitalizzazione dell’intero complesso e la sua restituzione alla piena fruibilità, predisponendo un intervento di conservazione che si rivolga anche all’area industriale, in modo da offrire ai visitatori un percorso completo che riesca ad abbracciare tutte le fasi storiche, l’antico e il moderno, l’archeologia classica e quella industriale.

Dr. Giorgia Aureli

fig. 6 – Il santuario di Ercole Vincitore a Tivoli, foto aerea.

 

Bibliografia essenziale

  • Tivoli. Il santuario di Ercole Vincitore, a cura di A. M. REGGIANI, Milano 1998.
  • C. F. GIULIANI, Tivoli. Il santuario di Ercole Vincitore, Tivoli 2004.
  • M. PICCARRETA, La centrale idroelettrica nel Santuario di Ercole Vincitore a Tivoli, in “Monumenti di Roma. Quaderni della Soprintendenza per i beni architettonici ed il paesaggio e per il patrimonio storico-artistico e demoetnoantropologico di Roma”, 3, 2006, 1-2, pp. 77-85.
  • L. VALDARNINI, La fase industriale del complesso monumentale del Santuario di Ercole Vincitore a Tivoli. Relazione storico-critica, Roma 2008.
  • Il santuario di Ercole Vincitore a Tivoli. Guida, a cura di M. G. FIORE, Milano 2011.
  • F. ANGELUCCI, La moderna vocazione industriale del Santuario di Ercole Vincitore a Tivoli. Le matrici delle trasformazioni da organismo archeologico ad opificio novecentesco, in “Storia dell’urbanistica”, 5, 2013, pp. 195-211.