Home / Tag Archives: fuga dei cervelli

Tag Archives: fuga dei cervelli

La rivoluzione culturale in Francia made in Italy

La Francia punta sulla cultura e lo fa grazie a (un ulteriore) talento proveniente dalla nostra penisola. In questo caso non si tratta di un artista o uno scienziato, ma di una consigliera (c’è di la definirebbe “tecnica”) che fa parte del team di Macron ed ha un ambizioso progetto: Claudia Ferrazzi punta ad attuare una vera rivoluzione culturale della mondo artistico dal basso, o meglio a rendere davvero accessibile la cultura alla totalità della popolazione.

Il proposito è quello di “raggiungere l’obiettivo del 100% di ogni generazione messa nelle condizioni di accedere alla cultura del Paese”.

Ma come fare tutto ciò? la politica culturale prescelta è chiara: rinunciare alle illustri e rinomate esposizioni per puntare ad una più capillare diffusione dell’arte in tutte le sue forme e a tutti i livelli, a partire dalla scuola.

Le direttrici indicate: non solo aumento delle ore di arte negli istituti specializzati, già attuato nelle precedenti riforme scolastiche, ma accrescimento di un approccio pratico e diretto alla branca prescelta, con la riscoperta dell’apprendimento “in bottega”; un sistema di telecomunicazione che riesca a raggiungere la popolazione nelle proprie abitazioni per far conoscere l’arte anche comodamente seduti divano di casa, una nuova prospettiva dell’arte comodamente fruibile in alternativa agli svaghi domestici; infine una concreta e più profonda commistione tra arti eterogenee e plurietniche, veicolo per una compenetrazione anche linguistica e culturale coerente con gli sviluppi globali in atto.

Quindi in concreto meno mostre collettive degli Impressionisti o personali celeberrime, ma utilizzo dei fondi pubblici per avvicinare i giovani all’arte, sia essa francese o extraparigina, per creare un vero legame tra giovani ed arte, “mettere in movimento le persone e le opere, far ritrovare loro la fisicità del rapporto diretto”: sembrerebbe il manifesto di una “Europa culturale” ed invece è il programma di diffusione artistico franco(-italico) di visione cosmopolita.